Passa ai contenuti principali

Domande senza risposta


L'intervista di Alfano a Repubblica sul futuro del governo non ha lasciato traccia. Non capisco bene il perché.
Capisco che i tre punti che annuncia di voler mettere al centro del “programma dei mille giorni” non meritino grande attenzione.
Lo “shock anti-burocratico” e il taglio drastico delle tasse sono slogan banali che Renzi ha già felicemente inglobato nei suoi jingle (“cantilene”, per chi non ama il renzinglish). Il terzo proclama, l'abolizione dell'articolo 18, se non suscita indignazione, né nausea, merita, guardando ai risultati di dodici anni di guerra di religione scatenata dal fanatismo ideologico del centro-destra, soltanto un'alzata di spalle: peggio di così...
Eppure la sua intervista fa emergere due problemi che invece sono tutt'altro che banali e meriterebbero qualche attenzione a sinistra.
Primo problema: appone un marchio di fabbrica sui prodotti del governo Renzi. Il decreto sul lavoro è roba nostra (cioè NCD): in effetti il copyright Poletti lo ha soffiato al legittimo detentore, Maurizio Sacconi. La legge delega sul lavoro prosegue la nostra opera (testo alla mano è difficile dargli torto). La riforma della giustizia che Orlando sta preparando è quella che avevo presentato, non ai tempi di Monti o di Letta ma ai tempi del governo Berlusconi-ter, quando ero Guardasigilli (Ministro della Giustizia).
Magari non è vero, ma andrebbe dimostrato, i fatti danno adito a molti dubbi.
Secondo problema. Delinea, tra atti passati (decreto lavoro), in itinere (legge delega sul Jobsact), e di là da venire (abrogazione articolo 18) un programma sul lavoro.
Che ha fatto fallimento. Che andando avanti non farà che peggiorare la già drammatica situazione del nostro paese (comprime la domanda interna, deprime la produttività, esalta le disuguaglianze, demolisce la coesione sociale). Tragicamente sbagliata, dunque: ma pur sempre una linea politica in materia di lavoro. Ebbene, la domanda legittima sarebbe: qual'è l'altra linea nel governo? Alziamo pure le spalle e lasciamo cadere nel silenzio la provocazione (sicuri che si tratti di questo?) del vice-Renzi. Ma qualcuno ha capito quale diverso programma ha in mente di perseguire il segretario del partito che ha l'onere di rappresentare la sinistra politica del nostro paese mentre si trova a ricoprire la carica di capo del governo?
Non ho la risposta a questa domanda. Ho qualche elemento di conoscenza in materia di politiche del lavoro e ho alle spalle una certa esperienza in materia. Ma, per quanto abbia cercato una risposta a questa domanda, non ho la più pallida idea di quale possa essere.

Lo giuro. Considerando la cosa piuttosto preoccupante, chiedo aiuto.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…