Passa ai contenuti principali

In nome dell'unità, pensare la divisione

Alzi la mano chi preferisce una sinistra divisa: all’incirca nessuno. Unita a tutti i costi? No. Solo in pochi sono disposti ad abbassare tutte le barriere.
Non si parla d’altro, ma se la si mette in modo così banale si può capire che il senso di nausea prenda il sopravvento tra i più. Va però meglio se il discorso affronta il problema di come arrivare all’unità.


C’è chi vede due opzioni in campo: “un'unione fredda che punti ai voti in uscita dal PD, capace di garantire alle varie leadership la riconferma in parlamento” oppure “un esperimento nuovo, a cui tutti gli ex portino acqua senza chiedere nulla in cambio, sciogliendosi in un soggetto unitario, con un percorso dal finale aperto e linea politica, candidature e ruoli d'indirizzo non stabiliti in accordi di vertice”È lo stesso auspicio che abbiamo letto sul Manifesto[i], ma prendo a prestito questa formulazione di sintesi da Emanuele Dolce. Che peraltro prevede per la prima ipotesi un destino elettorale poco brillante (superare a fatica la soglia di sbarramento”), ma la considera enormemente più probabile.
Eppure, se si imposta il ragionamento seguendo un percorso alternativo, imparando un po’ di saggezza da re Salomone, si può arrivare a conclusioni anche molto diverse. Vediamo come.


Proviamo a immaginare, senza riguardo per il tabù dell’unità, che cosa avverrebbe in caso di divisione, se le due ipotesi si avverassero entrambe (in concorrenza tra loro). con qualche leadership disposta a una “devoluzione” (ossia a sposare la seconda via) e qualche altra no. E domandiamoci: in questo caso, quale delle due avrebbe un consenso elettorale maggiore?
Non me ne voglia chi considera la prima ipotesi preferibile, o la seconda indigeribile (ce ne sono, non sono una pura ipotesi astratta), ma una caterva di indizi portano a dire che non ci sarebbe partita. Potrei rinviare ai post in cui ne ho parlato, a proposito del voto del 4 dicembre e delle ultime amministrative [ii] ma il divario è davvero notevole. Nelle comunali di quest’anno il confronto è stato davvero impari e le liste civiche di sinistra (con “devoluzione” da parte dei partiti) hanno superato i Cinquestelle, uguagliando sostanzialmente i voti di lista del PD.


Le elezioni politiche sono un’altra cosa? A chi muove questa obiezione potrei ricordare il caso delle regionali in Liguria del 2015, dal carattere politico innegabile. Nell’ambito della coalizione che sosteneva Luca Pastorino (arrivata al 10%) I voti della lista del presidente (pur presentata in due province su quattro) sommati ai voti del presidente (disgiunti o senza lista) superavano quelli della lista di coalizione di sinistra (presente dappertutto).
Una volta fatta questa considerazione, ci consiglierebbe re Salomone, potremmo domandarci se l’unità attorno alla seconda ipotesi potrebbe riportare più voti della somma delle due ipotesi presentate separatamente agli elettori. E mi sentirei di rispondere affermativamente: nel senso che il “quid” in più per una sinistra unita scatta se si offre l’immagine di una convergenza su un’idea comune per il futuro dell’Italia. Non se si appare come naufraghi aggrappati a una scialuppa di salvataggio.


Ci sono formazioni (inteso come leadership) disponibili a sfidare questi dati e a scommettere sulla loro capacità di aggregazione rispetto a quella delle liste costruite secondo la seconda ipotesi? Non lo escludo, ma sono disponibile a fare un’apertura di credito a favore della loro ragionevolezza.
E i programmi? Non li ho dimenticati affatto. Ma, per cominciare, se si va sulla seconda ipotesi, il lavoro di sintesi si fa tutti insieme. E poi, se non si ha una concezione dell’elettorato molto elitaria e aristocratica (tipo quella, molto dalemiana, secondo cui il popolo italiano è per sua natura di destra) si deve pur credere che il maggiore consenso elettorale per la seconda ipotesi nasca anche da una più chiara scelta di campo per la democrazia e l’uguaglianza.


