Passa ai contenuti principali

Dove andremo a finire?

C e l’hanno fatta. E l’hanno fatta grossa.
Un oltraggio allo spirito e alla lettera della Costituzione. Uno scempio dei principi fondamentali della democrazia moderna. Uno strappo al tessuto della vita politica che arriva fino a minare la convivenza civile e la tanto declamata coesione sociale. Per che cosa poi?

Ettore Rosato
È molto probabile che non ci siano i tempi e le procedure (anche se basterebbe un atto della "Carica Più Alta dello Stato" che andasse appena oltre il sermone di circostanza, purtroppo del tutto improbabile) per impedire che per la quarta volta in pochi anni il popolo italiano sia costretto a eleggere i suoi rappresentanti secondo un sistema di voto contrario alla Costituzione. Ragioniamo dunque su ciò che quasi certamente accadrà.

Seduta parlamentare sul Rosatellum

Il dato più importante e più evidente è che si è formata una nuova coalizione di governo (PDR-Alfano-Verdini) che non avrebbe i numeri per governare ma ha avuto la maggioranza necessaria a varare la legge elettorale con l'appoggio delle (altre) destre, a parte Fratelli d'Italia.

In piazza contro il Rosatellum
Sarà questa anche la maggioranza destinata a governare dopo le elezioni? Il populista Renzi, quello che racconta di voler fare da argine alla destra populista e si prepara a una campagna elettorale centrata sulla santa alleanza (e il voto utile) per respingere quel pericolo, proprio lui il giorno dopo le elezioni dovrebbe candidarsi a governare con Salvini, oltre a Berlusconi e Verdini? E l'altro Matteo, quello che "con Renzi neanche un caffè", lo stratega padano che da tempo gioca tutte le sue carte sull’idea di mobilitare le masse sulla parola d'ordine " Renzi a casa", proprio lui il giorno dopo le elezioni dovrebbe risolversi a votare un governo Renzi solo perché questo è il prezzo che Berlusconi gli chiede in cambio di una legge che gli consente di raddoppiare i parlamentari nei collegi lombardi?

Denis Verdini

Certo, la degenerazione della politica italiana ha raggiunto livelli inimmaginabili, ma forse uno scenario di questo genere apparirebbe un tantino osceno anche a chi considerava normale votare in Parlamento la mozione sulla nipote di Mubarak, immagine indelebile dei fasti della XVI Legislatura proprio come il Rosatellum lo sarà per la XVII.
Una discreta fetta di questo Parlamento può vantare entrambi gli allori: ma quegli altri, una fetta ancora più larga, approdati per la prima volta all’onore di rappresentare il popolo italiano, che potranno vantare di aver votato otto volte la fiducia su questa legge? e i componenti del governo che, per cortesia istituzionale e lealtà nei confronti del partito, ben si intende, quella fiducia l’hanno posta? con quali credenziali si presenteranno agli elettori fra qualche mese?

Presentatore mozione "nipote di Mubarak"
Dopo tanto scempio, quale risultato ci si deve attendere, sia pure da un’elezione così inquinata e coartata? Nessuno possiede la sfera di cristallo, ma possiamo dire che un bookmaker non quoterebbe certo il PD né come primo partito (favorito essendo ad oggi il M5S) né come perno di una coalizione vincente (favorita essendo oggi la destra), ammesso che riesca ad aggregarne una, al di là di qualche lista civetta o della destra alfanian-verdiniana.

conclusione seduta su "nipote di Mubarak"

Riesce quindi difficile immaginare che il Capo dello Stato possa affidare il primo incarico esplorativo ad altri che al “capo politico” del primo partito. Se poi volesse prendere in considerazione le coalizioni - con una forzatura istituzionale di non poco conto persino in base all’impianto sgangherato del Rosatellum - per quella di destra occorrerebbe rivolgersi al “capo politico” di uno dei due partiti che si piazzerebbero in terza posizione, se non in quarta in caso di sorprese, tutt’altro che da escludere, dalla lista di sinistra.
La situazione, è chiaro, può cambiare. Se il candidato di Renzi in Sicilia dovesse superare il 30% per battersela con destra e 5S, lo scenario potrebbe cambiare. Ma quanto?

In piazza contro la mozione "nipote di Mubarak"

Se i due Matteo non possono stare nella stessa maggioranza, una maggioranza non ci sarà, né con Renzi in sella né con Renzi nella polvere. Si torna subito a votare? con una legge elettorale in forte odore di incostituzionalità e con un Parlamento in cui i fautori di quell’obbrobrio potrebbero comunque ritrovarsi in minoranza e un’altra maggioranza potrebbe lavorare a una diversa legge elettorale?

"nipote di Mubarak"

Non vorrei essere nei panni di un bookmaker londinese che accettasse scommesse sulle elezioni italiane del 2018. Però, mi viene da dire, può darsi che chi lavora a una prospettiva strategica per la sinistra italiana trovi in questo scenario un forte stimolo a ragionare in termini inediti, con un respiro più ampio e in un panorama meno opprimente di quello che ci è stato offerto dalle vicende parlamentari degli ultimi mesi. Alla faccia del Rosatellum.

Commenti

  1. "Ce l’hanno fatta. E l’hanno fatta grossa" , ma fuori dal vaso (aggiungiamo dalle mie parti)

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Questo blog personale è aggiornato senza periodicità, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale (legge n. 62/01).
Eventuali immagini provenienti da fonti non correttamente citate o che violano involontariamente diritti d’autore saranno rimosse se fatto presente a gianprincipe@hotmail.it.
L'autore non risponde dei commenti dei lettori, che saranno rimossi se ritenuti lesivi per terzi, né per i siti collegati da link.
Si possono condividere i contenuti riportando la fonte.

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…