Passa ai contenuti principali

Lo sguardo di Trentin su una sinistra che si è smarrita

Ho cercato di fare un altro discorso mettendo sotto accusa il collante culturale proprio alla destra, alla sinistra e al centrismo del partito, ossia la politica intesa come scienza dell’occupazione dello Stato, come alchimia di schieramenti o al meglio come tattica di transizione formulata in nome e in attesa di un destino storicamente certo…
Ho trovato molti alleati per il metodo suggerito dal mio intervento – non un Congresso ma prima una Convenzione programmatica per cominciare a dare corpo ad un nuovo modo di fare politica e ad una competizione progettuale tra le varie anime della sinistra. Ma sono convinto che poche sono le convergenze con la sostanza della mia critica e della mia proposta. Resta il fatto, che spero non peggiori, di una impressionante regressione culturale e politica che ha segnato molti interventi, di un pragmatismo senza principi e senza idee dei giovani sciacalli assetati di potere e di immagine (salire su qualsiasi treno pur di non restare in stazione) il quale può benissimo coesistere con un settarismo dettato dal conflitto sulla esclusione da una gestione consociativa del potere...Avvertivo e avverto tuttora un senso di estraneità molto più profonda di quello avvertito in altri momenti della lotta politica in seno al partito. Un senso di estraneità che mi preoccupa per primo, perché mi rendo conto di quanto si stia approfondendo la diversificazione politico-culturale tra le varie anime del partito e contemporaneamente di quanto aumentino le differenze tra queste anime e le preoccupazioni di uomini – pochi, tanti? – come me.
Non so se si potrebbero usare parole più chiare e più lucide, nella loro crudezza, per descrivere ancora oggi le dinamiche interne ai partiti e alle formazioni di ogni genere che discendono in linea diretta dalla comune radice del PCI. Senonché non sono parole di oggi, non si riferiscono alla fase attuale ma sono state usate poco meno di trent’anni fa da Bruno Trentin, una figura per molti, come per me, indimenticabile, a proposito della transizione di quel partito verso il nuovo approdo che, con il cambio del nome (da PCI a PDS) avrebbe dovuto segnarne una profonda mutazione politico-culturale.
Un Comitato Centrale durato un’intera settimana ha solo in parte scongiurato uno scontro assurdo e politicamente intollerabile sul nome del partito e ha costretto solo in parte Occhetto a ridisegnare la sua proposta – ma qui è emersa tutta l’improvvisazione e la povertà culturale che ne hanno dettato i modi e i tempi…

Le citazioni sono tratte dai “Diari 1988-1994” che Ediesse ha deciso di pubblicare affidandone la cura a Iginio Ariemma che è stato forse la persona politicamente più vicina a Trentin negli utlimi anni della sua vita. Una decisione dovuta alla generosità e al coraggio di Marie Padovani, la moglie cui per testamento era stata affidata (sul se, come e quando pubblicarli).
Lo stato poco confortante (ad essere buoni) della sinistra italiana affonda le sue radici nel passaggio storico del 1989, quello che doveva segnare la “fine della storia”. Ma è un passaggio ancora ben poco analizzato e questa lacuna è una tragedia per l’intera storia nazionale visto che alla mancata elaborazione concettuale attorno a quel passaggio nella sinistra (qui mi riferisco anche alle componenti socialista e cattolica) ha fatto da contraltare un rovinoso atteggiamento di tracotanza (vae victis!) nel campo della destra e soprattutto nella palude trasformista (eufemisticamente definita centrista) che ha attraversato come una costante immutabile l’evoluzione politica dello Stato unitario sin dalla sua formazione e che inquina e degrada la vita politica ai giorni nostri.


Ci sarà un giorno in cui nei centri di elaborazione culturale del Paese ci si risolverà ad affrontare questo nodo con un lavoro serio di ricostruzione storico-culturale (mettendo magari per un attimo in secondo piano gli studi “di carattere quantitativo” su cui i giovani sono costretti a misurarsi per fare carriera accademica). Quel giorno, la testimonianza di un protagonista indiscusso di quella fase di passaggio, come Bruno Trentin, sarà oggetto obbligato di studi approfonditi. E ne verrà un grande aiuto a una sinistra che tarda a fare i conti con la propria storia.
In un contesto mondiale che impone prezzi durissimi alle comunità nazionali che perdono coesione e capacità di iniziativa, non ci si può permettere il lusso di galleggiare sui propri errori in una sorta di allegra ebbrezza collettiva. La speranza che l’Europa potesse supplire, producendo un salto di dimensione del problema, si è rivelata fin qui illusoria perché gli squilibri, se pure si attenuano verso l’esterno, si fanno sempre più feroci all’interno, con buona pace di chi sperava che si sarebbero stemperati in una comunità più ampia.


Ora che il PD ha portato alla conclusione più chiara e più tragica al tempo stesso il processo che Trentin aveva lucidamente individuato tanti anni fa, ci si arrovella, a sinistra, su quale via seguire per ritrovare un’unità. Che è richiesta, più che dai “chierici”, dalle masse emarginate e colpite dalla crisi. Le pagine di Trentin su questi temi, sui limiti del socialismo e del comunismo nella concezione dell’eguaglianza (concepita solo dal lato degli effetti, come eguaglianza redistributiva) e quindi privata del fondamento insito nella libertà dell’individuo (come affrancamento dall’oppressione in tutti i sensi e gli ambiti della vita), sono di grande attualità e andrebbero meditate come meritano. Ma dalle pagine da cui ho tratto le citazioni iniziali viene soprattutto un insegnamento di fondo che dovrebbe guidare l’azione di chiunque si ponga oggi l’obiettivo di restituire alla società italiana una sinistra politica convincente e convinta: la necessità di un riesame onesto, prima che lucido, della storia passata, delle analisi errate e delle scelte sbagliate che l’hanno costellata.


In fin dei conti le tensioni che attraversano oggi la sinistra sono in massima parte dovute a ciò. 
Da una parte c’è chi dimostra l’apertura mentale, lo sforzo di ridefinire uno schema concettuale che faccia i conti fino in fondo con i limiti non solo della sinistra di tradizione comunista ma di quella socialdemocratica; non solo quindi con il fallimento dell'esperimento del comunismo sovietico ma con la sconfitta cui è andato incontro il modello socialista di compromesso con la libertà del mercato quando, con la fine della divisione in blocchi, la destra liberista ha portato a compimento la rottura, ricercata sin dagli anni Ottanta, dell’equilibrio che si era realizzato dopo la guerra mondiale. 
Dall’altra, c’è chi rimane vincolato alle “alchimie di schieramenti o al meglio alle tattiche di transizione”, tornando alle parole di Trentin: chi resta ingabbiato nella mancanza di alternative che rappresenta la trincea in cui si è rifugiato il dogma neoliberista per non essere sopraffatto dai fallimenti registrati dopo la crisi del 2008. Chi perpetua quindi quello che è stato il limite costante della sinistra italiana che Trentin osservava, sin da quegli anni di transizione, con angoscia e sofferenza testimoniata, pagina dopo pagina, dai suoi diari.



La sinistra può rinascere solo se si dimostra capace di sfidare il rischio insito nel ripartire con grande libertà di pensiero dalle domande fondamentali che si pongono per gli uomini e le donne al cui destino siamo accomunati. Non se continua a prevalere chi non dimostra questo coraggio. 

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…