Passa ai contenuti principali

L'unità della sinistra e gli ippogrifi


Il dibattito sull'unità della sinistra ha la sua importanza, in un Paese dove il popolo di sinistra (che c'è) vorrebbe tanto ritrovarsi in un partito (che non c'è). Ma così come viene riportato dai giornali (che selezionano a modo loro gli interlocutori) è un dibattito che appare spesso surreale.
C'è anche il vizio radicato di adottare schemi e linguaggio politicisti, che alla gente comune risultano astratti e poco comprensibili: tipico il tormentone del trattino tra centro e sinistra. Ma almeno questo genere di dibattito un significato ce l'ha per chi vive di tattiche, alleanze, inciuci e ammiccamenti. Il surreale si ha quando si esce dalla logica aristotelica e si sollevano problemi senza consistenza reale: come chiedersi se la sinistra deve o no cavalcare l'ippogrifo.


Un esempio di questo “pensare l'irrealtà” è la “pregiudiziale Pisapia” che tanto appassiona i commentatori (quelli estranei, se non ostili, a qualunque cosa possa anche solo far pensare alla sinistra). Che trovano a loro volta personaggi in cerca di un posto a sinistra ingolositi dal microfono o dalla penna messa a loro disposizione. Prende così corpo il sillogismo bizzarro: se è vero che – essendo Socrate ateniese – tutti gli ateniesi sono Socrate deve essere altrettanto vero che - dichiarandosi Pisapia “federatore” - chiunque aspiri all'unità della sinistra non può che essere Pisapia. Non sei un Pisapia? Non vuoi l'unità.
Non so cosa pensi l'ex sindaco di Milano di simili amici e amiche (dai quali forse dovrebbe pregare Iddio di guardarlo). Mi permetto però di consigliare, a chiunque abbia davvero a cuore l'unità della sinistra, di scendere dalle nuvole e di cominciare a parlare, e a ragionare, terra terra (ci vuole il trattino?). Partendo da quello che dice Pisapia, che sta sul politicista ma si dichiara: lui è per il rilancio dell'Ulivo, come unione tra centro e sinistra (trattino o non trattino, Tabacci è con lui).


Ora si dà il caso che egli non è l'unico federatore (così come Socrate non era l'unico ateniese). In tanti, per dire, si sono ritrovati attorno all'appello di Falcone e Montanari: per federare, sì, ma attorno a alcuni principi, enunciati nella Carta Costituzionale, a partire da quello di uguaglianza (l'articolo 3). Stando alle dichiarazioni pubbliche, hanno il sostegno di quasi tutte le formazioni di sinistra, ma non di Campo Progressista (forse in nome di quel centro, ma senza troppe spiegazioni).
Premetto che conosco molte persone a cui mi considero legato da sincera amicizia e che stimo, che guardano con interesse a Campo Progressista. Ne conosco altre, di MDP, con cui ho avuto dissensi molto forti per tutto il periodo in cui sono stato nel PD, di cui non condivido la cultura né gli schemi concettuali (che non mi sembrano cambiati da allora): con loro tuttavia riconosco ci si debba confrontare, ora che hanno fatto la scelta di lasciare quel partito segnando pur sempre, con un atto impegnativo, una rottura politica di cui non sottovaluto l'importanza.
Ma, come sembrano dire tutti e tutte, è sui contenuti che ci si deve confrontare. Senza pregiudiziali? Ovviamente. Ma confrontarsi significa portare argomenti, con l'obiettivo di arrivare a qualche punto fermo.


