Passa ai contenuti principali

Le primarie in Liguria non si possono archiviare così

Nelle conclusioni delle primarie liguri c'è davvero più di un motivo per restare sconcertati. Troppi aspetti avrebbero bisogno di una spiegazione, ammesso che ce ne sia una. Ma non arriva. Per quanto possa dispiacermi la sua scelta, comprendo la reazione di Cofferati a cui manifesto, se vale qualcosa, la personale solidarietà, mentre rilevo un preoccupante scadimento della qualità della vita interna del partito.
   
Mettiamo in fila le cose:
  • i sostenitori di Cofferati presentano (da notizie di stampa) 28 esposti su irregolarità delle operazioni nei seggi da parte di sostenitori della Paita;
  • dopo cinque giorni il comitato dei garanti si pronuncia con un verdetto, di cui si pubblica solo il dispositivo (per le motivazioni si devono aspettare altri tre giorni), che annulla il voto in 13 seggi, per poco meno di 4000 voti, e convalida il risultato delle primarie sulla base del conteggio dei voti nei seggi rimanenti;
  • il comitato non adotta alcuna sanzione a carico di coloro che hanno determinato l'annullamento; non rileva pertanto, si deve supporre, alcuna violazione del codice etico e del regolamento oppure rinvia questa parte ad altro momento o altra sede;
  • nel frattempo la procura indaga attorno alle operazioni di voto in altri due seggi, con l'interessamento, a quanto risulterebbe, della DIA distrettuale.

Provo a tirare le somme per evidenziare le criticità più rilevanti.
1) Annullare poco meno del 10% dei voti espressi difficilmente può essere motivato da irregolarità puramente formali non sanabili. Ogni altro genere di irregolarità chiama in causa responsabilità personali: per violazioni dello statuto (del partito, per gli iscritti), o del regolamento, o del codice etico (delle primarie ovvero del partito per gli iscritti) sempre che non abbiano anche rilievo penale.
2) Finché questi risvolti non sono portati alla luce e definiti in ogni aspetto nessuno può dichiarare chiusa la partita. Tanto meno il segretario del PD, o la candidata che si ritiene vincitrice, che, più di ogni altro, dovrebbero avere interesse alla chiarezza totale, fino a fugare ogni ragionevole dubbio.
3) Anche nell'ipotesi, assolutamente poco plausibile, che l'annullamento derivi da motivi solo formali, rimangono due questioni aperte: il fatto che alcune migliaia di votanti sia stato privato del diritto di partecipare alle primarie, per responsabilità di altri, non può essere derubricato come irrilevante, o marginale (a Napoli, nel 2011, le primarie furono annullate per irregolarità in 3 seggi riguardanti un migliaio di voti su 44,000); il rigetto dei ricorsi presentati (di ciò si tratterebbe in questo caso visto che non riguardavano aspetti formali ma violazioni di ben altra portata) dovrebbe essere motivato dando conto in modo esauriente delle indagini svolte.

In conclusione, le condizioni per chiudere la vicenda non sono ancora date. Né potranno esserlo con la sola pubblicazione del verdetto completo di motivazioni.
Chiudere ugualmente, passando sopra ai fatti non chiariti, sarebbe grave.
Andrebbe contro regole fondamentali della vita interna del partito, prescindendo dagli aspetti che chiamano in causa la coalizione.
Sarebbe il modo peggiore per affrontare la sfida delle elezioni, dopo che in Emilia abbiamo registrato la “protesta con i piedi” di un quarto dell'elettorato (prevalentemente nostro “popolo”) che ha preferito stare a casa.
Sarebbe il modo peggiore per avviare l'iter dell'elezione del Capo dello Stato. Un'elezione che nel nostro ordinamento spetta ai partiti rappresentati in Parlamento. Partiti che, secondo tutti i sondaggi di opinione, sono in coda alle graduatorie di consenso rispetto ad ogni altra istituzione, godendo della fiducia di circa un elettore su trenta.
Toglierebbe ogni credibilità agli appelli che da parte di alcuni esponenti del partito vengono rivolti a Sergio Cofferati perché ritorni sui suoi passi e non lasci il PD. Toglierebbe altresì credibilità agli appelli all'unità del partito ligure nella tornata elettorale a cui è chiamato.

Commenti

  1. Perfettamente d'accordo.
    Piero Filotico
    https://unfilorosso.wordpress.com/2015/01/18/le-sempre-piu-opache-primarie-del-pd/

    RispondiElimina
  2. ANCH'IO SONO D'ACCORDO
    Aggiungo commento politicamente corretto perchè sincero : " MA QUESTA PAITTA E' ANCHE UN SACCO BRUTTA !!!!"

    RispondiElimina
  3. E' stato scritto "ma non doveva andarsene così " , criticando un gesto che , se rimandato avrebbe consentito, nell'intendimento dei critici, l'avvio di un dibattito piu' generale e non sul caso singolo. Io penso invece che così il gesto è stato eclatante ed immediato , avendo così un effetto notevole dal punto di vista mediatico; sta adesso ad altri partire da qui per una discussione non fine a se stessa ma che tragga le conclusioni di tutta una serie di azioni governative "contro la sinistra".

    RispondiElimina
  4. Concordo. Apprezzo che le vostre coscienze si destino, perché negli ultimi anni hanno dormito. http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/primarie-pd-modena-e-reggio-stranieri-pagati-per-votare-il-candidato-ad-hoc-1809078/

    RispondiElimina
  5. dal momento che c'è la Procura tocca aspettare gli esiti per avere il quadro penale...ma intanto quello civile può essere da subito definito...a Napoli sono state prontamente annullate, la stessa cosa si dovrebbe fare per queste e subito...il segretario (chiamiamolo così, visto che preferisce fare il premier perchè di fare il segretario non è proprio capace) certamente non ne ha nè la voglia tantomeno il potere, ma un Partito ha gli organi giusti ed opportuni per decidere rapidamente e senza rimandare al giudizio della Procura...perchè un partito serve a questo e non dipende dalla Magistratura ma dal suo Statuto e del Codice Etico e dai suoi organismi preposti a farli rispettare...annullate le primarie o siete in grado di farne altre oppure chi si sente in linea con la vicenda Cofferati deve (scrivo deve anche se sarebbe dovrebbe...) deve presentare una lista propria e se il Pd si ostinerà a presentare Paita & Co avrà ancora maggior senso presentare la lista...se il Pd ferma la candidatura di Paita & Co e annulla le primarie, potrebbe per una volta seguire il buon senso della minoranza e non fare altre cazzate solo per il fatto di avere i numeri...auguri...!

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Questo blog personale è aggiornato senza periodicità, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale (legge n. 62/01).
Eventuali immagini provenienti da fonti non correttamente citate o che violano involontariamente diritti d’autore saranno rimosse se fatto presente a gianprincipe@hotmail.it.
L'autore non risponde dei commenti dei lettori, che saranno rimossi se ritenuti lesivi per terzi, né per i siti collegati da link.
Si possono condividere i contenuti riportando la fonte.

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…