Passa ai contenuti principali

Il NO al referendum è (anche) un giudizio sul governo

NOn può esserci alcun dubbio sul nesso che collega il giudizio sul referendum a quello sul governo.
Così come non c'è dubbio che quando Renzi afferma di aver sbagliato a personalizzare la vicenda usa l'espressione travisandone intenzionalmente il significato, come è solito fare. Perché non vuole dire che è sbagliato collegare la riforma alla sua persona, come si dovrebbe intendere letteralmente: tanto è vero che continua a condurre la propaganda non solo come figura di punta dello schieramento ma addirittura come se fosse lui solo in grado di spostare il voto degli elettori e esponendosi così su tutti i media oltre ogni limite ragionevole.
2016
Il messaggio è invece un altro: non dovete collegare il voto sul referendum al giudizio sul mio governo. Perché sa bene quale bilancio sta traendo la maggioranza degli italiani sul suo operato.



NOn è però possibile scindere i due giudizi.
Intendiamoci. Il giudizio sulla riforma, trattandosi della “Costituzione del popolo italiano”, deve guardare al di là di questo governo. Il nuovo testo deve poter essere giudicato condivisibile indipendentemente dal quadro politico nel quale si pensa potrà essere calato. E a questo riguardo valgono dunque tutte le obiezioni di merito che tanti eminenti (non a caso) costituzionalisti muovono alla proposta Renzi-Boschi.
Ma ci sono serissimi motivi, “grandi come una casa” (degli italiani, si potrebbe dire, se la Costituzione ne rappresenta il basamento) per stabilire un collegamento stretto tra la riforma e l'operato del governo.

Il primo, più immediato, è che il principale scopo della riforma – dichiarato senza remore dai suoi autori – è di togliere di mezzo tutto ciò che ostacola l'azione di governo. Se il quesito fosse formulato in modo veritiero il suo testo sarebbe assai semplice: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente disposizioni per eliminare i principali vincoli all'attività di governo?” Scelto dagli elettori (con un voto non “interpretabile”, chiaro dalla sera stessa delle elezioni) deve poter compiere la sua opera senza intralci per 5 anni. Come conseguenza immediata, il quadro politico cui si applicherebbe è quello attualmente in carica.
NOn solo, ma per il futuro più vicino, il governo seguente scaturirebbe da un'elezione, subito minacciata e rapidamente imposta dai partiti della maggioranza. Che uscirebbero confortati dal voto popolare sul referendum che, senza neppure l'unanimità dei loro dirigenti, avranno appoggiato.

2013
Se non bastasse questo motivo, ce n'è un altro altrettanto pesante. La cantilena che Renzi e Boschi ripetono incessantemente, “serve meno burocrazia” (copyright presumibile Jim Messina), si basa sul presupposto che questo governo poteva fare (e farà, se vince il SI) ben altro una volta liberato dalle catene della iperdemocratica (copyright JP Morgan) Costituzione vigente. Ma le cronache parlamentari e gli atti di governo degli ultimi due anni e mezzo certificano che non c'è stata disegno di legge voluto da Renzi che non sia stato rapidamente approvato (hanno avuto iter più tribolati o sono rimasti sulla carta quelli su cui non aveva il consenso dei suoi). Dunque se quei provvedimenti sono considerati negativi cade miseramente uno degli argomenti principali di propaganda e ci sarà un motivo in più, non certo secondario, per respingere questa riforma accentratrice.

NOstalgico, dunque, è tutt'altro che un insulto se si ritiene che le cose con questo governo siano peggiorate. Non per tutti, si intende, ma per la grande maggioranza. Che ha visto per di più crescere le distanze da chi sta in cima alla scala dei redditi, mentre crescevano anche le distanze tra i redditi medi degli italiani e quelli del resto del mondo.

Rifacciamo, per l'ennesima volta, l'elenco (incompleto, peraltro).
  • 80 euro, a tutti i redditi personali da lavoro dipendente medio-bassi senza tener conto del reddito familiare. Chi non aveva altri redditi ha visto il bonus rimangiato da tariffe e addizionali locali, chi ne aveva (e può sopportare gli altri aumenti) ringrazia del grazioso regalo. Incapienti, pensionati, partite IVA vere (a basso reddito reale) e finte, a bocca asciutta (recuperati solo i poliziotti).
  • TARI sulle (prime) case di pregio abolita, gli altri proprietari (che già non la pagavano) si sono visti aumentare le tariffe degli enti locali (rifiuti, servizi a domanda individuale) spesso in misura insopportabile.
  • Bonus assunzioni di 8.000 euro indifferenziato a chi assume (e a chi trasforma e a chi ri-assume). Una ventina di miliardi nelle casse degli imprenditori che non investono, in modo che continuino a non investire; non un soldo per misure che servono a creare condizioni favorevoli per gli imprenditori che investono e esportano sul mercato mondiale o offrono servizi utili e efficienti sul mercato interno. Nessun effetto sull'occupazione, che cresce esattamente nella misura in cui crescono gli utilizzatori dei voucher, il cui numero sta dilagando.
  • 500 euro ai diciottenni, tutti. Anche a chi, potendoselo permettere, li usa per una festa dei 18 anni con i fuochi di artificio e il karaoke avendo comunque scontrini da esibire per spese ammissibili.
Risultati immagini per referendum porcellum 2011
2011

NOn abbiamo messo in elenco i favori a chi custodisce ricchezze nei paradisi fiscali e ai concessionari di videolotterie. Le strizzate d'occhio ai grandi evasori. I finanziamenti ai concessionari di autostrade, anche quelli per ripianare le perdite su progetti che erano stati sbandierati come “totalmente a carico dei privati” (es. BRE.BE.MI). Ai trivellatori. Ai cementificatori. Ma qui si apre un ulteriore capitolo, sul rapporto tra questo governo e i “poteri forti”. Un'accusa respinta con sdegno, le cui prove sono però state lasciate sul terreno (e nel mare) in abbondanza. Ci si può tornare in una prossima occasione.
2006


PRECEDENTI:

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…