Passa ai contenuti principali

Sette buone ragioni per rifiutare la staffetta.

Se non per convincere Renzi, almeno perché si lasci attraversare dal dubbio

1) Il programma
Non c'è. Non l'ha scritto il PD, mentre quello scritto da Letta non può essere il programma di Renzi (o ho capito male il senso del ricambio). E' dunque tutto da costruire. Il guaio è che sarà costruito DOPO, non PRIMA di aver fatto il governo. Non si è mai visto (tanto per ricordarlo a chi evoca la Grosse Koalition, nata da due mesi di trattative serrate). O pensiamo che il paese possa restare due mesi fermo, ad aspettare che Alfano ci spieghi se i figli di immigrati nati in Italia potranno prima o poi essere cittadini italiani o se si può recuperare un po' di progressività nell'imposizione fiscale?

2) Gli elettori
Senza voce in capitolo. Eppure, nell'anno trascorso dalle elezioni i cittadini hanno fatto le loro riflessioni sulla situazione che si è creata. Non amano il compromesso senza anima (piace al 24%). Sentono l'oppressione della crisi economica. Una parte sempre più larga sta prendendo coscienza del fatto che la crisi in Italia morde più forte che altrove perché il potere economico-finanziario non solo condiziona la politica ma, infettato dal potere criminale, è arrivato a permearla direttamente attraverso l'intreccio affaristico. Perciò, si aspetterebbero che la forze che si contrappongono a quell'intreccio si dimostrassero in grado di produrre una proposta convincente, condivisa, e una legge elettorale che consentisse loro di liberarsi dai condizionamenti e di unirsi per governare.
Se li si condanna a restare in silenzio per altri tre anni, per la terza edizione del compromesso senza anima, si producono invece effetti distruttivi, fino a minare le basi della convivenza civile.

3) I pericoli
La frustrazione degli elettori unita al disagio sociale sempre più grave possono innescare una miscela esplosiva. C'è stata un'evoluzione democratica delle forze dell'ordine (e delle forze armate, più aperte al mondo di altri apparati). Le propaggini del blocco corporativo-conservatore al loro interno sono, sì, solide, ben arroccate, tentate dall'eversione, ma numericamente minoritarie. Per quanto potremo però fare affidamento su questo equilibrio? La nostra storia passata ci insegna che i pericoli possono venire da “formazioni irregolari”, se così vogliamo chiamarle, e che le forze regolari, fedeli alle istituzioni, possono far fatica ad arginarle se la politica invece di guidarle le svia dai loro compiti. E' un pericolo remoto? Non è mai il caso di scherzare col fuoco.

4) L'Europa
La costruzione dell'Europa è a un punto critico che, nei fenomeni fisico-chimici, prelude in genere a una catastrofe, intesa come discontinuità imprevedibile. Tra pochi mesi, dopo le elezioni europee, sarà più chiaro se il cambiamento inevitabile porterà a più Europa, ossia un'intensificazione del processo di unità politica, o a un indebolimento dell'Unione. In questo caso si andrà ad un allentamento dei vincoli (già traballa l'accordo di Schengen, dopo il referendum svizzero) fino a possibili fratture: prima fra tutte, la possibile divisione tra euro forte e euro-sud. Nel 2011, quando l'Italia berlusconiana rischiava di far collassare l'intera Europa l'allarme è scattato per salvare, con l'economia italiana, quella europea (a caro prezzo!). Se cambia il vento l'Europa forte potrebbe invece scegliere di fare della debolezza italiana la leva per una dislocazione dei poteri e una ristrutturazione dell'assetto dell'Europa. In quel caso non solo non ci sarebbe nessun Draghi pronto a iniettare liquidità nel sistema bancario né alcun progetto di costituzione di Euro-bond per impedire la speculazione sui debiti sovrani ma si rischierebbe una manovra di strangolamento (non necessariamente attraverso lo spread, arma spuntata). Un governo inefficiente, di basso compromesso, in quel caso sarebbe, sì, aiutato: a fallire.

5) I precedenti
Il blocco corporativo-conservatore che tiene prigioniero il nostro paese ha già compiuto un'operazione simile 15 anni fa. Allora spaventava Prodi che con l'ingresso nell'euro e il patto per il lavoro con i sindacati aveva raggiunto il massimo consenso (mai più uguagliato in seguito) su un'azione riformatrice, pur tiepida ma di segno inequivocabile. Quel blocco mandò avanti D'Alema, facendo credere che si trattasse di uno spostamento a sinistra (complice Bertinotti) e sviando l'attenzione dai veri protagonisti (guidati da Cossiga), avendo ben chiaro come il programma si sarebbe ispirato a quello di Toni Blair. Oggi quel blocco è spaventato da quello che Renzi potrebbe (forse) fare vincendo le elezioni e governando con una maggioranza solida (quanto basta), attorno a un programma riformatore, pur tiepido. Non è detto che vada così ma quel blocco preferisce non correre rischi e manda avanti … Renzi stesso, consigliato all'uopo dai tanti che quel blocco gli ha disseminato intorno, per imbrigliarlo in una maggioranza saldamente controllata e quindi sbriciolarlo, contando sullo stato confusionale in cui versa il PD dopo lo sfaldamento del gruppo che ne aveva retto le sorti.

