Passa ai contenuti principali

I dilemmi del sindaco Marino

Risultati immagini per campo de' fioriIgnazio Marino sta riflettendo sulla conferma delle dimissioni. Dare consigli in questo momento non è il caso. Magari si può provare a immaginare quali domande si stia ponendo.
Certamente starà ragionando su un dato di fatto oggettivo come la rottura che si è consumata con il gruppo dirigente del PD nazionale. Che riguarda, è agli atti, non solo il segretario nazionale e la sua cerchia più ristretta ma anche il presidente commissario.
Risultati immagini per mercato trionfale
Risultati immagini per corviale roma fotoQuanto poi alla la rottura con il gruppo dirigente del PD romano, quella risale ai tempi delle primarie e già in campagna elettorale (“non è politica, è Roma”) aveva tentato di farne un punto di forza anziché di debolezza. Le vicende successive hanno dimostrato che l'intuizione (se di questo si trattava, e non di “cognizione di causa”) era giusta, anche se i giudizi su quanto quell'intuizione abbia tenuto sono controversi. Si va dall'elogio incondizionato (ha fatto tutto quello che umanamente era possibile fare in quelle condizioni) alla critica impietosa (non ha visto o ha fatto finta di non vedere quale fosse la realtà intorno a lui). Tra questi estremi, troviamo chi gli imputa questo o quell'errore, più o meno grave. Su questi giudizi, espressi anche dai suoi sostenitori, e in generale sugli errori di cui dichiara di sentirsi responsabile sarà bene che compia un esame attento e severo. Ma non è detto che questo lo aiuti a sciogliere i dubbi che riguardano le scelte da compiere ora.
Risultati immagini per metro laurentinaNell'ipotesi di ritirare le dimissioni, si starà piuttosto domandando, ora che è venuto meno l'appoggio del gruppo dirigente del PD nazionale, dopo quello romano, quale maggioranza potrebbe sorreggere una sua giunta. Sarà sufficiente la voglia di rimanere in sella dei consiglieri (blanditi peraltro dalla promessa di ricandidatura per tutti)? E poi, a quali condizioni dovrebbe sottostare, senza tradire le direttrici di fondo che lo hanno mosso fin qui e su cui intende proseguire?
Risultati immagini per palatino
Nel caso più probabile di una conferma delle dimissioni (dopo un dibattito in aula o senza questo passaggio) l'ex sindaco non ha escluso di partecipare alle primarie del PD, nel caso in cui alla fine si facciano (per ora non è affatto certo). La prima domanda a questo riguardo (di nuovo, venuto meno l'appoggio del gruppo dirigente del PD nazionale dopo quello romano) è quale platea di partecipanti alle primarie potrebbe farlo vincere una seconda volta, in un contesto così cambiato. E, in caso di sconfitta, quale ruolo potrebbe riservarsi, posto che il suo profilo etico non si concilierebbe con il mancato rispetto della regola aurea del sostegno dei perdenti al candidato vincitore. Ma si starà anche domandando, viceversa, in caso di vittoria, se sarebbe davvero garantito, alla luce dell'esperienza passata, il rispetto di quella regola da parte dei perdenti.
Sarebbe interessante infine capire, ancora nell'ipotesi che si vada al voto in primavera, come intenda regolarsi con le formazioni (certamente almeno due) che sosterranno un programma in continuità con quello che aveva tentato di portare avanti.
Una (il Movimento 5 stelle) si presenta in contrapposizione, accusandolo di esser stato di fatto connivente (se non complice) di Mafia Capitale per non aver preso le distanze dal PD. Come si preannuncia per lui una sfida giocata, anziché sul programma, sulla credibilità di chi lo porterà avanti? Quanto lo aiuterà, in una simile sfida, la compagnia che salirà sul suo carro?
Risultati immagini per bici nel traffico romaL'altra formazione è in gestazione. Sarà il risultato di un lavoro che tende a raccogliere diverse espressioni della società e della politica romana che si ispirano a valori alternativi, di sinistra nell'accezione più ampia (ma non per questo meno pregnante) del termine, ma intendono elaborare anche progetti concreti di cambiamento della città nel suo tessuto sociale e nelle sue infrastrutture (di vario genere). Insomma, una coalizione che con ogni probabilità adotterebbe le primarie come metodo per la scelta dei/delle candidati/e. E con un programma che, per essere credibile, non ammetterà ambiguità nel rapporto col PD, che a quello di Marino ha prima fatto mancare il suo appoggio e infine assestato il colpo decisivo, per ragioni che l'elettorato ha bene in mente.

La risposta a questa domanda richiederà da parte di Ignazio Marino un'attenta riflessione: il tema è di nuovo la compatibilità tra il programma di cui vuol farsi portatore e una candidatura alle primarie del PD (vincente o perdente). Ma anche la ricerca di soluzioni alternative. Non è dato sapere se si sia già posto il problema. L'importante è che lo faccia prima di sciogliere i dilemmi.
dei sindacati a Piazza Vittorio a Roma
Archivio Fotografico Luce - Fondo Dial, 05.07.1960 - Manifestazione antifascista dei sindacati a Piazza Vittorio a Roma
Archivio Fotografico Luce. Fondo Dial, 05.07.1960 - Manifestazione antifascista dei sindacati a Piazza Vittorio a Romaa Piazza Vittorio a Roma

Commenti

  1. La mia opinione è che Marino sarebbe un ottimo Presidente per la Regione Lazio, ma sia inadatto a fare il sindaco. Fossi in lui non mi ricandiderei a Roma

    RispondiElimina
  2. La mia opinione è che Marino soffra di un disturbo narcisistico della personalità e che il poco di bene che è stato fatto a Roma è stato fatto nei Municipi da giovani PD. Finalmente il partito ha aperto gli occhi. Già: aprirli prima di candidarlo e salvare Roma da un'umiliazione senza pari sarebbe stato chiedere troppo a un partito accecato dal gioco di correnti e da logiche che sconfiggono l'intelligenza ancor prima del pudore.

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Questo blog personale è aggiornato senza periodicità, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale (legge n. 62/01).
Eventuali immagini provenienti da fonti non correttamente citate o che violano involontariamente diritti d’autore saranno rimosse se fatto presente a gianprincipe@hotmail.it.
L'autore non risponde dei commenti dei lettori, che saranno rimossi se ritenuti lesivi per terzi, né per i siti collegati da link.
Si possono condividere i contenuti riportando la fonte.

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…