Passa ai contenuti principali

Lavoro. I nodi vengono al pettine


La nebbia si è diradata, come ci si attendeva, e si comincia a veder chiaro sulle questioni al centro del dibattito in Direzione PD. Dopo le bandierine e gli slogan il merito dei problemi torna ad imporsi nella sua durezza. Le scelte che un'abile oratoria riesce a dissimulare o nascondere si ripropongono senza poter essere scansate, eluse.
Lo aveva detto con grande chiarezza nel suo intervento Pippo Civati. Riguardo alle opzioni, sbandierate sui media e trasferite nell'arena della direzione, ci si deve dire “dove e quando prendono una definizione compiuta, altrimenti restiamo nell'incertezza e dovremo attendere la prossima intervista”.
Non ci è stato detto ed ora, anzi, appare più che probabile che nessuna di quelle votate in Direzione prenderà corpo in Parlamento.
Vediamole una per una:
  • risorse aggiuntive per gli ammortizzatori da estendere (punto 1. dell'odg conclusivo): se non si modifica il vincolo (art. 6, comma 3) per cui “ dall’attuazione delle deleghe non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica” resta lettera morta
  • riduzione delle forme contrattuali, “a partire dall’unicum italiano dei co.co.pro.” (p.2) e riforma dei servizi per l'impiego (p. 3): se non viene modificata di nuovo la riscrittura dell'art. 4 che il governo ha fatto approvare in chiusura dei lavori in Commissione, saranno demandati ai decreti attuativi, sottraendo così al Parlamento il potere di esprimersi su aspetti così importanti della riforma, sui quali è stata chiamata a esprimersi la Direzione del PD
Resta  il punto finale sull'articolo 18. Di licenziamenti la legge delega non parla. Che una modifica di questa entità possa essere introdotta dai decreti attuativi senza nessun indirizzo specifico nella legge è semplicemente impensabile. L'idea di affidarsi a un o.d.g. non risolve un bel niente (se un testo può essere portato all'approvazione è più logico che entri nel corpo della legge). Come procedere? Come emendare?
L'aver scelto di farne la “madre di tutte le battaglie”, nel modo in cui è stato fatto, sta portando in un vicolo cieco. La “mediazione” con una parte dell'ex minoranza cuperliana (non rispetto al testo della legge ma rispetto agli annunci di Renzi che facevano seguito agli annunci estivi di Alfano) non cambia la sostanza, come ho cercato di spiegare in precedenza, ma scontenta l'NCD (“ohibò, contiamo meno dei giovani turchi?”). Tanto più che FI è intenzionata a farla passare come una marcia indietro per rafforzare la pressione (o OPA che dir si voglia) sugli incerti di quel partito.
Ecco allora la tentazione di “fare gli stupidi” ventilando ugualmente l'o.d.g. per un futuro di là da venire. Andiamo avanti così, nell'incertezza, un'intervista via l'altra come paventato da Civati, per approvare (quando sarà) la legge delega. Intanto il can can mediatico sarà servito (spera qualcuno) per accontentare Bruxelles mentre va in discussione, tirata fuori dal cilindro, la legge di stabilità.
Insomma, il funambolismo appare sempre più un esercizio ad alto rischio. Se si avesse chiaro il quadro e la direzione di marcia entro cui collocare la riforma del lavoro, la soluzione sarebbe semplice (e democratica). Si tirerebbero fuori dalla legge delega i punti di merito su cui è urgente intervenire e si andrebbe in chiaro, con il Parlamento e con il Paese.
Ma salterebbero i patti palesi (le larghe intese) e quelli “secretati” (Nazareno). Salterebbe il quadro politico. E si cambierebbe (davvero). Servirebbero coraggio e autorevolezza (politica).

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…