Passa ai contenuti principali

NO a una campagna basata sul voto di scambio (e sulle bufale)



toriamente il ministro Del Rio non fa parte della cerchia più ristretta del premier.

È anche tra i nomi più gettonati tra gli indovini del dopo 4 dicembre, in caso di vittoria del NO, per una successione a Renzi "alternativa ma in continuità politica". E questo non aumenta certo il suo appeal a corte.
Deve essere per questo che, come si usa in certe famiglie, se c'è da difendere una causa indifendibile è su di lui che cade la scelta perché ci metta la faccia e si esponga. Per una prova di fedeltà, per un atto di sottomissione.

Di nuovo la stessa bufala
E' quindi lui che rilancia, sul Corriere la "grande apertura alla minoranza" di Renzi sull'elezione diretta dei senatori. Che, come sa chiunque abbia un minimo di dimestichezza con la legge, è una bufala degna del servizio antibufale di Blogo. Per il semplice motivo che qualunque legge con questo contenuto - a partire da quella presentata da Chiti-Fornaro (ed altri) - il giorno dopo il 4 dicembre, in caso di vittoria del SI, sarebbe palesemente incostituzionale. Contraria cioè alla Costituzione così come risulterebbe modificata all'articolo 57 che, molto semplicemente, recita "I consigli regionali eleggono i senatori tra i propri componenti".
La proposta di cui si parla prevede che i Consigli prendano atto del voto espresso dagli elettori in occasione delle Regionali, in una seconda scheda riguardante i senatori, e che il Consiglio Regionale ratifichi la scelta senza poterla modificare.
Ammesso che questa legge venisse calendarizzata, non servirebbe neppure il parere preventivo della Corte Costituzionale, richiesto dalla Costituzione modello Boschi per le leggi elettorali. Sarebbe palesemente improponibile. Ma oggi si può raccontare, tanto in campagna elettorale si può dire quello che si vuole. Anche a costo di rovinarsi la reputazione. Tanto più se a rovinarsela è un possibile competitor...

Una campagna basata sul voto di scambio
n è del resto questa, delle lusinghe rivolte alla minoranza PD, la via maestra, il piano A della compagna di Renzi per il SI. La battuta “i voti si prendono a destra” non è peregrina e, a ben vedere, del tutto ragionevole. Nell'ambito della sinistra gli argomenti contro questa riforma hanno una solidità granitica perché ben piantati nei valori più profondamente (oltre che più ampiamente) condivisi. Per rendere un omaggio, tutto formale, a quel po' di sinistra che resta tenacemente attaccata al simbolo del PD può bastare anche un po' di cortina fumogena. Anche a rischio che di apparire un po' irriguardoso (non si prendono in giro i compagni di partito!).

Nossignori, la partita si gioca su un altro terreno, con altri mezzi. La strategia, che ha pagato in passato, è quella del voto di scambio. A Del Rio le interviste per coprire le retrovie, a Renzi l'occupazione militare delle TV per intestarsi lo spottone, una legge di stabilità (un disegno di legge, per essere precisi, “da consumare preferibilmente entro” il 4 dicembre) che centellina mance e promesse su una platea molto numerosa. I soldi sono pochi, e per di più sono tutti in forse, ma i bersagli sono tutti ben mirati: ceto medio, anziani e, sola classe di età all'interno del mondo giovanile, i diciottenni che si affacciano al voto per la prima volta.

Così facendo, Renzi fornisce un'ulteriore controprova a favore di uno degli argomenti più forti per votare NO. 
Altro che democrazia governante! Qui c'è un governo che sta sgovernando, senza incontrare ostacoli nel suo cammino, continuando a buttare miliardi di euro dalla finestra, a spese delle generazioni future, mettendo a repentaglio la capacità del nostro Paese di tenere il campo nella globalizzazione. Tutto questo, avendo in testa un solo obiettivo. Quello di sottrarsi al controllo democratico, riducendo la partecipazione a un plebiscito permanente. Giocato ad armi impari. 

Perché il coltello sta da una parte sola: “Mostra i denti il pescecane /e si vede che li ha / Mackie Messer ha un coltello / ma vedere non lo fai


Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…