Passa ai contenuti principali

Due domande (tenebrose) agli elettori del PD

Su “La Stampa” questa mattina leggo, in un fondo di Federico Geremicca: 
Una inebriante miscela fatta di eccesso di sicurezza, superficialità e senso di onnipotenza, ha prodotto errori, scivoloni e forzature delle quali non si sentiva affatto la mancanza: soprattutto in un momento delicato come questo … Quel che più colpisce nelle ultime gravi disavventure di Renzi (citiamo per tutte il caso del volo di Stato per Courmayeur e la cosiddetta norma fiscale «salva-Berlusconi») è che sembrano segnalare l’improvviso smarrimento della caratteristica che in quest’ultimo anno ha fatto del segretario-premier un leader popolarissimo e a suo modo diverso: la sintonia con il «comune sentire» della maggioranza dei cittadini italiani”

E su “la Repubblica” un fondo di Claudio Tito intitolato “Gli errori del premier” si conclude così: 
I sospetti e i dubbi, quando non vengono sciolti, diventano una debolezza. Soprattutto ai tempi della politica 2.0“

Nessuno dei due giornalisti citati potrebbe mai essere annoverato nella categoria dei gufi. E pertanto non si sono azzardati a spingere lo sguardo nelle tenebre che regnano appena un po' più in là di quelle considerazioni. Vorrei però invitare alcune categorie di elettori del PD a provare a farlo, rispondendo a due domandine, facili facili da formularsi, ma molto scomode in quanto richiedono di scrutare il futuro con uno sguardo “notturno”, capace di guardare il buio senza averne paura..


La prima domanda la rivolgerei a quei tanti che hanno deciso di “cambiare verso” tra le primarie del 2012 e quelle del 2013 “perché Renzi ci fa vincere” e si sono quindi esaltati al fatidico 40,8% (quando Renzi stesso invitava alla cautela): che cosa pensano di fare nell'ipotesi (oggi avvolta nel buio dell'irrealtà, ma...) che non dovesse più farci vincere, una volta “smarrita la sintonia con il comune sentire della maggioranza”, per dirla con Geremicca? Poniamo che (continuando nelle ipotesi tenebrose) getti la spugna, cerchiamo un altro Monti tra le “riserve della Repubblica” e vediamo se stavolta il suicidio riesce meglio? Poniamo invece che chiami a raccolta per resistere sulle barricate, contro il comune sentire della maggioranza, ci votiamo all'avventura “o Roma o morte” o ne studiamo un'altra e cerchiamo un'alternativa, attraverso nuove primarie?


L'altra la rivolgerei a quelli (non altrettanto numerosi ma significativi) che da sinistra, molto da sinistra, hanno abbracciato la causa di Renzi perché finalmente rottamava i traditori, infiltrati dalle centrali del potere economico-finanziario mondiale, ossia perché faceva fuori quei moderati che dopo aver liquidato il PCI avevano abbracciato i dogmi del liberismo (il tono è volutamente caricaturale e mi scuso se offendo qualche sensibilità ma è per rendere chiara l'idea): quanti altri “sospetti e dubbi”, per dirla con Tito, dovremo farci venire prima di prendere atto che il nostro segretario ha stretto un'intesa politica, fondata su basi culturali e ideologiche molto solide, con gli alleati di governo delle “larghe” (ehm, ehm) intese? Quanto dovremo attendere per costruire una risposta di sinistra (non radicale, né moderata, semplicemente di sinistra) alla politica del territorio e delle infrastrutture di Lupi, a quella dei diritti civili, dell'accoglienza, della coesione sociale di Alfano, a quella del lavoro di Sacconi (per non dire di quella istituzionale e di quella fiscale di Berlusconi e Verdini)? In quali sedi potremo farlo, se non ci è concesso di farlo nelle sedi ufficiali, canoniche? (se volete vederci un riferimento al convento del Nazareno, fate pure).



E' un timore atavico, ancestrale, quello che ci fa temere, al calar del sole, che non venga mai più giorno. E' un timore che gli animali notturni non conoscono. La notte succede al giorno come alla notte succede il giorno

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…