Passa ai contenuti principali

Ancora sul tesoretto. E sull'ipotesi di Grexit


Ancora una volta. Davvero non porta bene parlare di tesoretto.
Non si finiva ancora di ragionare sulla destinazione di 1,6 miliardi di minore spesa per gli interessi sul debito pubblico italiano, grazie alla caduta dello spread per l'intervento della BCE.
Non si era ancora spenta l'eco delle polemiche sulla strumentalità di questi annunci trionfali che creavano confusione perché mascheravano l'esistenza di clausole di salvaguardia per 13 miliardi di aumenti IVA e accise. E sviavano l'attenzione dell'opinione pubblica da quella minaccia incombente che richiederebbe, per essere scongiurata, soluzioni di bilancio alternative di cui non si ha la minima idea.
Non si è fatto a tempo a iniettare ottimismo e fiducia. 
All'avvicinarsi della scadenza del 24 aprile, ultimo giorno utile per un accordo UE-Grecia che eviti il default ellenico e il Grexit (la susseguente uscita dall'Euro), i mercati hanno fatto quello che era inevitabile che facessero (anche se solo gli osservatori più lontani ce lo ricordavano da oltre-Oceano, oltre ai gufi nostrani). Hanno puntato (per usare l'espressione di Krugman) le ultime pecorelle del gregge per azzannarle. In particolare, la più grossa tra le pecore più lente, l'Italia.
Una volta chiarito che dall'Euro si può uscire e che Draghi, quando lo aveva solennemente escluso, aveva solo tentato di spaventare i mercati finanziari ma non aveva detto il vero, quelli hanno riscoperto il gusto della scommessa puntando sul cosiddetto “rischio del debito”.
In altre parole, per il mondo della finanza ha un senso riscuotere sul debito dell'Italia un interesse inferiore a quello assicurato dai buoni del Tesoro USA solo se lo si deve considerare una parte del debito europeo. Ma se si deve tornare a considerarlo debito dello stato italiano, ebbene allora quell'interesse così basso è un non senso.
E puntualmente in pochi giorni (ma si potrebbe dire in poche ore) lo spread rispetto ai Bund tedeschi è risalito di una cinquantina di punti, mentre risalivano gli interessi delle altre pecore lente (con la Grecia, il Portogallo, la Spagna …). Significa lo 0,5% in più.
Sapete quanto ci costerebbe, se si stabilizzasse per il prossimo anno su quel valore (non voglio immaginare che salga ulteriormente)? All'incirca 2,5 miliardi di euro in più di quello che si prevedeva al momento del DEF, una settimana fa.

Ce la può fare lo Stato italiano? Certo che ce la può fare a pagarli. Tagliando da qualche parte (altro che tesoretto!)
Ce la possono fare le famiglie italiane? Alcune sì (anzi, quelle il cui reddito proviene dalle rendite finanziarie ci guadagneranno). Tante altre no.

E dire che quel miliardo e sei doveva servire alla lotta alla povertà.

E dire che il più grande partito della socialdemocrazia europea, saldamente (?) al governo nel nostro paese, non trova necessario spendere una sola parola contro la destra che sta imponendo il Grexit.
Non ci riguarda, noi non corriamo rischi, perché siamo più forti ... e perché a Draghi ora fanno dire che se uscirà la Grecia basterà intensificare un po' gli acquisti dei titoli sotto attacco.
Proprio come si diceva nel '92, quando si sfasciò lo SME. E il governo italiano dovette prelevare (di notte) un po' di lirette dai conti correnti dei cittadini.
Risultati immagini per Amato 1992 conti correnti

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…