Passa ai contenuti principali

L'economia rallenta. E la legge di stabilità peggiorerà le cose

Risultati immagini per gufo reale

Sarà che i gufi devono averci dato dentro di brutto. Sarà che i dati escono di venerdì 13 nel mese dei morti. Sarà che la magistratura ha messo le mani sull'ISTAT. Però le stime preliminari del PIL del terzo trimestre (+0,2%) hanno un significato preciso: il famoso +0,9% su cui si è costruita la legge di stabilità, la previsione che “per la prima volta supera le stime di inizio anno” (che erano dello 0,7%) e che “potrebbe perfino essere ulteriormente migliorata”, invece non sta né in cielo né in terra. Il 2015 farà segnare quasi certamente un +0,7%.
E' praticamente impossibile che si possa arrivare al +0,8% e bisogna stare attenti che il IV trimestre faccia segnare almeno lo stesso +0,2% del terzo altrimenti chiuderemo l'anno a +0,6%.
Intanto l'approvazione della clausola di flessibilità sugli investimenti e del bonus immigrati è nel limbo: Bruxelles risponde all'Italia, come si usa nei migliori mercati (e nei suk del Medio Oriente) “vedere cammello”. Investimenti quali? Spese per profughi quali?

La narrazione continuerà tuttavia imperterrita, come è stato finora a dispetto della realtà.
L'occupazione diminuisce? 
Sì ma diminuiscono anche i disoccupati (e non ci si domanda perché la gente smette di cercare lavoro, quando il lavoro diminuisce). 
Sì ma è cresciuta la quota di contratti a tempo indeterminato (chiamarli stabili è diventato un po' difficile). Grazie a un bonus generoso, alla modica cifra di 72.000 euro per ogni nuovo posto dilavoro
E l'economia va bene perché l'EXPO è stato un successone: i ristoranti si sono riempiti, soprattutto la sera. Magari era stato concepito come un momento di avanzamento nella lotta per contrastare la fame nel mondo e lo spreco alimentare nei paesi sviluppati. Non per saziare milanesi e studenti in gita, ma pazienza.

L'economia invece langue. E l'ultimo dato ISTAT è particolarmente preoccupante perché segnala i primi effetti del rallentamento della domanda mondiale. Stavolta non sono i consumi a penalizzare il pil ma la componente estera. E' insomma la parte più attrezzata del nostro sistema produttivo, quella che si è retta sulle sue gambe e nonostante l'assenza totale di una politica a supporto è riuscita a farsi valere sui mercati mondiali, che ora fa fatica. Non basta il solo fatto che FCA-Chrysler abbia delocalizzato in Basilicata la produzione di alcuni modelli di Jeep per il mercato americano (la sola economia avanzata che in questo momento non ripiega) per salvare il risultato complessivo dell'export.

Ma non importa, si può fare oltraggio alla verità dei fatti. L'importante è andare avanti nella direzione scelta, quella dello sfondamento a destra. Che ormai ha varcato anche un altro dei limiti storici per un partito che continua a spacciarsi di sinistra. Non bastava sposare le tesi padronali (e che padronato!) contro le ragioni dei lavoratori dipendenti. O quelle delle rendite (non solo finanziarie) contro i “produttori”. Ora si arriva a sdoganare anche le tesi che “con la mafia si deve convivere” e che “evadere un fisco troppo esoso è un diritto”. Si alza il limite del contante e si racconta che “non ci sono evidenze di un legame tra uso del contante e evasione e riciclaggio”. Lo afferma il titolare di un Ministero dell'Economia che pubblica rapporti che sostengono il contrario, visto che tutte le statistiche disponibili, senza eccezione alcuna, mostrano un indice di correlazione piuttosto elevato tra i due fenomeni. E si sfida la logica aristotelica sostenendo che si prevede, sì, di incassare di più dalle slot machines ma ... limitandone la diffusione.
Purtroppo per noi, però, l'economia illegale è una tangente occulta pagata da tutto il paese legale. Che, come il pizzo “al dettaglio”, condanna alla rovina chi la subisce.

L'Europa è ancora pervasa dalle dottrine dell'austerity, come sappiamo. Suggerisce però che, mentre si promuovono misure sul lavoro che spostano redditi dai salari ai profitti, si eviti di peggiorare ulteriormente le cose con le tasse e le si sposti su rendite e patrimoni. Che risponde l'Italia? Che gli Stati sono sovrani, che noi l'austerity ce la interpretiamo come vogliamo e alleggeriamo le imposte sulle case dei ricchi e non tocchiamo i patrimoni neanche nei passaggi ereditari.

Però poi se l'economia va come va, nella direzione in cui la politica, con le sue scelte, lascia che vada o la spinge ad andare, ce la prendiamo con l'astrologia. O con i gufi. Che, per quello che mi riguarda, penso invece che non stiano facendo fino in fondo il loro dovere.

Credo che uno scatto di orgoglio di una coscienza civile che non è affatto defunta nel nostro paese dovrebbe portare a dire con molta più energia, in un coro sempre più assordante, che questa realtà non è per niente razionale né tanto meno giusta. Che un'altra politica è possibile, che da questo pantano si può uscire, che le idee per riprendersi tutti insieme – non solo chi trae vantaggio dallo stato di cose esistente – sono in campo. Proprio come è avvenuto nei momenti più alti della storia del nostro Paese, che sono anche quelli in cui eravamo caduti più in basso e ci siamo risollevati.

Risultati immagini per gufo reale

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…