Passa ai contenuti principali

Ancora sulla revoca della scorta a Marco Biagi

Devo ritornare, con un'appendice al post pubblicato qui sotto, sulla revoca della scorta a Marco Biagi, dodici anni fa, poco prima che fosse ucciso.
La notizia era tornata di attualità, tra le pieghe delle nuove indagini su Scajola, ma sembrava anche che fosse destinata di nuovo a un rapido oblio. Invece non è finita lì. La riapertura delle indagini su quell'episodio ha innescato la reazione dei politici che Biagi aveva sollecitato perché intercedessero presso il Ministero degli Interni, intervenuti ora per far sapere di essersi attivati, a suo tempo, presso Scajola, dando seguito a quelle richieste di aiuto.
Non si tratta di una novità, il fatto era già emerso. La novità sarebbe semmai un'altra. Allora Scajola si difese, nella sua relazione al Parlamento in forma ufficiale e, se così si può dire, solenne, sostenendo che di quelle sollecitazioni non era stato personalmente informato. “Saranno arrivate a qualcun altro”, disse, anticipando la linea che sarebbe diventata il suo marchio distintivo: “lo hanno fatto a mia insaputa”. Ma oggi quella versione, secondo le indiscrezioni giornalistiche, viene smentita da un appunto, trovato tra le carte del suo segretario di allora, con cui veniva messo al corrente delle lettere pervenute dai vari Sacconi, Maroni, Parisi. Quelli che oggi tornano sul tema per discolparsi.

Oggi, come allora, ci si tiene però lontani dal punto chiave di tutta quella vicenda. Perché anche allora nessuno aveva preso per buona la versione di Scajola (un po' come sarebbe avvenuto qualche anno più tardi per la vicenda della casa al Colosseo). E fu proprio per questo motivo, per la pressione che i giornalisti continuavano a esercitare su di lui, che si lasciò andare a quello sfogo fuori sacco che gli sarebbe costato la poltrona, quel fatidico “Biagi era solo un rompicoglioni”, chiamando per di più Maroni a testimone. Come ho ricordato, Maroni ne chiese le dimissioni se non smentiva quella frase e Scajola, senza smentire ma dichiarandosi “costernato” per le parole incaute, si dimise. Cioè confermò.
Poiché stiamo parlando di quel momento della vita politica nazionale “in cui tutto è cominciato”, il momento della svolta a 180° nella politica del lavoro del nostro paese, ho espresso l'opinione che potrebbe essere di un qualche interesse capire, ancora oggi, a dodici anni di distanza, a chi rompeva i coglioni e quale fosse il motivo. Perché, secondo le voci che circolavano nel Ministero del Lavoro nei giorni immediatamente precedenti l'omicidio, si stava consumando un divorzio tra il professore e gli uffici ministeriali, per la linea di scontro radicale che era prevalsa in sede politica. E una email indirizzata allo staff dei collaboratori di Sacconi subito prima dell'omicidio sembra confermarlo.

E' insomma possibile una ricostruzione di quella vicenda secondo cui la scorta di Biagi rientrò tra quelle revocate da Scajola, banalmente, perché la sua collaborazione con il Ministero, in posizione particolarmente esposta come obiettivo dei terroristi, si era conclusa o era in via di conclusione.

Perché non dirlo, se così fosse? Si può capire una sorta di senso di colpa per la concatenazione di eventi, tragica, che aveva fatto sì che i terroristi entrassero in azione quando il professore aveva smesso di esercitare un ruolo centrale, ignorando con ogni probabilità quanto stava accadendo. Ma proprio perché sarebbe stato del tutto comprensibile, perché tacerlo?
Devo ripetere che la ricostruzione che propongo avrebbe bisogno di altri elementi di conferma. Ma non posso non osservare che, se risultasse vera, significherebbe che Marco Biagi aveva deciso di tenere riservati, per “lealtà nei confronti di Maroni e Sacconi”, come scriveva nella sua email, i motivi della rottura. E che su quei motivi ancora oggi i protagonisti di allora intendono tacere.

Per colpa delle parole improvvide di Scajola, stavano per trapelare. Ma le sue dimissioni hanno chiuso il caso. Purché accetti, di nuovo, di assumersi ogni responsabilità.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…