Passa ai contenuti principali

Ancora su sinistra e referendum. Domande che attendono risposta

Devo tornare sul tema dell'atteggiamento di alcuni pezzi della sinistra sui referendum promossi da varie associazioni tra cui Possibile. Molti ci vedono, più che una distanza, un'ostilità, un boicottaggio. L'accusa viene respinta, ma sta di fatto che c'è una parte che non solo non partecipa alla campagna, non solo non va a firmare, ma rifiuta perfino (avendo titolo a farlo) di prestarsi a autenticare le firme.

Difficile darsi una spiegazione, per chi sta animando con grande passione questa campagna. Un conto è criticare il modo in cui la campagna è stata costruita, i suoi tempi: opinabile, ma legittimo. Se però il merito è condiviso, se si è fatta una battaglia contro le norme che verrebbero abrogate, ora si tratta di firmare o non firmare, o quanto meno di autenticare le firme altrui: perché no? Si teme il riflesso negativo di un eventuale insuccesso? Ma sarebbe motivo per impegnarsi al massimo, mica per stare a guardare (figuriamoci per boicottare!).
Inizialmente, al camp di Possibile a Firenze, il coordinatore nazionale di SEL ha giustificato la non partecipazione alla campagna con la necessità di “caricare” i militanti, di approfondire i temi, con un giro di assemblee da tenersi da allora (metà luglio) al 1 ottobre. Ci si poteva chiedere come mai proprio quella data, il giorno dopo la scadenza utile per un voto referendario nel 2016, ma poteva essere solo orientativa (chissà, le assemblee potevano tenersi prima del 15 settembre permettendo una partecipazione attiva, sia pure in extremis); comunque, nulla avrebbe impedito, a chi fosse stato già convinto del merito, di firmare o magari di attivarsi (come molti di loro infatti stanno facendo). Non ci si poteva certo aspettare una indicazione di astenersi dal collaborare!
Ora però, constatato tra l'altro che di assemblee sui referendum non se ne sono viste in giro granché e che ormai il 1 ottobre sta per arrivare, sento dire (anche in pubblico da dirigenti nazionali di SEL) che “se la campagna ha successo, bravi; ma se, come riteniamo possibile, se non probabile, non ce la fate, a quel punto tutta la fatica va sprecata e noi ci teniamo pronti per partire, dopo il 1 ottobre, con le procedure giuste e la preparazione adeguata, così da depositare le firme entro il 30 settembre 2016 e votare nel 2017, contando sull'apporto anche di chi ci ha provato inutilmente quest'anno.”
Sanno che votare nel 2017 non è lo stesso che farlo nel 2016. Che in concomitanza con il voto amministrativo ci sarebbero meno rischi di mancare il quorum; che con l'entrata in vigore dell'Italicum (1 luglio 2016) il quesito sull'abrogazione totale diventa improponibile; che si darebbe un grande slancio alla campagna contro il voto confermativo sulla riforma costituzionale; che si guadagnerebbe un anno nel fermare le ferite al territorio, l'oltraggio alla dignità dei lavoratori. l'aziendalizzazione della scuola pubblica, l'incentivo alla corruzione e all'affarismo sulle grandi opere. Ma, ci si dice, sprecare energie, di partecipazione e di mobilitazione, in questa fase di difficoltà, non possiamo permettercelo.

Ragioniamoci ancora un momento.
Per quello che sto vedendo in giro, le energie di partecipazione e di mobilitazione che si stanno suscitando non sono una scintilla di un momento. Dire la propria parola, muoversi per suscitare consenso, era ciò che il mondo di sinistra chiedeva per tornare a credere in se stessi e per ricominciare a immaginare un futuro che non fosse di sconfitte, di tradimenti e di frustrazioni. Nessuno ci dice “se però non ce la facciamo non vi perdoniamo”. Tutti, piuttosto, ci dicono “avete aspettato troppo, adesso non ci deludete, andiamo avanti senza fermarci”.

Suvvia, pensateci bene! Le scommesse a perdere non sono mai una bella cosa e se si vince, come è assolutamente POSSIBILE, la vittoria è di tutti. Se poi non si votano i referendum nel 2016, il governo e la maggioranza che lo sostiene segneranno un punto a favore. Ma, l'ho già scritto, su chi ricadrà maggiormente il peso dell'aver perso un'occasione con il rinvio di un anno? Su chi ci ha provato con tutte le forze o su chi fin dall'inizio ha deciso di spostare in avanti di un anno l'appuntamento?

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…