Passa ai contenuti principali

A chi fa paura il dibattito interno al PD?

Una brutta giornata per il PD.
Tra Renzi a Torino e D'Alema a Roma, non mi è proprio andata giù.
Il segretario che dice “il PD non perda tempo a litigare al suo interno”. L'ex lider maximo che dice “se la minoranza [o comunque quella “cosa” che si è incontrata a Roma su invito di Cuperlo] si mette a rivedere le virgole di Renzi, rinsecchisce”.
renzi e chiamparino del pd
Questa è dunque l'idea che hanno, del dibattito interno al partito, i due dirigenti che oggi pesano di più nel determinarne le scelte: un litigio che fa perdere tempo (provocato al solo scopo di cercare visibilità), sofismi da cacaminuzzoli (incapaci di organizzarsi come minoranza).

Qui poi, su questo dente, batte la lingua di D'Alema. “Non sono a mio agio in minoranza. Se la maggioranza sente il partito come un peso e non lo organizza, organizziamolo noi, stampiamo le tessere che si è deciso di non stampare più.”
Eppure, nel senso delle parole di D'Alema, quella minoranza a cui si rivolge e che a lui fa riferimento si organizza, eccome! Su quale strategia, su quali proposte non si sa e forse non si saprà mai. Ma intanto si organizza. Intanto presidia saldamente le principali poltrone ministeriali, in tandem con quelli della maggioranza che si fanno riconoscere come AreaDem rappresentati da Franceschini. Hanno stretto un accordo in tempi diversi, e su basi di rapporto diverse, con il segretario ma il risultato non è molto dissimile. Basta dare un'occhiata, oltre che alle cariche di governo, alle candidature, per le europee come per le amministrative, ai segretari delle principali strutture di partito.
Che il capo della maggioranza e il “punto di riferimento” di quella che si definisce come minoranza abbiano la stessa idiosincrasia per il confronto democratico è rivelatore.
Se penso che con “liti da comari”, o “distinguo da rompicoglioni”, ci si riferisce alle considerazioni critiche che vengono avanzate attorno a un progetto di riforma costituzionale che si propone di cambiare l'equilibrio dei poteri tra esecutivo e legislativo e il peso dell'espressione della volontà popolare attraverso il voto...
Se penso che sui capisaldi di quel progetto non è ammessa libertà di opinione da parte dei rappresentanti eletti...
Se ci penso, trovo che il timore che si stia prospettando una virata in senso autoritario del nostro sistema democratico sia giustificato, prima ancora che dal contenuto delle proposte, dal modo con cui le si vuole imporre.
Se penso che a voler accreditare la tesi che il libero confronto democratico sia un ingombro da rimuovere sono, in singolare sintonia, il capo del partito e colui che è stato a capo della ex maggioranza, temporaneamente inciampata in un ruolo di minoranza, mi dico anche che per la minoranza del partito, quella vera, quella che si oppone alla chiusura e alle imposizioni e vuole tenere aperto la spazio di un confronto democratico, non sono tempi facili.
Su tutto questo incombe il monito di Bersani, nello stesso incontro di Roma: non conviene a nessuno scommettere sul fallimento di Renzi.
Appunto. E' proprio così. Proprio perché non ci possiamo permettere di scoprire tra uno o due anni che Renzi ci ha portato, accumulando errori “fatali”, in un vicolo cieco, perché questo paese non si può permettere il lusso di accumulare altri due anni di fallimenti, proprio per questo motivo oggi è fondamentale discutere, obiettare, portare argomenti, aiutarlo a non sbagliare, insomma, e non accontentarsi delle risposte “qui comando io”, perché “è questo che vogliono i due milioni delle primarie”.

In politica l'ultima spiaggia non esiste. E' come l'orco per i bambini, serve a spaventare e a mettere in riga ma non esiste. Succede piuttosto che qualcuno arrivi al capolinea e qualcun altro subentri. Che magari non è migliore, ma per scoprirlo servirà altro tempo. Intanto si sceglie. Tra opzioni limitate, su informazioni condizionate. Il discorso pubblico serve per accumulare informazione e rimuovere i limiti, così funziona la vita associata, proprio come la vita degli individui. 
 

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…