Passa ai contenuti principali

NO a una campagna basata sul voto di scambio (e sulle bufale)



toriamente il ministro Del Rio non fa parte della cerchia più ristretta del premier.

È anche tra i nomi più gettonati tra gli indovini del dopo 4 dicembre, in caso di vittoria del NO, per una successione a Renzi "alternativa ma in continuità politica". E questo non aumenta certo il suo appeal a corte.
Deve essere per questo che, come si usa in certe famiglie, se c'è da difendere una causa indifendibile è su di lui che cade la scelta perché ci metta la faccia e si esponga. Per una prova di fedeltà, per un atto di sottomissione.

Di nuovo la stessa bufala
E' quindi lui che rilancia, sul Corriere la "grande apertura alla minoranza" di Renzi sull'elezione diretta dei senatori. Che, come sa chiunque abbia un minimo di dimestichezza con la legge, è una bufala degna del servizio antibufale di Blogo. Per il semplice motivo che qualunque legge con questo contenuto - a partire da quella presentata da Chiti-Fornaro (ed altri) - il giorno dopo il 4 dicembre, in caso di vittoria del SI, sarebbe palesemente incostituzionale. Contraria cioè alla Costituzione così come risulterebbe modificata all'articolo 57 che, molto semplicemente, recita "I consigli regionali eleggono i senatori tra i propri componenti".
La proposta di cui si parla prevede che i Consigli prendano atto del voto espresso dagli elettori in occasione delle Regionali, in una seconda scheda riguardante i senatori, e che il Consiglio Regionale ratifichi la scelta senza poterla modificare.
Ammesso che questa legge venisse calendarizzata, non servirebbe neppure il parere preventivo della Corte Costituzionale, richiesto dalla Costituzione modello Boschi per le leggi elettorali. Sarebbe palesemente improponibile. Ma oggi si può raccontare, tanto in campagna elettorale si può dire quello che si vuole. Anche a costo di rovinarsi la reputazione. Tanto più se a rovinarsela è un possibile competitor...

Una campagna basata sul voto di scambio
n è del resto questa, delle lusinghe rivolte alla minoranza PD, la via maestra, il piano A della compagna di Renzi per il SI. La battuta “i voti si prendono a destra” non è peregrina e, a ben vedere, del tutto ragionevole. Nell'ambito della sinistra gli argomenti contro questa riforma hanno una solidità granitica perché ben piantati nei valori più profondamente (oltre che più ampiamente) condivisi. Per rendere un omaggio, tutto formale, a quel po' di sinistra che resta tenacemente attaccata al simbolo del PD può bastare anche un po' di cortina fumogena. Anche a rischio che di apparire un po' irriguardoso (non si prendono in giro i compagni di partito!).

Nossignori, la partita si gioca su un altro terreno, con altri mezzi. La strategia, che ha pagato in passato, è quella del voto di scambio. A Del Rio le interviste per coprire le retrovie, a Renzi l'occupazione militare delle TV per intestarsi lo spottone, una legge di stabilità (un disegno di legge, per essere precisi, “da consumare preferibilmente entro” il 4 dicembre) che centellina mance e promesse su una platea molto numerosa. I soldi sono pochi, e per di più sono tutti in forse, ma i bersagli sono tutti ben mirati: ceto medio, anziani e, sola classe di età all'interno del mondo giovanile, i diciottenni che si affacciano al voto per la prima volta.

Così facendo, Renzi fornisce un'ulteriore controprova a favore di uno degli argomenti più forti per votare NO. 
Altro che democrazia governante! Qui c'è un governo che sta sgovernando, senza incontrare ostacoli nel suo cammino, continuando a buttare miliardi di euro dalla finestra, a spese delle generazioni future, mettendo a repentaglio la capacità del nostro Paese di tenere il campo nella globalizzazione. Tutto questo, avendo in testa un solo obiettivo. Quello di sottrarsi al controllo democratico, riducendo la partecipazione a un plebiscito permanente. Giocato ad armi impari. 

Perché il coltello sta da una parte sola: “Mostra i denti il pescecane /e si vede che li ha / Mackie Messer ha un coltello / ma vedere non lo fai


Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Cinquestelle e sinistra. Una conclusione

Se la sinistra si unisse all’attuale opposizione al governo Conte in una campagna per farlo cadere in nome dell’antifascismo darebbe un colpo letale ad ogni residua, flebile speranza di recuperare un ruolo significativo sulla scena politica italiana per il prossimo futuro. Deve invece prioritariamente ricostruire un suo profilo riconoscibile su un progetto convincente, chiaro nei presupposti di valore.
Questa affermazione, con cui ho chiuso il post precedente, non solo non è una dimostrazione del settarismo identitario che impedisce alla sinistra di ritrovarsi ma è la condizione per riuscire in questo arduo compito. Lo è in base a banali considerazioni dettate da un’analisi appena obiettiva della situazione politica attuale. Mi sono impegnato a motivarlo e provo a farlo di seguito.

Riassunto delle puntate precedenti. - Il governo ora in carica era ufficialmente abortito per la pretesa di Salvini di rappresentare la coalizione di centrodestra anziché solo la Lega e per il rifiuto dei Ci…

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

Combattere la destra a fianco della destra?

L’unico modo sensato, per la sinistra, di rapportarsi al governo Conte è confrontarsi con i Cinquestelle in modo chiaro e forte, criticandoli per le contraddizioni, le ambiguità, le concessioni alla destra ma sfidandoli in modo propositivo sulle cose da fare. Perché il pericolo principale che incombe è che si realizzi la prospettiva su cui sta lavorando la destra, in pieno accordo con il PD: far fuori i Cinquestelle per dar vita a un “governo di salute pubblica” di cui la Lega sarà chiamata a far parte con o senza Salvini. E, ancora una volta, senza passare per le elezioni. Questo è il disegno che la sinistra deve sconfiggere: un compito arduo, che diventa impossibile se al momento della rottura viene meno la forza organizzata e la presa elettorale dei Cinquestelle.
Chi lavora per un governo "di salute pubblica"? È questa la conclusione cui sono giunto negli ultimi post, partendo dalla considerazione che Salvini è, sì, la destra estrema ma è in missione per lo schieramento di …