Passa ai contenuti principali

Il JOBSACT è decreto: altro che "svolta buona"!

La riforma del lavoro targata Renzi ha mosso i primi passi.
Quando se ne è parlato per la prima volta, all'inizio dell'anno, la nota che conteneva un “sommario di prime azioni concrete” è stata accolta con un certo distacco perché non andava oltre un elenco di titoli. Alcuni suggestivi, altri ermetici, altri ancora, diciamo così, poco promettenti. In ogni caso si aspettava di vederne concretamente gli sviluppi, prendendo in parola Renzi che annunciava, a stretto giro, una riunione della Direzione nazionale specificamente dedicata al tema.
Non se ne è fatto niente. Altre emergenze incombevano. Siamo così costretti a giudicare un fatto compiuto, un decreto che con il consueto l'iter parlamentare dovrà essere convertito in legge.

Ripartiamo dalla nota di gennaio (il “Jobs Act”) per seguire il percorso compiuto sui tre capitoli:
  • azioni di sistema: restano all'ordine del giorno, con qualche aggiornamento; in particolare, punto chiave, la riduzione del carico fiscale per i lavoratori dipendenti, non sarà finanziata da “risparmi derivanti dalla revisione della spesa corrente” se non in piccola parte, ma sarà affidata alla trattativa con l'Europa, che deve autorizzare un aumento netto di .2/.4% del deficit. Non è un cambiamento di poca importanza, il risultato è ancora tutto da verificare: ci si deve augurare che l'obiettivo sia tenuto fermo indipendentemente dalle condizioni che si realizzeranno a Bruxelles.
  • quanto al secondo capitolo, la lista di settori su cui puntare per la creazione di posti di lavoro resta tale e quale, in attesa di essere “ingegnerizzata”
  • resta l'ultimo capitolo, quello delle regole, che come primo punto annunciava proprio una “semplificazione delle ... regole attualmente esistenti che sia ben comprensibile anche all’estero”. Voilà, eccoci serviti, di ciò si occupa il decreto, con una sorpresa non da poco.

La semplificazione che ha preso corpo non riduce il numero dei contratti in essere, non li sfronda per dare nuovamente un ruolo centrale al contratto a tempo indeterminato. Quello che viene reso più semplice è il modo di eludere il ricorso a quel tipo di contratto, definito “normale” dalle direttive europee (tradotte, quelle sì, in tutte le lingue dell'Unione).

1) Viene reso più semplice il modo di godere di sgravi contributivi sui neo-assunti pagandoli il 35% della paga contrattuale. Finora tutto ciò era complicato da un'incombenza molto pesante, una regola incomprensibile all'estero: si doveva erogare formazione al giovane neo-assunto, perfino di tipo teorico, perfino fuori del luogo di lavoro, perfino in base a un piano formale, messo per iscritto.
Questo gravame, definito come apprendistato, è stato finalmente abrogato, se non altro per dimostrare alla Germania, dove ancora vige questo sistema come modo generalizzato di ingresso al lavoro, che sappiamo fare riforme molto più moderne di quelle di cui loro sono capaci.
Quale assurdità rappresenti la controriforma dell'apprendistato in un'ottica di investimento sulle “conoscenze in azione” lo spiega bene Andrea Ranieri in questa nota.

2) Il contratto a termine viene ulteriormente liberalizzato, per tre anni niente causali e proroghe a piacimento. Su questo, basti dire che l'Italia è già ora il Paese in cui il mercato del lavoro è più mobile e meno regolamentato, come dimostra lo studio comparato illustrato da Michele Raitano. Gli effetti negativi non sono solo quelli, del tutto evidenti, di ordine sociale, che tutto il PD, almeno sulla carta, combatte portando avanti la bandiera della lotta alla precarietà. C'è anche un effetto nefasto sulla competitività delle imprese, tenute sul mercato anche quando non raggiungono i livelli marginali di efficienza, grazie al sotto-salario (e all'illegalità). Consentendo loro di non investire, e di non ammodernare processi e prodotti si perpetua il ritardo di una fetta sempre più ampia del nostro sistema produttivo.

C'era chi aspettava questa riforma da anni. Ci aveva provato una dozzina d'anni fa il duo Maroni-Sacconi ma non avevano convinto i sindacati (e il prof. Marco Biagi non era d'accordo). Ci ha riprovato Sacconi da Ministro ma non ha fatto in tempo e alla Fornero è sembrata una mossa troppo azzardata.
Era questa la svolta buona che dovevamo aspettarci?

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…