Passa ai contenuti principali

Sulla riforma del lavoro si dovrà scegliere


C'è una sindrome che attanaglia quella che fu un tempo la sinistra (nel PD e nella CGIL). E' quella della non-vittoria (ricordate? anche se vinceremo ci comporteremo come se avessimo il 49%), non riuscire a tagliare il filo di lana (sindrome Dorando Pietri). Vorrei ma non posso, ci credo ma non ci credo. Massimo risultato, la riduzione del danno. Il compromesso come antidoto al dover scegliere.

Sulla riforma del lavoro, scegliere si deve. O si continua sulla strada di Sacconi e Brunetta, precarizzando e svalorizzando il lavoro per inseguire la concorrenza dei paesi emergenti, o si cambia. Cambiare significa promuovere l'innovazione, la creatività, la non replicabilità; investire, perciò, sulla qualità, sulle persone, scrivere regole che promuovano la partecipazione anziché la sottomissione. Non sono due vie conciliabili, sono alternative.

Invece si va alla ricerca disperata di una mediazione. E la disperazione prende il sopravvento.
Si minaccia di passare dalla tutela reale (nullità e reintegro) al risarcimento anche in caso di licenziamento discriminatorio? Vediamo, forse si può distinguere tra le discriminazioni. Che vuol dire? Se hai la pelle nera ti reintegro e se sei al secondo mese di gravidanza ti risarcisco? E a quante settimane di gravidanza scatta il reintegro? Se sei musulmano ti reintegro ma se al ritorno dal viaggio di nozze trovi la sorpresa ti risarcisco?
Oppure. Si aggiunge un contratto a tutele crescenti alla pletora di contratti precari? Invece di abolire il Poletti a termine e il Sacconi a voucher, l'accessorio, la chiamata, lo staff leasing e via elencando fino ai para-subordinati (cocopro, cococo) e ai finti autonomi, vediamo cosa si può fare per trovare un accordo. Che vuol dire? Mediamo sulla durata del periodo a tutele ridotte? Sugli incentivi che scattano il giorno della stabilizzazione, se mai dovesse arrivare?

Così facendo, l'accusa di voler restare fermi e di ostacolare il cambiamento ha gioco facile. Perché si sta al gioco del cambiamento senza colore, cambiare come valore in sé.

Non ci vorrebbe molto invece a uscire dal gioco. A dire che si deve proprio cambiare, invertire senso di marcia. Abbandonare la politica con cui il centrodestra ci ha portato in questa situazione, di recessione e povertà, di aumento delle disuguaglianze e perdita di competitività. Che non ci stiamo a andare avanti con gli errori del passato, perché vogliamo bene al Paese, prima ancora che alla nostra storia. Che è comunque una storia che deve, sì, meritare rispetto per il suo passato ma soprattutto attirare consenso per il futuro che costruisce. Ossia, per ciò che distingue la sinistra dalla destra.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…