6) Il partito
Renzi avrebbe bisogno di un partito dietro le spalle, che potenzialmente rappresenterebbe una notevole forza organizzata, in grado di espandere il consenso, di intercettare istanze e elaborare collettivamente soluzioni. Ma quel partito è in condizioni disastrose. Anni di gestione oligarchica, di un'oligarchia per di più priva di qualunque senso di solidarietà interna, che lo ha usato come mero canale di costruzione di reti clientelari, è diventato un luogo di contesa perenne tra bande armate. La forza potenziale del suo corpo di attivisti è stata così azzerata. Potrebbe essere recuperata e rilanciata ma sarebbe necessaria, per riuscirci, una ricostruzione di lunga lena: diciamo un anno almeno, nella migliore delle ipotesi, con un impegno intenso e costante. Non se n'è ancora avuto sentore. Anzi, i congressi regionali stanno mettendo in evidenza come le dinamiche conflittuali, distruttive, stiano attraversando profondamente l'area che si era raccolta attorno a Renzi (per stravincere e così perpetuarsi). Dalle Marche al Molise, dal Lazio alla Campania, dalla Calabria alla Sicilia, si assiste a lotte fratricide tra esponenti delle diverse anime del renzismo, mentre il vecchio apparato che era rimasto fedele a Bersani e D'Alema sta cercando di ricollocarsi senza però sapere dove. In questa situazione lasciare il partito senza una guida riconosciuta, come intende fare Renzi nel caso traslocasse a Palazzo Chigi, renderebbe impossibile quel processo e il ramo su cui Renzi dovrebbe poggiare finirebbe per spezzarsi definitivamente.

7) La sinistra
Con il disfacimento del PD il percorso di ricostruzione, in Italia, di una sinistra normale, riconoscibile come tale nei cinque continenti, richiederebbe presumibilmente altri dieci anni (due cicli elettorali). Un quarto di secolo è già passato dalla caduta del Muro (e dalla fine del PCI). Va ad aggiungersi ai 45 anni della guerra fredda con la conventio ad excludendum (o fattore K) che avevano prodotto l'anomalia di una sinistra esclusa da ogni prospettiva di governo. Prima, 20 anni di repressione violenta operata dal fascismo. Un'eclissi lunga un secolo … e non è finita. Renzi, non farlo!

Per finire, l'alternativa.
Ci sarebbe.
Letta, dimissionario o sfiduciato, viene invitato a restare in carica per l'ordinaria amministrazione e, come governo di scopo, per modificare la legge elettorale entro sessanta giorni. 
Ben s'intende, dopo che il segretario del maggiore partito, maggioranza (quasi) assoluta alla Camera, abbia notificato al Presidente della Repubblica l'impossibilità di formare un governo e la necessità di sciogliere il Parlamento, così da votare entro l'estate.


Commenti

  1. Ma perché quando il PD può finalmente governare riesce a favorire gli avversari. E' una storia già vista altro che rottamazione!!!!

    RispondiElimina
  2. Gianni concordo quasi su tutto tranne sul fatto che la stragrande maggioranza dei parlamentari inclusi quelli del PD siano disponibili ad approvare una nuova legge elettorale in 60 giorni per andare subito al voto. I deputati sanno bene che in caso di elezioni il 70% di loro resterebbe a casa per non parlare dei senatori che al 100% resterebbero fuori. Quindi siccome i parlamentari non sono disponibili al suicidio, sicuramente non faranno alcuna riforma, almeno che Renzi non dia loro la garanzia di una prospettiva di lungo periodo.

    RispondiElimina
  3. Condivido questa valutazione. Per questo ipotizzavo un governo di scopo a tempo. Se entro 60 gg. non c'è la nuova legge elettorale si sciolgono le Camere e si vota. In questo caso, col Porcellum rivisto dalla Consulta. Rispetto all'Italicum non ci sarebbe il premio né il ballottaggio, ma neppure i nominati. I 5s non sarebbero scelti da Grillo, né la dx da Berlusconi, né i Pd dai capicorrente (ci sarebbero sia le primarie obbligatorie che le preferenze). Non so se sarebbe il male peggiore...

    RispondiElimina

Posta un commento

AVVISO: Questo blog personale è aggiornato senza periodicità, non è una testata giornalistica né un prodotto editoriale (legge n. 62/01).
Eventuali immagini provenienti da fonti non correttamente citate o che violano involontariamente diritti d’autore saranno rimosse se fatto presente a gianprincipe@hotmail.it.
L'autore non risponde dei commenti dei lettori, che saranno rimossi se ritenuti lesivi per terzi, né per i siti collegati da link.
Si possono condividere i contenuti riportando la fonte.

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…