Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Sinistra. Come siamo arrivati a questo punto

La situazione politica per la sinistra in Italia è un disastro conclamato. Lasciamo da parte il PD, che non ama esser definito di destra ma ha comunque bandito la sinistra dal suo vocabolario[1] (giustificandola come scelta di comunicazione…) e si oppone al governo Lega-5S facendosi paladino delle tesi dell’euro-liberismo più oltranzista. Quanto alle formazioni che si definiscono di sinistra, quelle ancora rilevabili dai sondaggi (attorno al 2%) si stanno dividendo: Sinistra Italiana lascia LeU e Rifondazione lascia Potere al Popolo – stando ai “si dice”, per ritrovarsi insieme in una coalizione per le elezioni europee – mentre il futuro di chi va avanti con i due “progetti” resta indecifrabile; le altre, se non sono nuove e non ancora rilevate (es. Diem25), non arrivano al minimo rilevabile. Nell’insieme, non danno segni di vita come opposizione (né in piazza né in Parlamento) se non nell’impegno antifascista (imprescindibile e meritorio) avendo perso la parola quanto a proporre solu…

Alzare il tiro, per non finire nella morsa della destra

È giusto indignarsi ed è giusto scandalizzarsi per il nuovo decreto “sicurezza” voluto da Salvini. E reagire ai segnali inquietanti che provengono dal Paese, di un cambiamento del clima culturale e morale: l’arresto del sindaco di Riace è emblematico (ma su questo è il caso di tornare più avanti)[1]. Si fa sempre più insistente il richiamo a un pericolo fascista. Comprensibile per le analogie che si possono cogliere: ma è forte il rischio che si finisca così per oscurare parte del problema e sminuirne la portata. Non perché ci sia niente di peggio del fascismo ma perché il problema che oggi fronteggiamo ha un’altra dimensione e protagonisti di genere diverso. Il futuro che dobbiamo scongiurare non si chiama fascismo – e forse dobbiamo ancora trovargli un nome. Ciò non toglie che sia giusto partire da lì. È dalla storia che dobbiamo imparare e la storia del fascismo continua a fornirci insegnamenti di grande attualità. 
Quelle che propongo qui sono considerazioni che mirano a questo: un …