Passa ai contenuti principali

A chi fa paura il dibattito interno al PD?

Una brutta giornata per il PD.
Tra Renzi a Torino e D'Alema a Roma, non mi è proprio andata giù.
Il segretario che dice “il PD non perda tempo a litigare al suo interno”. L'ex lider maximo che dice “se la minoranza [o comunque quella “cosa” che si è incontrata a Roma su invito di Cuperlo] si mette a rivedere le virgole di Renzi, rinsecchisce”.
renzi e chiamparino del pd
Questa è dunque l'idea che hanno, del dibattito interno al partito, i due dirigenti che oggi pesano di più nel determinarne le scelte: un litigio che fa perdere tempo (provocato al solo scopo di cercare visibilità), sofismi da cacaminuzzoli (incapaci di organizzarsi come minoranza).

Qui poi, su questo dente, batte la lingua di D'Alema. “Non sono a mio agio in minoranza. Se la maggioranza sente il partito come un peso e non lo organizza, organizziamolo noi, stampiamo le tessere che si è deciso di non stampare più.”
Eppure, nel senso delle parole di D'Alema, quella minoranza a cui si rivolge e che a lui fa riferimento si organizza, eccome! Su quale strategia, su quali proposte non si sa e forse non si saprà mai. Ma intanto si organizza. Intanto presidia saldamente le principali poltrone ministeriali, in tandem con quelli della maggioranza che si fanno riconoscere come AreaDem rappresentati da Franceschini. Hanno stretto un accordo in tempi diversi, e su basi di rapporto diverse, con il segretario ma il risultato non è molto dissimile. Basta dare un'occhiata, oltre che alle cariche di governo, alle candidature, per le europee come per le amministrative, ai segretari delle principali strutture di partito.
Che il capo della maggioranza e il “punto di riferimento” di quella che si definisce come minoranza abbiano la stessa idiosincrasia per il confronto democratico è rivelatore.
Se penso che con “liti da comari”, o “distinguo da rompicoglioni”, ci si riferisce alle considerazioni critiche che vengono avanzate attorno a un progetto di riforma costituzionale che si propone di cambiare l'equilibrio dei poteri tra esecutivo e legislativo e il peso dell'espressione della volontà popolare attraverso il voto...
Se penso che sui capisaldi di quel progetto non è ammessa libertà di opinione da parte dei rappresentanti eletti...
Se ci penso, trovo che il timore che si stia prospettando una virata in senso autoritario del nostro sistema democratico sia giustificato, prima ancora che dal contenuto delle proposte, dal modo con cui le si vuole imporre.
Se penso che a voler accreditare la tesi che il libero confronto democratico sia un ingombro da rimuovere sono, in singolare sintonia, il capo del partito e colui che è stato a capo della ex maggioranza, temporaneamente inciampata in un ruolo di minoranza, mi dico anche che per la minoranza del partito, quella vera, quella che si oppone alla chiusura e alle imposizioni e vuole tenere aperto la spazio di un confronto democratico, non sono tempi facili.
Su tutto questo incombe il monito di Bersani, nello stesso incontro di Roma: non conviene a nessuno scommettere sul fallimento di Renzi.
Appunto. E' proprio così. Proprio perché non ci possiamo permettere di scoprire tra uno o due anni che Renzi ci ha portato, accumulando errori “fatali”, in un vicolo cieco, perché questo paese non si può permettere il lusso di accumulare altri due anni di fallimenti, proprio per questo motivo oggi è fondamentale discutere, obiettare, portare argomenti, aiutarlo a non sbagliare, insomma, e non accontentarsi delle risposte “qui comando io”, perché “è questo che vogliono i due milioni delle primarie”.

In politica l'ultima spiaggia non esiste. E' come l'orco per i bambini, serve a spaventare e a mettere in riga ma non esiste. Succede piuttosto che qualcuno arrivi al capolinea e qualcun altro subentri. Che magari non è migliore, ma per scoprirlo servirà altro tempo. Intanto si sceglie. Tra opzioni limitate, su informazioni condizionate. Il discorso pubblico serve per accumulare informazione e rimuovere i limiti, così funziona la vita associata, proprio come la vita degli individui. 
 

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…