Passa ai contenuti principali

Sulla Commissione Nazionale di Garanzia del PD




Oggi ho inviato al Presidente della Commissione Nazionale di Garanzia del PD, il Vice-Ministro dell'Economia Enrico Morando, una lettera (aperta) il cui contenuto vorrei far conoscere agli amici che mi leggono su questo blog.

Ecco il testo
Caro presidente,
conosco, perché ce lo hai manifestato, il tuo imbarazzo per la situazione in cui ti trovi, di inconciliabilità di fatto e di inopportunità politica, nel sommare una carica di governo a questa presidenza. Ho ritenuto tuttavia di doverti indirizzare questa lettera (aperta) perché, nell'attesa delle soluzioni che ti sono state promesse dai vertici politici, sei comunque il presidente di questa commissione. E lo sei in un momento delicato, la conclusione dei congressi regionali, la selezione delle candidature per una tornata elettorale di grande importanza.

Nell'affrontare le questioni di nostra competenza ci siamo trovati in più occasioni, ancora nelle ultime settimane, davanti a un problema di fondo, di non facile soluzione. Quando l'applicazione di una norma statutaria, di cui siamo chiamati ad essere custodi, può prestarsi alla considerazione classica “summum ius summa iniuria” ci si pone il dilemma se usare un criterio discrezionale, di ragionevolezza e di proporzionalità, sapendo però che nella discrezionalità è nascosta l'insidia dell'abuso. In più, siamo in un palazzo di cristallo (almeno, tale vorremmo che fosse) e dobbiamo preoccuparci dei riflessi della nostra azione all'esterno, rappresentato da una società che fatica a introiettare come inviolabile il principio di legalità e da una politica spesso tentata di porsi al di sopra della legge.

Ne traggo la conseguenza che la piena funzionalità di questa commissione, assicurando equilibrio, continuità e trasparenza nelle decisioni, sia indispensabile e urgente.

La finisco qui. Non ho soluzioni da proporti ma, conoscendo i principi cui ti sei sempre ispirato, sono certo che non resterai insensibile a questo appello

Cordialmente

Giovanni Principe

P.S: Mi concedo un'appendice, trattandosi dello stesso argomento. Mi è stata segnalata la lettera con cui è stata avviata nel partito la campagna di tesseramento. Non è un'occasione qualunque, è un momento centrale del rapporto tra il vertice, investito del potere politico, e il partito, il suo corpo vitale. Pur essendo in carica un responsabile di organizzazione, per quanto in una situazione non diversa dalla tua, nonché un segretario che ha fortemente voluto la sovrapposizione con la carica di premier, la sottoscrivono due autorevolissimi dirigenti che NON sono però mai stati nominati vicesegretari, come viceversa si qualificano. Non mi sento di considerarla una sottigliezza ma lascio alla tua sensibilità di valutare se il fatto non meriti, se non una censura, almeno una critica che, espressa “ex cathedra”, nel tuo ruolo, non resterebbe certamente inascoltata.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…