Passa ai contenuti principali

Possiamo dirci soddisfatti per come va l'occupazione?

Puntuale come sempre, ad ogni inizio mese l'ISTAT rilascia i dati sull'occupazione e Matteo Renzi rilascia il suo tweet trionfale (con un'eco che rimbalza dal Ministero del Lavoro). 
Il trend dell'occupazione però non cambia. E non ci riserva nessuna sorpresa: è ampiamente analizzato, se ne conoscono le cause e si sa come incidono quelle riconducibili a scelte politiche. Tanto che, purtroppo, finché non cambieranno le cose, prevedere l'andamento futuro è fin troppo facile. Basta un'occhiata a qualche grafico per rendersene conto. 

Quello qui accanto rappresenta gli occupati totali mese per mese dall'inizio della crisi economica (2008) fino ad ora (settembre 2016). 
È evidente il crollo dei primi anni: più di un milione di posti di lavoro persi, tra crisi e politiche di austerità, nel periodo che va dal 2008 ai primi mesi del 2014. Quando si inverte la tendenza alla diminuzione degli occupati. 
Il grafico sottostante è una zoomata sugli ultimi quattro anni, dalle elezioni del 2013 in poi. Corrisponde all'avvento di Renzi, i cui interventi hanno ripercussioni fedelmente registrate dalla curva degli occupati.

Appena arrivato, liberalizza con un decreto i contratti a termine. 
Poi diminuisce le tutele per quelli a tempo indeterminato con il Jobs Act.
Quindi concede un cospicuo incentivo alle assunzioni a tempo indeterminato, con la Finanziaria 2015.
Contemporaneamente liberalizza i contratti a tempo “ultradeterminato” retribuiti per mezzo di voucher, in vista della graduale diminuzione degli incentivi, a partire dalla Finanziaria 2016.
In questo modo si sono recuperati circa due terzi dei posti di lavoro perduti: da questa primavera ci ritroviamo al livello di quella del 2009, attorno ai 22,8 milioni di occupati, 400mila in meno rispetto all'inizio della crisi.
Non sarà l'ottimo, ma possiamo almeno dire che vada bene così, come ci ripete il premier ad ogni inizio del mese?

No, purtroppo non possiamo dirlo. E non per partito preso contro questo governo.
Non si tratta della classica alternativa tra bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. Si tratta di scegliere il metro con cui giudicare lo stato delle cose e la politica che ha contribuito a determinarlo con certe caratteristiche. Per questo dobbiamo andare a vedere, dietro questi dati (quantitativi) sul numero delle persone che lavorano, il loro significato in base - come minimo - ad altri due parametri:
- è aumentato, nel complesso, il loro reddito?
- è un lavoro che ha migliorato la qualità della loro esistenza? 

Una prima risposta ce la dà il grafico qui accanto che descrive l'andamento del reddito nazionale nello stesso periodo. Ci dice è andata ancora peggio, sia nella fase discendente, perché è diminuito più dell'occupazione, che in quella di ripresa, perché è aumentato di meno. Dobbiamo trarne la conclusione che né il taglio dei posti di lavoro né la successiva parziale risalita hanno comportato un qualche aumento della produttività. Ciò significa che non è aumentata la competitività del sistema produttivo nel suo complesso. Ma anche che c'è stato uno spostamento del reddito dai salari ai profitti: senza che crescesse la torta da dividere, i datori di lavoro se ne sono ritagliati una fetta maggiore.

Per rispondere alla seconda domanda, dobbiamo tenere conto del fatto che, oltre alle politiche del governo Renzi, sull'andamento della curva dell'occupazione ha avuto un effetto importante anche la riforma delle pensioni che risale al governo Monti. Il drastico aumento dell'età pensionabile introdotto dalla legge Fornero ha prodotto le sue conseguenze, molto rilevanti come tutti sappiamo, in un tempo più diluito, man mano che cresceva il numero delle persone costrette a restare al lavoro più a lungo rispetto al regime precedente.

Per valutare appieno la combinazione micidiale di effetti accanto alle misure del governo Renzi, dobbiamo andare a esaminare l'andamento dell'occupazione nelle diverse classi di età. Anche qui un'occhiata a un grafico è più che sufficiente: quello qui accanto ci rappresenta l'andamento, dal 2013 ad ora, degli occupati tra i 15 e i 24 anni e di quelli over 64. 

Gli anziani sono trattenuti al lavoro, i giovani sono tenuti ai margini. Ogni altro commento è superfluo. Salvo uno: ma, almeno, la forza lavoro più giovane, fresca di studi, piena di energie, è valorizzata come merita? 
Quel poco lavoro che riesce a trovare è almeno un lavoro di buona qualità?

La risposta la può dare questa semplice tabellina relativa all'utilizzo dei voucher. Mette a confronto, da una parte, il peso dell'occupazione giovanile su quella totale. Dall'altra, il peso dei giovani che hanno un lavoro retribuito con voucher sul totale degli utilizzatori di voucher anno per anno.


Sono all'incirca sei volte più numerosi, in proporzione. I voucher esplodono con la liberalizzazione, ma sono riservati per oltre un quarto del totale agli under 25. Se nel 2011 su 1milione 152mila under 25 occupati quelli pagati con voucher erano 11mila, nel 2015, mentre gli occupati in quella fascia di età scendono a 926mila i percettori di voucher salgono a 80mila.

Riformuliamo allora la domanda iniziale: possiamo dirci soddisfatti di un andamento dell'occupazione che vede:
- un aumento delle persone che lavorano senza che si produca più ricchezza?
- un aumento delle persone che lavorano per spartirsi una fetta minore di quella ricchezza, perché una fetta crescente va ai profitti e alle rendite?
- un aumento delle persone anziane che lavorano perché costretti, non potendo godere della pensione cui avrebbero avuto diritto fino a qualche mese prima?
- un aumento dei giovani che hanno un lavoro di pessima qualità e pagato due soldi, senza che aumenti nel complesso il numero di giovani che lavorano?

Per qualcuno la risposta è SI, possiamo dirci soddisfatti. E ve lo diciamo con un tweet trionfalistico.  
Ma chiunque si ispiri ai valori storici, classici, della sinistra non può che dare una risposta diversa. Un chiaro e tondo 

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…