Passa ai contenuti principali

La fiducia sul Jobsact. I perché di uno strappo


La decisione è presa, sulla delega lavoro (o Jobs Act) al Senato il governo pone la fiducia.

In molti si stanno domandando (e Civati è arrivato a domandarlo anche a Napolitano) perché dobbiamo arrivare a partorire un mostro e umiliare la democrazia, imponendo la fiducia su una legge delega, che è a sua volta una richiesta di fiducia, scritta per di più in modo vago così da lasciare mano libera al governo (si chiama delega in bianco).
Ma la risposta di Renzi non arriva. Così restano senza risposta molte altre domande sui perché di questa scelta. Vogliamo provare a metterle in fila, che forse ci aiutano a capire quei perché?

Era davvero così difficile resistere all'imposizione del Nuovo Centro Destra, che non accetta che siano inserite nel testo quelle minime precisazioni (ancora piuttosto “interpretabili”) chieste dalla direzione del PD, tanto da arrivare a chiedere la fiducia su una legge delega vaga come mai prima?
Perché si lascia che il Presidente del PD medesimo possa affermare che non è un problema visto che i decreti attuativi li faranno Renzi e Poletti, liquidando con una battuta un pezzo di cultura politica a cui sembrava tenessimo molto, il parlamentarismo? E crediamo davvero che quelli del NCD siano degli inguaribili masochisti (e noi dei furbi di tre cotte)?
Perché raccontarci che bisogna fare in fretta per presentarci con un atto concreto al vertice sul lavoro di Milano, come se una doppia fiducia su una delega in bianco, in prima lettura, avendo impedito di votare su tutti gli emendamenti presentati, fosse un atto concreto e non un'ammissione di incapacità?

Perché dobbiamo dare a vedere, proprio ai grandi d'Europa, che li consideriamo dei creduloni, che non saranno capaci di rendersi conto che il prosieguo sarà lungo e complicato e che per il primo atto davvero concreto, i decreti attuativi, calendario e scadenze della delega alla mano, dovremo aspettare tra fine 2015 e prima metà 2016?
E come si giustifica l'aver dichiarato che i decreti attuativi erano (in gran parte!) già pronti quando, se fosse stato vero, avremmo potuto affrontare il merito (non un decreto-ricatto ma una legge con corsia preferenziale) senza affidarci a una legge delega che sembra ispirata piuttosto al “chi vivrà vedrà”?

Insomma (domanda riassuntiva) per una buona volta non avremmo potuto presentarci, ai grandi d'Europa, ai nostri elettori (soprattutto) e perfino al gruppo dirigente PD, preso sul serio e non come una scolaresca a cui imporre la disciplina, davvero con le carte in regola? Cioè come politici consapevoli, responsabili e affidabili, che non tentano l'ennesimo gioco delle tre carte, a cui ormai da tanti anni ci siamo dovuti abituare?
Perché una strada alternativa c'era. Misurarci su scelte chiare e definirle in norme chiare. Condivise dalla maggioranza dei rappresentanti del popolo.
Se questa condizione, affermata con baldanza, è data. Perché se non lo fosse, non si dovrebbe fare altro che cercare una maggioranza in grado di accordarsi su dove dirigerci.

Una maggioranza con il PD al centro, in quel caso. Non un centro con il PD in maggioranza.



Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…