Passa ai contenuti principali

Tra falchi e gufi.

Il vice-presidente della Commissione UE Jyrki Katainen ha espresso apprezzamento per il Jobs Act sostenendo che darà impulso a nuove assunzioni, in particolare di giovani.
E' una buona notizia.
Perché con questa dichiarazione un fautore del rigore e dell'austerità nelle politiche di bilancio, che in passato ha più volte ammonito l'Italia e minacciato interventi sanzionatori, ha inteso mandare un messaggio al governo italiano.
Quello che lascia intendere è che si guarderà con occhio benevolo ai conti italiani, quando nel prossimo marzo saranno esaminati per un giudizio definitivo, dopo il primo via libera “condizionato” dello scorso dicembre sulla legge di stabilità.
Ci voleva un falco per mettere a tacere i nostri gufi.

Il vice-presidente della Commissione UE Jyrki Katainen ha espresso apprezzamento per il Jobs Act.
Non è una buona notizia.
Perché dà ad intendere che davvero darà impulso a nuove assunzioni, in particolare di giovani, quando neanche il governo italiano ha ritenuto di poterlo sostenere nei documenti inviati alla Commissione.
Perché questa dichiarazione rappresenta una intromissione nella politica nazionale, che in genere viene accuratamente evitata dai commissari europei per un doveroso rispetto delle prerogative (peraltro inasprisce la dialettica politica interna) ma anche perché, in una logica di sussidiarietà, si deve dare importanza ai fattori di contesto locale.
Prendiamo ad esempio il paese da cui proviene, di cui è stato primo ministro per tre anni fino all'estate scorsa.
E' nella parte bassa della graduatoria OCSE dell'indice di protezione dei licenziamenti. L'Italia era nella fascia media e con il Jobs Act scenderà nella parte bassa, mentre Francia e Germania sono nella parte alta. Significa qualcosa, in astratto?
Andiamo oltre. Se si va a guardare più da vicino, in Finlandia il reintegro non è obbligatorio per legge in nessun caso (solo il risarcimento è obbligatorio). Ma non è affatto escluso: è demandata al giudice la facoltà di stabilirlo, in base a un principio di proporzionalità. Inoltre, l'impresa che licenzia è tenuta a fornire al lavoratore estromesso la formazione necessaria alla ricollocazione. Ed è tenuta a dare la precedenza al lavoratore estromesso in caso di nuova assunzione. Sono idee che possano interessare le nostre associazioni imprenditoriali?

Peccato che ci sia voluto un falco, della destra europea, per dare una mano ad attaccare i nostri gufi.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…