Passa ai contenuti principali

Fine della Seconda Repubblica. Opportunità e incognite

Non era difficile prevedere, sin dalla vigilia del referendum, che con la vittoria del NO avremmo assistito al tentativo della “vecchia guardia” del PD di riprendersi il partito. E che sarebbe però fallito perché quelli della Ditta “senza più il “corpaccione”, il ”ventre molle” definitivamente bruciato dall'adesione al renzismo, avrebbero dovuto rassegnarsi alla definitiva marginalità.” Avrebbero potuto tentare, tutt'al più, di riconquistare un minimo di credito in chi ha lasciato il PD ma è rimasto nei suoi paraggi. Avendo però pochissime chance di estendere quel credito al corpo elettorale.
Lo scrivevo il 3 dicembre: il referendum avrebbe inevitabilmente determinato la fine del PD, indipendentemente dall'esito.
Certo, avrebbe influito sul come PD sarebbe finito, ma non sul se il progetto per cui era nato sarebbe sopravvissuto. Un conto, in caso di vittoria del SI, una cavalcata (trionfale o arrancante non si sa) del PD renziano verso il centro-destra, le politiche mainstream e il populismo tracotante. Tutt'altro conto un renzismo sconfitto, costretto a dare addio al sogno di ricostruire la DC “provenendo da sinistra” e a ripercorrere i passi dei Casini, dei Rutelli, dei Monti e dei Mastella (con maggiore fortuna, immagina Renzi, ma è tutto da dimostrare). Nell'un caso come nell'altro, tuttavia, del PD sarebbe rimasto solo il nome. E la sinistra sarebbe stata obbligata a cercare di percorrere altre strade. Leccandosi le ferite, se avesse vinto il SI, o provando a ripensarsi e a riordinare le idee sul mondo, la politica, la vita delle persone intorno a noi se il NO avesse vinto (contro quello che la maggior parte della sinistra aveva previsto).
Non solo, ma con la fine del PD il referendum avrebbe segnato la fine della Seconda Repubblica.


Insomma, in ogni caso la sinistra sarebbe stata chiamata a uscire dalla sua pelle. Altrimenti, se fosse rimasta attanagliata nei vecchi schemi mentali e nei vecchi rituali, avrebbe corso il rischio di lasciare campo aperto, al netto della inevitabile diffusione di disincanto e rassegnazione, al monopolio della rappresentanza degli “sconfitti della globalizzazione” in mano ai Cinquestelle. Che più di chiunque altro avrebbe potuto intestarsi la vittoria, almeno sul piano dell'apporto quantitativo (quello qualitativo, argomenti di merito e mobilitazione, in effetti è venuto quasi esclusivamente dalla sinistra diffusa).

Obiettivamente, questo rischio a tre mesi dal referendum è ancora attuale, anche se i limiti intrinseci del M5S stanno emergendo con sempre maggiore evidenza ora che tutti gli occhi sono puntati su di loro (in particolare, ovviamente, su Roma) come realistica alternativa di governo.
Intanto, hanno finito per giocare a loro favore le campagne sgangherate, a suon di bufale, della grande stampa. Nella vicenda dello stadio hanno goduto anche del vantaggio che derivava dal grande imbarazzo, sul merito della questione, di tutta la maggioranza di regime dopo le dimissioni di Berdini. Non solo per il modo in cui erano avvenute, ma perché prendere le difese dell'assessore che più aveva osteggiato il progetto votato dalla maggioranza PD con la benevola astensione della destra (che il progetto aveva sponsorizzato già all'inizio) sarebbe stata un'acrobazia poco spiegabile.


