Passa ai contenuti principali

Come sempre, lezioni dal voto

Dopo il primo turno di votazioni amministrative, più che un ennesimo commento ci si può permettere qualche spigolatura, avendo constatato che il quadro generale non si è discostato molto da quello tratteggiato in precedenza da previsioni e sondaggi.

Renzi: scontento. Ma anche un po' suonato – Che fosse in difficoltà era chiaro a tutti oltre che all'interessato. La carta della “distrazione di massa”, spostare l'attenzione verso il referendum di ottobre, appariva un po' disperata (oltre che ad alto rischio) e tale si è confermata. La reazione è stata però peggiore di quello che ci si poteva aspettare. “Non sono soddisfatto”: ci poteva stare (anche se il tentativo di farla passare come una novità radicale, rispetto alla “non vittoria” di Bersani, è stato puerile). Ma il prosieguo è stato costellato di infortuni a ripetizione. “Abbiamo un migliaio di sindaci su 1300 comuni” è colossale. Dei 149 comuni oltre i 15.000 abitanti, sono andati al ballottaggio oltre l'80%; su 23 capoluoghi ce ne sono andati 18, 15 con il PD e 3 persi in partenza, in altri 2 ha perso al primo turno. Tirando le somme, il PD allo stato attuale ha 3 sindaci eletti e altri 15 al ballottaggio nei capoluoghi; con gli altri 126 comuni (praticamente i soli dove è presente con i suoi simboli) non arriva a 20 sindaci eletti (rapporto 1:50 con la cifra sparata). Se anche vincesse ¾ dei ballottaggi non raggiungerebbe i 100 sindaci. “Contento lui”. Quanto all'altra balla spaziale, “il PD è al 40%”, lo stesso vicesegretario ha dovuto correggerlo: 34% (contando anche le civiche). I numeri assoluti sono comunque impietosi: sui capoluoghi perde 210.000 voti rispetto al turno precedente. Il 22,5% dell'elettorato. 


Partito della Nazione: DC 2.0 o UDC 2.0? - I numeri appena citati non disegnano un futuro radioso per il Partito della Nazione. Con l'avvento di Renzi il PD ha dapprima asfaltato (o per meglio dire, risucchiato) alle Europee tutto l'elettorato centrista, quello che all'apice, potendo vantare (si fa per dire) un Monti come Presidente del Consiglio uscente aveva raccolto poco più del 10% come Scelta civica e UDC. Da lì in poi ha però ricominciato a perdere pezzi a sinistra così come aveva fatto Bersani prima di lui. Ora che si ritrova più o meno a metà strada tra le percentuali (2013) di Italia Bene Comune (Bersani) e Coalizione di Centro (Monti) sorge un dilemma: il PdR (copyright Diamanti) va verso la ricostruzione di una DC 2.0 o sta tristemente evolvendo verso un UDC 2.0? Alla minoranza del PD, più che l'ardua risposta, spetta gran parte della soluzione del dilemma. A chi ha poca memoria storica si può ricordare che la DC aveva nel suo seno una minoranza di sinistra non meno radicata e, messa a confronto con gli eredi (!), senza dubbio più solidamente orientata. Allora la ragione storica (o l'alibi) per restare nel partito era la cortina di ferro, la divisione in blocchi, la guerra fredda. Nel 2016?


Salvini vincitore: dell'Oscar di bronzo – Qualcuno che canta vittoria avendo preso solo sberle c'è ancora e si chiama Salvini. Lasciando perdere qualche comunello e qualche ballottaggio con poche speranze, i numeri della Lega sono risibili, il sorpasso su Forza Italia non c'è, dalla piazza romana su cui aveva scommesso tutto (alleandosi con il fondo del barile) ritorna con ingenti perdite e al sud (noi con Salvini, leader nazionale in pectore) raccoglie consensi da lista di disturbo. In pectore gli rimane poco fiato per gonfiarlo, vorrebbe lanciare ancora qualche ruggito ma esce poco più di un belato. Da Oscar (della risata), versione fusa in bronzo, sola faccia.


Che fine ha fatto la sinistra? - Era la domanda attorno a cui ruotava l'ultimo post prima delle elezioni. Le previsioni sono state rispettate, potrei dire. Con i quattro amici che mi leggono devo sinceramente scusarmi ma non posso evitare di ripetermi. L'avevo presa da lontano: la sinistra tradizionale, quella novecentesca, quella che alla fine del “secolo breve”, alla caduta del Muro, ha smarrito le chiavi di lettura della realtà storica in cui viviamo, è in crisi verticale. È sottomessa al dominio culturale, prima ancora che politico, della destra liberista, espressione dei poteri economico-finanziari. Regge solo dove ha retto un qualche modello di welfare pubblico e la concertazione. Ma se nel resto del mondo si assiste a fermenti nuovi a sinistra, ricchi di potenzialità e protagonisti di uno scontro fin qui impari con i poteri dominanti, nel nostro paese il modello socialdemocratico è collassato prima ancora di affermarsi e quei fermenti, che pure esistono, sono deboli, frammentati, isolati, privi di una cultura di riferimento solida e minimamente condivisa. Per questo nessuno dei candidati di sinistra era accreditato di un risultato vicino al 10% e non ci si potevano aspettare grandi sorprese.
La realtà è stata in genere al di sotto del limite inferiore delle forchette dei sondaggi.
Dappertutto o quasi. Eppure...


Impariamo dagli errori. Ma anche dai successi - ...eppure in due dei 23 comuni capoluogo va al ballottaggio una lista civica che si colloca nel solco dell'esperienza arancione. Potrei riferirmi anche a Cagliari, dove Zedda vince al primo turno provenendo direttamente dalla stagione arancione, ma stavolta l'essere espressione di una coalizione con il PD fa una differenza, che merita un esame a parte (che presuppone un'istruttoria, piuttosto che un processo sommario, ma configura comunque un caso a parte). Mi riferisco invece a Napoli, dove De Magistris ha vinto contro il PD oltre che contro Lettieri (espressione come cinque anni fa della destra che ha governato la seconda repubblica) con cui si misurerà al ballottaggio. E a Latina, dove una lista civica, che non definisco di sinistra per rispetto dell'impostazione che la coalizione ha voluto darsi, ha però raccolto nel suo seno persone chiaramente impegnate nella impresa di cui stiamo parlando, espressioni genuine – e sane, vitali – dei fermenti di cui andiamo alla ricerca. 
Meritano il massimo rispetto, incrociando le dita fino al ballottaggio e senza provare a metterci il cappello. E meritano però anche grande attenzione. Perché possono insegnare qualcosa, che dovremmo sforzarci di imparare. E, concludendo per ora la panoramica, di un insegnamento voglio dare atto sin da ora a Luigi De Magistris. Parla di partecipazione, di cittadini protagonisti, di governo dal basso, e si sforza di praticare quello che dice. Si dà come obiettivo di far diventare Napoli un caso nazionale. Ben detto: Napoli, non De Magistris.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…