Passa ai contenuti principali

A proposito di voto utile

C'è un vistoso cortocircuito logico nell'argomento del voto utile usato dai renzianissimi del PD. Che sono quelli tra i suoi sostenitori che non accettano critiche all'operato del premier in nome dell'argomento che taglia corto: ”lui ci ha fatto vincere”.
La trappola logica che sta nascosta dietro questo ritornello è che, se è il loro segretario (solo) perché vince, lo è pertanto (solo) finché vince
Vincere, in questa visione del mondo, è un valore in sé. Se si vince perché resta a casa oltre il 60% degli elettori non importa: “meglio perdere votanti che voti”. E se si vince prosciugando il centro e strappando voti alla destra, attraverso politiche di destra per dimostrare di poter arrivare dove i loro governi si erano dovuti fermare, nel timore che un ampio consenso si riversasse sulla sinistra, basta fare spallucce. I contrasti non sono tra destra e sinistra (antinomia novecentesca, superata) ma tra vecchio e nuovo: con la sinistra, va da sé, immancabilmente nel campo del vecchio.


A chi coltiva ancora il mito democratico, della partecipazione consapevole e della scelta dei rappresentanti basata su un consenso informato, non resta allora altra scelta che far perdere “il premier che fa vincere” (e il suo partito), puntando proprio a strappare votanti dall'area dell'astensione, del disincanto, dell'indifferenza e a riconquistare la fiducia e il consenso degli elettori di sinistra, per battere il premier che vorrebbe seppellire la lotta politica tra destra e sinistra, come è da sempre nei sogni della destra.
È questo che è successo in Liguria. Molte persone si sono convinte ad andare a votare perché hanno visto in Pastorino un'alternativa credibile. È mancato poco che si tornasse alle urne (bastava non sbagliare di una unità il conto delle firme per Pastorino a Savona e Toti non avrebbe avuto la maggioranza). Ma non c'è un solo cittadino ligure che osi sostenere che la politica regionale avrebbe avuto un segno diverso con Paita presidente al posto di Toti. Sarebbero solo cambiate (in parte) le persone destinate a gestire il rapporto tra il mondo della politica e quello degli affari.
Ma un dato è incontestabile, per tornare all'assunto iniziale: in Liguria il premier “che fa vincere” e che ha ostinatamente imposto la candidata a dispetto di brogli, violazioni statutarie e amicizie pericolose, ha perso.
Per il resto, ci si deve intendere sul significato di vincere, perché la costante è stata, in ogni contesto, una rilevante perdita di voti in cifra assoluta. Con la sola eccezione delle europee: una vittoria costata dieci miliardi alle casse pubbliche, riversati su un preciso target elettorale senza alcuna logica economica, né di equità né di efficacia, come ha poi dimostrato l'assenza di effetti economici ovvero sociali.
Davvero Renzi è "quello che ci fa vincere"?


Nonostante gli appelli dei renzianissimi, gli elettori hanno sempre più chiara coscienza di quale sia il voto davvero utile. In fin dei conti si tratta di una verità elementare: per salvare le basi della democrazia dalla morsa del decisionismo e della disintermediazione e per rilanciare i valori dell'eguaglianza e della solidarietà che distinguono la sinistra, il solo voto davvero utile è quello che serve a rilanciare quei valori fondamentali per la nostra convivenza civile e per il benessere diffuso. Quello a sinistra, contro il PD e oltre il PD. In tutte le grandi città d'Italia, senza perdere di vista i centri minori.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…