Infine: tutto il ragionamento poggia su un’ipotesi di legge elettorale proporzionale senza coalizioni, come quella in vigore se si votasse domani. Cambierebbe nel caso (che appare improbabile) di un ritorno alle coalizioni? Si potrebbe pensare che diventerebbe più probabile l’ipotesi di una divisione tra liste che si ritroverebbero poi in coalizione: ma più probabile non significherebbe più convincente per gli elettori. Per il ragionamento esposto fin qui per le liste, né più né meno. Anzi, meglio due liste in competizione che una coalizione di liste che fossero in competizione principalmente tra loro.
Il tempo stringe, la strada è impervia, non è detto che la ragionevolezza prevalga. Ma se il PD perde smalto i Cinquestelle non vanno molto meglio e la destra cresce ma è divisa e non tutti hanno dimenticato le sue gesta. Lavoriamo per la seconda alternativa e l’unità avrà qualche chance. Soprattutto l'unità con l’elettorato.





NOTE
[i] https://ilmanifesto.it/ultimo-treno-a-sinistra/
[ii] Sulle amministrative 2017, https://giovanniprincipe.blogspot.it/2017/06/lassemblea-del-brancaccio-e-le-elezioni.html , Sul referendum  http://giovanniprincipe.blogspot.it/2016/12/lettera-di-auguri-per-un-anno-di-svolta.html

Commenti

  1. Caro Giovanni,
    sono d'accordo sulla scelta dell'opzione che tu proponi, ma non lo sono piu' nel momento in cui tutto il discorso è giustificato da quanti voti in piu' prenderebbe nelle prossime elezioni, piu' dell'altra ipotesi (almeno ho capito così, ma sono i piu' che fanno questo stesso ragionamento ). Io scelgo quella "con un percorso dal finale aperto e linea politica, candidature e ruoli d'indirizzo non stabiliti in accordi di vertice” perchè questa mi richiama, piu' che un risultato immediato, un PERCORSO DI COSTRUZIONE. E ce n'è tanto da fare, non solo sotto il profilo delle idee e dei programmi (concreti e sostenibili), ma anche sotto quello del consenso non effimero e della creazione di una partecipazione intelligente e diffusa, quindi di un'organizzazione ma nè solida nè liquida. Io vado per 75, mi resta poco ormai, ma non ho fretta. Cordialmente Giuseppe

    RispondiElimina
  2. Caro Giovanni,
    sono d'accordo sulla scelta dell'opzione che tu proponi, ma non lo sono piu' nel momento in cui tutto il discorso è giustificato da quanti voti in piu' prenderebbe nelle prossime elezioni, piu' dell'altra ipotesi (almeno ho capito così, ma sono i piu' che fanno questo stesso ragionamento ). Io scelgo quella "con un percorso dal finale aperto e linea politica, candidature e ruoli d'indirizzo non stabiliti in accordi di vertice” perchè questa mi richiama, piu' che un risultato immediato, un PERCORSO DI COSTRUZIONE. E ce n'è tanto da fare, non solo sotto il profilo delle idee e dei programmi (concreti e sostenibili), ma anche sotto quello del consenso non effimero e della creazione di una partecipazione intelligente e diffusa, quindi di un'organizzazione ma nè solida nè liquida. Io vado per 75, mi resta poco ormai, ma non ho fretta. Cordialmente Giuseppe

    RispondiElimina
  3. "unità" è una parola che suona bene , ha un qualcosa di positivo . Se poi è il nome del fu giornale di gramsci, allora è una garanzia . Bene,la invochiamo su tutti i palchi e le occasioni !! chi troverai che osera' contraddirti ? o meglio , che ti chiederà che cosa intendi, con quali limiti , con chi e con chi no, in quali occasioni, se tattica o strategica, ecc. Una volta di piu' mi si conferma che la sinistra è molto brava nell'individuare il titolo del tema, ma quando si mette a svolgerlo, il foglio resta bianco.

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Questo blog personale è aggiornato senza periodicità, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale (legge n. 62/01).
Eventuali immagini provenienti da fonti non correttamente citate o che violano involontariamente diritti d’autore saranno rimosse se fatto presente a gianprincipe@hotmail.it.
L'autore non risponde dei commenti dei lettori, che saranno rimossi se ritenuti lesivi per terzi, né per i siti collegati da link.
Si possono condividere i contenuti riportando la fonte.

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…