Passa ai contenuti principali

Il PD dopo Renzi. In movimento, verso dove?

Sono passati quasi tre mesi dal risultato delle convenzioni riservate agli iscritti del PD. Quel momento ha segnato un passaggio di fase che lì per lì è stato alquanto sottovalutato, anche se ora la sua importanza comincia ad apparire con chiarezza.
Renzi allora aveva dimostrato di avere un consenso maggioritario anche all'interno dell'apparato di partito, oltre che diffuso su tutto il territorio. Il personale politico che aveva guidato il PD con Bersani, affollando gli scranni parlamentari e monopolizzando gli incarichi di partito, era arrivato al capolinea senza una proposta politica, dimostrandosi gruppo di potere senza più capacità di comando. Scoprendosi incapace di esercitare una direzione politica, si è inevitabilmente diviso al suo interno, alla ricerca di nuovi approdi e nuove legittimazioni.
Da quel momento era chiaro che la nuova partita politica dentro il PD avrebbe avuto due interlocutori principali: Matteo Renzi, ll nuovo leader indiscusso, che dopo due settimane sarebbe stato votato da due milioni di persone (undici volte più di quelli della prima fase) e Pippo Civati, che con coerenza e determinazione aveva espresso a tutto tondo una visione politica e strategica alternativa, raccogliendo nelle primarie quattordici volte i voti della prima fase.
Finalmente, una sinistra non post-comunista, profondamente radicata nel processo di ridefinizione ideologica e strategica che sta vivendo la sinistra mondiale. Un'altra sinistra, i cui fermenti si coglievano non solo nel PD ma in altre formazioni di sinistra e soprattutto in quella vasta area di movimenti attivi sui temi tipici della sinistra odierna: i diritti, la qualità del lavoro, i beni comuni, la sostenibilità dello sviluppo. I temi con cui si declina oggi quello fondamentale per la sinistra, la lotta per l'uguaglianza, le pari opportunità, lo sviluppo della persona umana.
In un paese che stava smarrendo il senso della politica, annegando in un unicum indistinto le diversità strategiche e valoriali tra destra e sinistra, rassegnandosi a una sinistra anomala, eccentrica nel panorama mondiale col definirsi centrista e moderata, la novità non era di poco conto. Una ventata di aria nuova, libera. Un'apertura al mondo che permetteva di scrollarsi di dosso un provincialismo sempre più insopportabile (e nocivo per la tenuta del paese nel contesto mondiale).
Di questo “spirito dei tempi”, di questa ventata di libertà Renzi ha saputo farsi interprete, collocandosi però in continuità con la storia anomala della nostra sinistra, che si definisce moderata (un aggettivo che appartiene al classico bagaglio della destra ma privo del tutto di significato per la sinistra politica, in qualunque accezione la si voglia intendere).
Su questa contraddizione, sul modo di venirne a capo, si misurerà il futuro politico di Renzi e con lui del PD come lo conosciamo. E' però finita un'era. Perché da qui in avanti non si potrà più dire che la sinistra democratica, radicata nel mondo, non ha alternative fuori del PD e che dentro il PD non c'è una sinistra alternativa. Le alternative ci sono, dentro e fuori. Se prevarranno, nella sinistra e, prima ancora, nel PD non è dato saperlo. Che nel PD questa battaglia abbia ora un riferimento chiaro e solido in Pippo Civati è però già ora una certezza.
Le primarie per i segretari regionali del 16 febbraio, guardando con occhio attento i risultati, cominciano a fornire le prime conferme. Tra tutte, si segnala il risultato della Lombardia, nella sua chiarezza. L'opposizione di Civati è oltre il 40%, che è più del peso che aveva l'opposizione di Renzi a Bersani solo un anno fa. In quella regione, ma conferma una tendenza che non si arresta né si attenua. Mentre in giro per l'Italia si muovono, tra i renziani, quelli “della prima ora” che non intendono ammainare la bandiera del rinnovamento. E i Giovani Democratici, delusi dalle scelte opportuniste dell'area che si era raccolta intorno a Cuperlo. Significa qualcosa. Anzi, molto.    

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…