Passa ai contenuti principali

IL PIACERE DI SBAGLIARE

Sono tornato a sbagliare le previsioni elettorali e ne sono ben contento. Per una volta, ho sbagliato per eccesso di pessimismo.
Avendo messo nero su bianco, stavolta (al diavolo la prudenza!), le previsioni su questo blog, posso tornare sui miei passi e far tesoro dell'errore anche per capire meglio quello che è successo.


Ero partito da una previsione sui “5 Stelle” che andava controcorrente. Non sfonderanno, dicevo, prevedendo che i voti in arrivo dagli scontenti di centro-destra difficilmente avrebbero compensato quelli che, provenienti dal centro-sinistra, sarebbero tornati indietro rispetto all'anno scorso. Previsione azzeccata, forse potrei dire. 
Senonché attribuivo al Movimento 5S come minimo il 23,5%, con una forchetta che arrivava al 27,5%. Questo perché i segnali che mi giungevano dal Sud mi portavano a pensare che in quell'area avrebbero raccolto 4-5 punti in più, con un effetto attorno ai due punti su base nazionale. Non è andata così. Nella circoscrizione Meridionale il 24,08% è stato davvero deludente rispetto alle (loro) attese, perfino meno delle politiche, mentre il 27,35 della Circoscrizione Insulare, benché in crescita, è stato comunque troppo poco per avere effetto su scala nazionale.


Vediamo ora quelle che non ho sbagliato (giocando, sia chiaro, sulle “forchette”): Tsipras (il risultato è però nella parte bassa della forchetta che avevo ipotizzato), Forza Italia (che invece è arrivata nella parte alta), Lega e destra, appena un decimo di punto sopra il massimo previsto.

Fin qui, considerato che la sopravvalutazione di Grillo era comunque assai inferiore a quella che emergeva dai sondaggi (specialmente quelli “clandestini” delle ultime settimane), le previsioni tutto sommato ci stavano.


Al PD attribuivo però un massimo (32%) che si è rivelato inferiore di 10 punti al risultato effettivo.
Posso consolarmi pensando che stavolta le cose sono andate meglio del previsto (o del temuto). E che il mio errore non è costato niente a nessuno, a differenza degli errori (anche più gravi) compiuti da sondaggisti ben pagati. Ma credo sia interessante leggerlo insieme con l'errore commesso in parallelo: a chi avevo concesso quei dieci punti tolti al PD? Scontata la parte di cui ho già parlato, che riguarda i 5S, il resto è da attribuire alla scomparsa del centro che, insieme all'NCD, accreditavo di un possibile 11,5%. La somma delle due formazioni moderate si ferma invece al 5%. Non solo, ma la possibile ambiguità di quell'area, erede della tradizione moderata sempre in bilico tra destra e terzaforzismo (o centrismo che dir si voglia) si è sciolta rimanendo in vita soltanto la formazione dichiaratamente di destra (per quanto “nuova”).
Ecco, le elezioni che dovevano sancire la fine del modello bipolare lo hanno invece esaltato nel modo più chiaro, dalla nascita dell'Italia repubblicana. Un terzo polo c'è, ridimensionato, ma non sta tra destra e sinistra. Rivendica orgogliosamente, al contrario, una collocazione “né – né” che, resto convinto, lo condannerà inevitabilmente all'estinzione ovvero alla scelta di campo. O da una parte o dall'altra, ovvero ancora, da entrambe le parti, però scindendosi.
Il centro è stato infine cannibalizzato dalla sinistra, dunque. Ne conseguirà uno sbiadirsi dell'identità di sinistra? Un'ibridazione? Conosciamo gli esempi recenti di questo processo e sappiamo come una parte del PD lo abbia lucidamente perseguito. E' però un processo fisiologico, nei sistemi politici moderni. Sarebbe sciocco scandalizzarsi.
Quanti pensano – quorum ego – che il baricentro debba stare saldamente ancorato a un asse di sinistra, sui valori fondanti tipici della sinistra politica, si trovano dunque, ancora una volta, di fronte al bivio che ha segnato periodicamente le fasi evolutive della sinistra italiana. Come spostare l'asse? Separando (la sinistra con la sinistra, il centro con il centro, per costruire poi una alleanza) oppure facendo sì che nella mescolanza si modifichi la composizione?

La prima strada finora ha dato luogo solo a tragedie e fallimenti. Si può sempre sperare che la prossima sia la volta buona, anche se sembra corrispondere più che altro a un vizio infantile di negazione della realtà. 


L'alternativa poggia su due requisiti. Il primo, basilare, sta nella democrazia interna: apertura, partecipazione, contendibilità, rispetto delle regole. Il secondo, nell'aver filo da tessere e un buon telaio, nelle mani giuste.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…