Passa ai contenuti principali

Un NO contro la paura. Votiamo NO per un futuro migliore

NO. Non riusciranno a far leva sulla paura del futuro. Continuano a dire che questa riforma è l'ultima occasione perché in Italia cambi qualcosa, che se non passa nessun parlamentare per 20 anni vorrà più cambiare quello che non va. Perché allora cercano di seminare il panico su quello che potrebbe accadere se vince il NO? Arriveranno i barbari al seguito della destra. Perderemo quello che abbiamo, rimarremo fuori dall'Europa, dalla globalizzazione. Niente sarà più come prima.

NOn siamo così sciocchi da non capire che la verità è L'ULTIMA CHE DICONO. Ma solo se davvero niente sarà più come prima, sarà possibile costruire un altro futuro, un futuro migliore!
NOi abbiamo chiaro perché puntano tutto su questa riforma. Vogliono avere le mani libere. Via i controlli, via il bilanciamento dei poteri. Ne abbiamo avuto una prova con la riforma RAI, non eravamo mai arrivati a un tal punto di omologazione. Vogliono questa riforma per arrestare il tempo, per rubarci il futuro, per IMPEDIRCI DI CAMBIARE, per tenere in piedi questo loro mondo sempre più ristretto e sempre più invivibile.

Sanno di non avere il consenso dei giovani. Che crescono i nativi digitali che non votano per loro. Allora puntano sugli anziani immaginando di comprare il loro consenso con le promesse e le mance. Non accorgendosi che stanno aumentando anche gli anziani che scoprono le opportunità offerte dall'interconnessione e dal tempo reale. E gustano il sapore della libertà di scelta.

NOn prevarranno. Il futuro è dalla nostra parte e noi lo costruiremo a partire dal nostro NO chiaro e tondo. Il futuro è nostro perché ci guardiamo intorno e scopriamo che si possono esplorare nuove strade, inventare risposte diverse, creare situazioni anziché subirle come un destino ineluttabile. A tutte le età. In tutti i campi.
NOnostante la impar condicio con cui pensano di occupare tutti gli spazi della comunicazione, il futuro che vogliamo ce lo racconteremo giorno per giorno, casa per casa, attraverso il portone sulla strada o la porta sulla rete. In tutti i campi.

Parliamo di ponti e di muri
I temi ce li offrono loro. Cominciamo parlando di muri e di ponti.
I loro muri. Hanno cominciato a costruire muri al confine (Calais, Ungheria, Brennero, magari Como e Ventimiglia). Intanto i CARA (fatti per “accogliere” i richiedenti asilo) si distinguono per un'immagine inconfondibile, gli alti muri che li circondano (e che però lasciano un varco aperto per chi deve presentarsi dai caporali che li smistano nei campi).
Ma non è che non abbiano in testa i loro ponti: purché, come nel caso del Ponte sullo Stretto, costino miliardi, sconvolgano l'asseto idrogeologico, comportino un rischio di disastro (per quanto piccolo, è un rischio concreto) e cambino in meglio la vita per chi li costruisce e per nessun altro. Nel senso che non esiste nessuna previsione di utilizzo che sia lontanamente in grado di ripagare la spesa (una BRE-BE-MI in grande stile, una vela di Calatrava elevata al cubo).

Invece il futuro è di altri ponti, al posto di quei muri, e di altri muri, al posto di quei ponti.
Un ponte tra il Sud Europa e la sponda africana. Che porti in Africa le conoscenze, le tecnologie, le risorse per permettere a quelle popolazioni di darsi un futuro diverso. Migliaia e migliaia di nostri connazionali sono impegnati in quest'opera ma sono sempre meno supportati perché si preferisce spendere per i contractor incaricati di difendere le installazioni in Africa che servono allo sviluppo (energivoro) dei nostri paesi. Eppure un corridoio umanitario permetterebbe di gestire in modo ordinato, come soluzione di ultima istanza, il flusso di chi è costretto ad abbandonare la sua terra, stroncando il traffico di esseri umani. Ma no, si preferisce “investire” sul “sistema di pattugliamento” del tratto di mare (per raccogliere i cadaveri) e sui reclusori che compongono il “sistema di accoglienza” nei nostri paesi, “istituzioni totali” di ultima generazione (a quasi 40 anni dalla chiusura dei manicomi).
Risultati immagini per comitato per la democrazia costituzionale
E a proposito di muri, invece del Grande Ponte, preferiamo pensare quale grande opera sarebbe la ricostruzione, pietra su pietra, del patrimonio abitativo storico. Perché chi ha dovuto abbandonare quelle terre vorrebbe conservare il costruito per tornarci un giorno, o per farlo godere a chi lo apprezza. Con l'assistenza di tecnici, di quelli che ce ne sono tanti nel nostro paese, che ti insegnano come fare muri e solai che reggano a una scossa sismica 6.5. Muri tirati su da mani abili, istruite da artigiani esperti, di quelli che ce ne sono tanti nel nostro paese e che possono uscire, ancora più numerosi, dalle tante scuole edili specializzate nel restauro, che recuperano mestieri e abilità antichissime che oggi stiamo perdendo.
Invece, Casa Italia, così come la messa in sicurezza delle scuole, sono poste di bilancio che servono solo a ottenere un visto da Bruxelles per spendere poi quei soldi altrove. Destinandoli a comprare voti, abbassare tasse a chi ne paga troppe (ma chi non le paga affatto potendole pagare continuerà a evadere perché trova uno “Stato amico” che spreme i poveri per favorire i ricchi).

Il 4 dicembre, con la vittoria del NO, un giorno di festa per il cambiamento
NO. Un bel voto per non lasciare le mani libere a questa politica ci può dare l'opportunità, finalmente, di cambiare. Per questo non ci dovremo accontentare nemmeno delle promesse di chi chiede un voto per il NO. Ma dovremo pretendere che chi chiede quel voto ci coinvolga nella costruzione di un'alternativa credibile e praticabile. Che ci spieghi come si possono costruire ponti con la sponda sud del Mediterraneo, a quali condizioni e con quali risorse, e come si possono rimettere in sesto gli edifici a rischio, specialmente nell'”osso” della Penisola, a quali condizioni e con quali risorse.


NOn ci accontenteremo. Voteremo NO, a favore di un futuro diverso. Perché cambiare si può e il 4 dicembre dovrà essere, con la vittoria del NO, la grande festa del cambiamento. Per liberarci. Per uscire dal tunnel. Per un futuro migliore.  

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…