Passa ai contenuti principali

La legge elettorale e la lezione del referendum: mai sottovalutare gli elettori

La legge elettorale è ancora in discussione ed è probabile che ci riservi altre sorprese. Nonostante ciò, si può azzardare qualche commento sui punti che sembrano chiari e sugli sviluppi probabili. Innanzi tutto, quale vantaggio intendono trarne, i partiti che hanno raggiunto (almeno fin qui) l’accordo. E perché due punti sono considerati “irrinunciabili”: la soglia di sbarramento e il no al voto disgiunto (su quest’ultimo punto però con tensioni all’interno dei Cinquestelle).

Le ragioni di un accordo a sorpresa...
Per la soglia del 5% la spiegazione è facile, l’idea di spartirsi in quattro un “premietto” di maggioranza. Non un premio a un solo vincitore ma un bottino proporzionalmente ripartito.
Meno facile la risposta sul marchingegno mini-collegi uninominali / maxi-collegi proporzionali con l’impossibilità di esprimere un voto disgiunto (la croce sarà messa su una e una sola casella per ogni partito). A ben vedere c’è una certa “irragionevolezza” nel concedere all’elettore la possibilità di scegliersi un rappresentante “di prossimità” ancorato al territorio che lo elegge e però negargliela lasciando una sola scelta tra il partito, con la sua lista, e quel rappresentante. Si dà per scontato che in questo modo ”verrà sempre premiato il simbolo, a tutto vantaggio dei grandi partiti, e a danno della libertà di scelta dei cittadini[1]. Se non è una porcata, una cosa da magliari[2]: se non un Porcellum, un Fraudulentum…


Per PD e Cinquestelle l’idea è di far leva su persone conosciute nel territorio, con una immagine meno logorata, perché facciano da traino al voto di partito: entrambi con in testa la sfida per il primo posto, che darà diritto all’incarico iniziale (esplorativo) per la formazione del governo. Per la Lega può servire a rafforzare la loro immagine di partito territoriale (il loro “vantaggio competitivo” in molte aree del nord). Forza Italia invece potrà sfruttare qualche nome di richiamo, destinato poi a restare a casa, salvo ripescaggio con la candidatura nel listino proporzionale. Che in quel partito sarà l’unico modo per varcare la porta del Parlamento, le cui chiavi sono saldamente nelle mani del Capo.

...una nuova conventio ad excludendum
Al di là di questo, il vantaggio principale sarebbe quello di impedire che un candidato, “non allineato” con nessuno dei quattro partiti possa farcela in un territorio per le sue posizioni o per l’attività svolta. Impedendo il voto disgiunto, su questo si incentrano i commenti critici, l’elettore che, pur apprezzandolo, non intende rinunciare al voto “di appartenenza” per il partito nazionale sarebbe scoraggiato dal votarlo. Si consideri che i vincitori nei collegi uninominali sono eletti (sembra) anche se il partito collegato non supera la soglia: con questo sistema sarebbe invece scongiurato il rischio di ritrovarsi eletto un “estraneo” in barba allo sbarramento.


La tecnica del waterboarding: un gioco d'azzardo contro la democrazia...
C’è un disegno di prospettiva in questo complicato marchingegno? La risposta degli osservatori è quasi unanime: quello di arrivare a una composizione del Parlamento tale per cui l’alternativa secca sia tra un’intesa PD-Forza Italia e il ritorno al voto
Scavando un po’ oltre, ci si accorge che l’intesa PD-Forza Italia sarebbe possibile solo se si verificassero insieme svariate condizioni: il PD avanti al M5S; FI avanti alla Lega; nessun altro partito oltre il 5% (a parte quello di Alfano, che però è il più lontano dalla soglia); dulcis in fundo, convergenza di tutti, in PD e FI, su Renzi premier: tra tutte, la condizione che viene data maggiormente per scontata mentre appare sempre più irrealistica.
Dunque la prospettiva sembra essere, banalmente, il ritorno al voto. 
Un marchingegno concepito per dare la massima forza cogente all’argomento del “voto utile”, in una campagna elettorale all’insegna dell’azzardo, come premessa per una strategia che non saprei come altro definire se non di “waterboarding[3]. Mettere l’elettore di fronte a un voto senza esito, anche ripetutamente, finché non si risolve a portare uno dei partiti alla maggioranza assoluta.



...che può essere sconfitto. Da un'alternativa di sinistra
Ho già scritto in precedenza[4] che questo assassinio della democrazia può essere sconfitto, questa idea sradicata dalla nostra vita politica. In cui ha invece preso piede già con il Porcellum, poi con le larghe intese, da Monti a Gentiloni passando per Letta e Renzi, fino alla prospettiva di un’elezione-ricatto.


La pentola però può uscire senza coperchio e dare un risultato inatteso. Perché possono essere rovesciate le premesse. Il no al voto disgiunto può far sì che candidati riconosciuti e democraticamente selezionati dal basso facciano da traino per una formazione di sinistra che superi abbondantemente la soglia. Basta puntare sulla possibilità che la loro credibilità faccia premio sul senso di appartenenza, in fortissimo declino per tutte e quattro le formazioni oggi prevalenti. Che un programma alternativo sia considerato preferibile (e realistico) rispetto a una politica che assomma clientelismo, populismo, affarismo e cinismo portando a un aumento delle diseguaglianze e a un progressivo smantellamento di diritti fondamentali.
Significa programma condiviso e primarie per i candidati.
Non sono utopie.

E non è troppo tardi perché i giochi sono fatti. Né troppo presto perché non siamo preparati.

Il tempo è ora.







NOTE
[1] M. Villone “Al tedesco taroccato do 5 e mezzo”, Il Fatto quotidiano 6/6/17. Nonostante questo giudizio aggiunge tuttavia il dubbio che difficilmente la Consulta potrà rinvenirvi una “manifesta irragionevolezza” tale da portarla a bocciare il testo. 
[2] Riferimento all’omonimo film con Alberto Sordi: memorabile la battuta sulla “lana mortaccina” spacciata per lana vergine.
[3] La tecnica di tortura che sfiora ripetutamente l’annegamento resa famosa per essere stata autorizzata da Bush nel 2006 per gli interrogatori nella base di Guantanamo
[4] http://giovanniprincipe.blogspot.it/2017/04/sistema-elettorale-e-crisi-della.html In quel post qualcuno ha letto una difesa del maggioritario in quanto vi sostenevo tra le altre cose che “non la legge elettorale maggioritaria ma il sistema politico costruito sulle macerie del teatrino delle marionette berlusconiano è un attentato ai diritti del popolo sovrano”. In altre parole, è la convergenza al centro e la negazione di ogni possibile alternativa ad aver soffocato la democrazia, e le leggi elettorali sono state sfornate negli ultimi quindici anni al solo scopo di favorire questa deriva autoritaria. Non sfugge a questa caratteristica quella che sta venendo fuori, anche se può dar luogo a una classica “eterogenesi dei fini”, come qui sostengo







Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…