Tuttavia, anche se la conclusione raggiunta in extremis ha permesso ai 5Stelle di evitarsi l'accusa di saper dire solo no, senza mai compiere alcun atto di governo, l'andamento di questa vicenda è stato costellato di episodi che mettevano in evidenza tutti i punti deboli del Movimento.
Non tanto perché non sono riusciti a seguire una linea coerente e condivisa animata da una chiara visione di città, visto che le forze politiche, di governo e di opposizione, nei quattro anni in cui si era dipanata la vicenda avevano fatto anche peggio. Piuttosto, perché il trasversalismo, alla prova dei fatti, davanti ad una scelta di natura politica, ha rivelato la sua artificiosità e si è aperta una crepa profonda tra visioni e scelte di valore difficilmente conciliabili (come a Parma sull'inceneritore, a Livorno sull'azienda rifiuti, a Quarto sulla trasparenza). E la struttura proprietaria del movimento, al momento delle decisioni più complesse, non risolvibili con una democrazia della rete ridotta a un si/no, ha rivelato la sua vera natura con la “tutela dall'alto” dei rappresentanti eletti, privati così di rappresentanza, in barba alla democrazia.


Nessuno si illuda però che queste defaillances del M5S aprano da sole chissà quali spazi alla sinistra. Se alienano simpatie, non le spostano su un quadro politico che continua a offrire nell'insieme uno spettacolo penoso. Non verso la destra stretta tra il ritorno all'ottuagenario Berlusconi e l'avventura di una Lega sempre più estremista e incarognita; né verso un PD aggrappato alle sorti di un Renzi privo dell'aura di “quello che fa vincere”. Ma neppure verso una sinistra ancora alla ricerca della ricetta per unire gli elettori attorno a un progetto, anziché riunire le burocrazie attorno a un tavolo.
Per questi motivi, non mi sembra meno grave il rischio incombente oggi, rispetto al 4 dicembre: è solo più pesante il rischio di disincanto e rassegnazione, se non prende corpo un'alternativa credibile a sinistra, rispetto a quello di un en plein del M5S. Quella di Grillo, “possiamo partire per i tropici che tanto incasseremo un bel 40% tornando al momento delle elezioni”, è un'ottima battuta per dipingere il quadro desolante offerto dalla maggioranza e in particolare dal PD pur con tutta l'informazione asservita: ma dimostra di comprendere poco quale sia lo stato d'animo dell'elettorato che ha voluto dare un sonoro ceffone al giovanotto di Rignano.


Potrà intercettarlo la sinistra, quello stato d'animo? C'è molta strada da fare. Quella ricetta ancora non c'è, mentre si devono sciogliere alcune incognite, più intricate che mai.
Per ora ci si può fermare qui, elencando le principali.

  • Quanta gente parteciperà alle primarie del PD?
  • E se la partecipazione sarà alta favorirà ancora Renzi, come nel 2013, o i suoi avversari?
  • E se sarà bassa quali presagi ne trarrà il vincitore?
  • Si faranno i referendum sociali?
  • Con quale risultato?
  • E nelle Amministrative quale sarà il risultato di Civiche di sinistra (senza PD) a Palermo e Genova (per dire le città principali)?
  • E dei Cinquestelle?
  • Quando si voterà?
  • con quale legge?
  • con o senza coalizioni?
  • con o senza capilista bloccati?
  • con quali soglie?
  • con quali e quanti collegi?
  • Quale tendenza prevarrà nell'area cuscinetto, tra il PD e la sinistra?
    • Alleanza con il PD, magari sfidando di nuovo Renzi in primarie bis, di coalizione?
    • O linea di demarcazione, a partire dai referendum?
  • Quale forma prenderà la sinistra?
    • Coalizione di persone, su programmi costruiti attraverso partecipazione e deliberazione condivisa, su candidati eletti attraverso primarie?
    • O accordo tra formazioni politiche (cari vecchi tavoli, ricordo di ripetuti disastri e di diabolica perseveranza)?
  • Tra queste ultime aree (“cuscinetto” e sinistra) quali rapporti si stabiliranno?
Dimenticavo, una incognita che pesa sulla politica:

  • Ma il Fosso di Vallerano sarà messo in sicurezza o potrà esondare? 
Perché sta diventando uno dei problemi più discussi a Roma. E non sarebbe nemmeno un brutto segnale, se suscitasse interesse vero ...

Ci si può divertire con le risposte come con la schedina Totocalcio di un tempo. Scherzi a parte, conviene muoversi con cautela, lanterna in mano, per cercare non solo di rispondere ma di incidere.

Le immagini di questo post illustrano il Fosso di Vallerano, di cui si è parlato molto a proposito del nuovo Stadio della Roma

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…