Passa ai contenuti principali

Stefano Fassina e l'"andare a sbattere". Una precisazione doverosa

Stefano Fassina non l'ha presa bene. In una lunga e accalorata invettiva telefonica mi ha accusato di aver fatto lotta politica di bassa lega riprendendo, nel mio ultimo post, le voci di un suo presunto boicottaggio dei referendum proposti da Possibile.

Premetto che fare “lotta politica” contro Stefano Fassina mi sembrerebbe una aberrazione, Si lotta contro avversari: contro la destra, contro il governo Renzi che compie atti contrari ai valori e ai programmi della sinistra.
Quelli che rimprovero a Stefano Fassina invece sono atti che considero errori, magari gravi, che mi piacerebbe non commettesse (non per questo considerandolo un avversario). Proprio come quello che lui pensa (così almeno credo) della decisione di Possibile di presentare quei referendum.

Secondo lui però avrei preso per buone insinuazioni e falsità parlando di boicottaggio. Il termine lo ha offeso.
Ha, sì, criticato pubblicamente la decisione dei referendum intervenendo al Politicamp di Firenze. Ma poi, ci ha tenuto ad assicurarlo con grande foga, nulla più. Nessun pronunciamento, nessuna indicazione di voto, né in pubblico né agli aderenti ai comitati che sta promuovendo. E solo rispondendo a mia specifica domanda ha dovuto ammettere, rompendo il riserbo, che non li voterà.

Come non prenderne atto? Come non dar conto della precisazione? Posto che, ovviamente, avrà modo, se mai lo volesse, di farla in prima persona assai meglio di come la faccio io in terza persona.
Vedo tuttavia che insiste in quello che considero un errore. 
Perché non si tratta solo di una critica ai tempi (la “fuga in avanti”, il sottovalutare il rischio di non farcela): su queste differenze di valutazione mi sono espresso nel post precedente e non ci ritorno. Ma qui la questione è un'altra: come si fa a sostenere che ora non vadano sottoscritti, pur trattandosi di leggi su cui ha espresso con grande veemenza la sua contrarietà? Questo resta, ai miei occhi, un errore ben più grave, le cui motivazioni non riesco proprio a comprendere.

Dunque, se non ho colto che quello che considero un errore è solo suo, una scelta personale, “intima” si potrebbe dire, la precisazione è doverosa. Può apparire strano, trattandosi di un leader politico, ma devo stare alle sue parole (sorvolando con qualche fatica sugli insulti).
Perciò, chi racconta di aver partecipato a riunioni in cui si è detto che quei referendum non si devono sottoscrivere devo ritenere che stia mettendo in giro falsità.
O, comunque, se qualcuno l'ha detto, si deve sapere che non si era certo confrontato con Fassina.

Se poi la questione è di lingua italiana, se non si può parlare di boicottaggio per chi va dicendo che non si deve andare a firmare, ebbene, avrei da ridire. Ma se quello è il problema, chiamiamola pure lotta politica. Di grande spessore teorico e ideale, s'intende, mica di bassa lega.


Ps. Devo invece ammettere che avere virgolettato una frase anonima (sul boicottaggio) è davvero una delle scorrettezze peggiori, benché molto diffusa. Avendo fatto il copia/incolla di frasi scritte, che riassumevano rumors piuttosto diffusi, ho in automatico messo le virgolette: ma se gli autori avevano preferito una corrispondenza privata non ero autorizzato a virgolettare un bel niente senza citare la fonte. Non deve più accadere, giuro. E intanto ho proceduto alla correzione.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Cinquestelle e sinistra. Una conclusione

Se la sinistra si unisse all’attuale opposizione al governo Conte in una campagna per farlo cadere in nome dell’antifascismo darebbe un colpo letale ad ogni residua, flebile speranza di recuperare un ruolo significativo sulla scena politica italiana per il prossimo futuro. Deve invece prioritariamente ricostruire un suo profilo riconoscibile su un progetto convincente, chiaro nei presupposti di valore.
Questa affermazione, con cui ho chiuso il post precedente, non solo non è una dimostrazione del settarismo identitario che impedisce alla sinistra di ritrovarsi ma è la condizione per riuscire in questo arduo compito. Lo è in base a banali considerazioni dettate da un’analisi appena obiettiva della situazione politica attuale. Mi sono impegnato a motivarlo e provo a farlo di seguito.

Riassunto delle puntate precedenti. - Il governo ora in carica era ufficialmente abortito per la pretesa di Salvini di rappresentare la coalizione di centrodestra anziché solo la Lega e per il rifiuto dei Ci…

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

Combattere la destra a fianco della destra?

L’unico modo sensato, per la sinistra, di rapportarsi al governo Conte è confrontarsi con i Cinquestelle in modo chiaro e forte, criticandoli per le contraddizioni, le ambiguità, le concessioni alla destra ma sfidandoli in modo propositivo sulle cose da fare. Perché il pericolo principale che incombe è che si realizzi la prospettiva su cui sta lavorando la destra, in pieno accordo con il PD: far fuori i Cinquestelle per dar vita a un “governo di salute pubblica” di cui la Lega sarà chiamata a far parte con o senza Salvini. E, ancora una volta, senza passare per le elezioni. Questo è il disegno che la sinistra deve sconfiggere: un compito arduo, che diventa impossibile se al momento della rottura viene meno la forza organizzata e la presa elettorale dei Cinquestelle.
Chi lavora per un governo "di salute pubblica"? È questa la conclusione cui sono giunto negli ultimi post, partendo dalla considerazione che Salvini è, sì, la destra estrema ma è in missione per lo schieramento di …