Passa ai contenuti principali

Garbuglio a Milano

Risultati immagini per francesca balzani


Risultati immagini per giuseppe sala


Premetto che non conosco il vice-sindaco di Milano: abbiamo qualche amico comune (che me ne parla molto bene) ma non ho mai avuto il piacere di incontrarla. Conosco anche molto poco l'ambiente politico milanese. Ma da esterno, relativamente poco informato quale sono, mi permetto tuttavia di dire che la situazione delle prossime elezioni amministrative in quella città e della eventuale candidatura di Francesca Balzani mi appare come un autentico garbuglio in cui non riesco a districarmi. E provo a esporre, pur su un piano generale, le questioni che non riesco a spiegarmi.

Parto da una premessa. Le primarie, per come erano concepite nel PD finché ne ho fatto parte (avendo avuto peraltro anche il compito di vigilare sulla loro attuazione) e per come penso possano essere utilizzate in generale per definire una candidatura valida nelle competizioni elettorali, non sono una contesa tra proposte politiche diverse. Presuppongono al contrario un programma comune come cornice di riferimento per la scelta del/della candidato/a che meglio può garantire l'attuazione di quel programma e rappresentarne la sintesi presso il corpo elettorale. E' in base alla condivisione di quel programma comune, suggellata dalla sua formale sottoscrizione, che viene di conseguenza l'impegno dei perdenti a sostenere il vincitore / la vincitrice al momento delle elezioni.
Ora, la domanda che penso si pongano gli elettori milanesi, e che da osservatore lontano ma partecipe mi pongo io stesso, è quale sia il programma che accomuna Giuseppe Sala e Francesca Balzani. Se non nei dettagli, almeno nelle grandi linee, nelle scelte di fondo e nelle priorità. In materia di urbanizzazione e di politica abitativa; di governo pubblico nei campi dell'istruzione, della fruizione dei beni culturali, della tutela della salute, dell'assistenza, dell'accesso ai beni comuni; di accoglienza e inclusione; di diritti civili e di contrasto a ogni forma di discriminazione e di violenza contro la persona; di lotta alla criminalità organizzata, alla corruzione, all'infedeltà fiscale, al clientelismo e all'uso del bene pubblico a fini privati. Per dire solo qualcuno dei temi di maggiore interesse.
Se il programma è lo stesso, agli elettori dovrebbero essere resi chiari questi ed altri punti mettendo così in rilievo la convergenza. Altrimenti …

Poniamo ora, in astratto, che viceversa i programmi presentino qualche significativa differenza che, sempre in linea teorica, possa essere descritta con le coordinate di destra e sinistra. Che senso avrebbe in questo caso misurarsi nelle primarie? E di che razza di coalizione staremmo parlando, se il programma scaturisce dal risultato delle primarie anziché essere definito a priori? Stando ai dettami della democrazia liberale, in questo caso la scelta dovrebbe essere riservata agli elettori nel voto finale, non nel voto per le primarie. Tanto più che per i sindaci si ricorre a un ballottaggio quando nessuno dei candidati raggiunge la maggioranza assoluta dei voti espressi.

Obietta qualcuno che trasferire la contesa al voto finale dividerebbe il campo del centro-sinistra rischiando di favorire la destra. Ecco, se ci trovassimo in una situazione come quella descritta (in via ipotetica, ribadisco) questo argomento sarebbe privo di fondamento. Il ricorso alle primarie andrebbe a vantaggio del candidato più di destra nel caso dovesse vincerle, in quanto lo porterebbe ad acquisire i voti dei sostenitori del suo rivale più di sinistra nelle primarie (quanto meno, di quelli che si sentono vincolati al patto di lealtà sottoscritto dal loro candidato). Viceversa, nel caso in cui dovesse vincere, il candidato più di sinistra ne trarrebbe uno svantaggio giacché il campo alla sua destra sarebbe diviso tra due soli candidati (Passera e il forza-leghista da scovare) anziché tre. E si dovrebbe quindi consigliare alla Balzani di collocarsi con nettezza nel campo della sinistra marcando una chiara distinzione.
Può darsi che il ragionamento appaia fondato più sulla geometria euclidea che sulla politica: ma è solo un andare alla ricerca di basi logiche per una scelta squisitamente politica.


Devo ammettere, in conclusione, che sarei alquanto sorpreso se dovessi constatare, se non un'identità, almeno una convergenza di vedute tra Giuseppe Sala e Francesca Balzani. Può darsi che mi sbagli ma faccio fatica a convincermi che le cose stiano davvero così e mi preoccupa che possa verificarsi un forte disorientamento negli elettori. Se invece il garbuglio è solo nella mia testa, meglio saperlo, no?

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…