Passa ai contenuti principali

Una iniziativa giudiziaria per la democrazia nel PD romano

Domani, venerdì 18 settembre alle 11,30, sarò presente alla Conferenza Stampa che si terrà a Roma presso il Centro Studi Cappella Orsini (via di Grotta Pinta, 21). L'hanno organizzata alcuni amici, iscritti ed ex iscritti al PD, che hanno citato in giudizio il Commissario del PD Roma, Matteo Orfini, chiedendo l'annullamento della delibera con cui ha “riformato” le strutture di partito. Perché contrastano con lo statuto del PD e perché l'organismo che le ha approvate non aveva titolo a farlo. Mi hanno invitato perché ero stato interessato alla vicenda in Commissione Nazionale di Garanzia, dove sedevo quando ero iscritto al PD (fino a pochi mesi fa). Ho accettato di buon grado.
Qualcuno temeva che avrei declinato l'invito in quanto la cosa non mi riguarda più. Sbagliato.Risultati immagini per giustizia uguale per tutti
Per cominciare, c'è una ragione di solidarietà, anche per chi ha condiviso la battaglia senza trarne la conclusione di dover lasciare il partito. Ma al di là di questo, tra i ricorrenti c'è chi è uscito, come me, per impegnarsi nel progetto di Possibile insieme a Pippo Civati, ma non per questo ha desistito dall'azione giudiziaria. E la ragione che mi fa interessare a questa vicenda anche da non iscritto al PD è la stessa che li ha portati a insistere: la democrazia interna nei partiti, e in particolare in quello che detiene le leve del potere politico in questo momento, è questione che riguarda la democrazia in quanto tale e perciò tutti i cittadini indipendentemente dalla collocazione politica.
C'è poi una ragione specifica che riguarda la vicenda romana, di Mafia Capitale e della sua penetrazione anche all'interno del PD. Me ne sono occupato in precedenza su questo blog, all'epoca in cui la questione era di mia competenza in Commissione di Garanzia del PD.
Le soluzioni che il Commissario Orfini sta immaginando e mettendo in atto non solo non modificano il quadro delle distorsioni e delle aberrazioni della vita interna che hanno aperto la porta a quei fenomeni: le stanno addirittura amplificando.

Risultati immagini per giustizia uguale per tutti
Il guaio del PD romano, quello per cui era diventato brutto e cattivo in molte sue parti e teatro di conflitti molto spesso di matrice criminale, era che la partecipazione era stata soffocata. Dapprima. Quindi ricondotta nell'alveo delle filiere di costruzione del consenso per potentati locali che, al di là delle collusioni che non sempre si verificavano con la criminalità mafiosa, ne rispecchiavano tuttavia le leggi di funzionamento: scambio di favori clientelari, asservimento personale, creazione di reti occulte o comunque opache, sottratte alle regole democratiche di rapporto tra associati di una medesima organizzazione. Di questi fenomeni, che durante le primarie del 2013 erano venuti allo scoperto e denunciati alla stampa e dalla stampa ripresi e amplificati, nessuno, dico nessuno, è stato perseguito dagli organi di garanzia locali. Con questo si è anche impedito che le denunce potessero arrivare al grado di giudizio successivo, della Commissione Nazionale. Dove peraltro chi, come me, ha reclamato l'apertura di indagini autonome, come sarebbe stato nei poteri statutari della Commissione Nazionale, è rimasto inascoltato.
Né ha colmato queste lacune risalendo alle responsabilità l'indagine di Barca, peraltro accurata nelle sue metodologie statistico-sociologiche ma per ciò stesso impersonale. Come non lo ha fatto quella sul tesseramento che i Giovani Democratici, per conto del Commissario, hanno condotto a tappeto sugli iscritti (o presunti tali) non avendo avuto il mandato di risalire alle responsabilità (alla risposta “qualcuno ha pagato la tessera per me”, per dire, non si doveva chiedere nome e cognome o comunque, se pronunciato, non andava registrato). E sì che lo statuto farebbe obbligo a chi viene a conoscenza di violazioni di quel genere di sporgere denuncia ai Garanti...

Chiudere i circoli, lasciandone uno ogni 200.000 abitanti (per lo statuto dovrebbero essere almeno il quadruplo), sequestrare e centralizzare le risorse e le responsabilità verso terzi, rispondono esattamente alla logica che ha dato origine a Mafia Capitale e la portano alle estreme conseguenze.


Orfini (e il suo ineffabile staff) se la cavano con l'equazione “chi è contro di me è con Mafia Capitale”. I ricorrenti (per quello staff definiti “denuncianti” e minacciati di una “controquerela” che per un ricorso al giudice civile, che non è una querela, è alquanto singolare) sono però persone che tutto il PD romano conosce per l'impegno che hanno sempre speso per raddrizzare quelle storture, per denunciarle e combatterle a viso aperto. Non so se, piuttosto, nel PD romano si leverà qualche voce in loro sostegno, apertamente. Certo è che meritano gratitudine per un'iniziativa concepita per il bene della collettività cittadina e per rilanciare la credibilità, ai minimi storici, della politica romana. Quanto meno di quella democratica e di sinistra.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…