Propongo come esempio il lavoro, il mio campo di interessi. Nel confrontarmi con altre persone che si collocano a sinistra (almeno soggettivamente e, appunto, senza discriminanti pregiudiziali a questo proposito) incontro posizioni che affrontano il problema assumendo i vincoli posti dal mercato in un'economia capitalistica, nella convinzione che altrimenti si cade nell'utopia.
È legittimo pensarlo anche se, a mio parere, è profondamente sbagliato perché si finisce in contraddizioni inestricabili. Perché il mercato, per le sue leggi interne, porta a creare seri "ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini impediscono il pieno sviluppo della persona umana". E' da queste contraddizioni che nasce la proposta di ripristinare ”l'articolo 17 e 1/2” che nessuno sa in che cosa consista e che comunque per quel ½ mancante non può che contraddire tutta una sfilza di principi fondamentali enunciati nella prima parte della Costituzione. Oppure la scelta di uscire dall'aula (se non votare a favore) sul ripristino dei voucher. Sono queste le soluzioni che si pensa di prospettare al popolo della sinistra silente, quelle su cui ci si attesterebbe in Parlamento? E chi si pensa di convincere?
Nessuno risponde, almeno dalla parte di MDP che non sostiene il ripristino bello e buono. Quanto a Campo Progressista, ci si deve accontentare di dilemmi: del tipo “è il continuo aumento di flessibilità la strada maestra per incrementare l'occupazione o è tempo di cambiare versante di intervento tramite interventi di promozione della domanda?” (questo si legge sul loro sito come sintesi della “Officina” che riguarda il Welfare e il Lavoro, perché in quella dei Diritti il lavoro non è contemplato). Dopo aver posto la domanda, vogliamo cercare insieme la risposta? Ben venga. Dove? Come?


Appena si pone questa domanda si profila all'orizzonte l'ippogrifo. Si mettono insieme personaggi anziché idee, si chiede loro se ci stanno a cavalcare un ippogrifo, non cosa pensano nel merito delle questioni. Che va affrontato in sedi dove il contraddittorio sia ammesso, anzi sia il metodo standard; e sia finalizzato a verificare se una sintesi è possibile: come tutti vorrebbero ma nessuno sa in quale luogo mitologico si trovi e in groppa a quale ippogrifo ci si arrivi.
Eppure quel che sarebbe più importante è proprio impegnarsi a costruire luoghi “di tutti” dove ci si confronta nel merito, articolati sui territori e che consentano aggregazioni “verticali” sui temi. Anziché far partire la gara a quale luogo è più “di tutti” come se il problema fosse quello e non il contrario: quale luogo può essere considerato “di nessuno” per appartenere a tutti. Perché se nel “mio” luogo ci viene Pisapia (ovvero Acerbo), questo non lo rende più “di tutti” rispetto a qualunque altro luogo.
Competition is competition”? Che miseria. Ma quel popolo di cui parlavo all'inizio dovrà ergersi a collettivo “re Salomone”. Scovare e punire chi, pur di dire “mio”, è disposto a far morire squartato il bimbo conteso. Altrimenti, certo, ognun per sé e nella misera competizione ci si conterà.
Ma, attenzione, il popolo è pronto a giudicare sia del merito (chi lo affronta e chi no) sia del metodo. Che significa poi il potere, ovvero la democrazia: se il cittadino è considerato sovrano o suddito. E se il gioco sarà tra apparati disuniti su tutto tranne che sul disprezzo del cittadino elettore il risultato sarà quello tristemente già visto.


Ma qualcosa si è messo in moto, a partire dal Brancaccio. E nei partiti organizzati ci si sta confrontando proprio su questo: sul Brancaccio, inteso non come le persone che l'hanno promosso ma come l'idea di un processo che accomuna nella condivisione dei principi di democrazia e di uguaglianza. Fino in fondo, fino a toccare il sancta sanctorum, l'articolo 49 della nostra Costituzione: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

Dove le parole chiave sono liberamente, concorrere e democratico. Sennò i partiti, da fondamentali che dovrebbero essere, si trasformano in ostacolo all'attuazione della Costituzione.

Commenti

  1. In parole banali si potrebbe riassumere il tutto in una considerazione di questo tipo: Se i comedianti scritturati nel parlamento e ex , dichiaratisi di sinistra superassero l'appartenenza cortilizia per mettere in atto l'appello scaturito dal Brancaccio certamente sarebbe un percorso concreto per offrire agli Italiani un alternativa credibile per un Italia da ricostruire. Chissa' se il senso civico prevarra', me lo auguro pensando in particolare al bene delle nuove generazioni.

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Questo blog personale è aggiornato senza periodicità, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale (legge n. 62/01).
Eventuali immagini provenienti da fonti non correttamente citate o che violano involontariamente diritti d’autore saranno rimosse se fatto presente a gianprincipe@hotmail.it.
L'autore non risponde dei commenti dei lettori, che saranno rimossi se ritenuti lesivi per terzi, né per i siti collegati da link.
Si possono condividere i contenuti riportando la fonte.

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…