Passa ai contenuti principali

Di nuovo su Isernia (pensierino per le primarie)

Quando si dice che le bugie hanno le gambe corte.

Ricordate la storiella su Isernia? Guardate questi quattro dati.

1)Nella provincia di Isernia escluso Venafro, il luogo dove erano esplose le tessere, alle primarie hanno votato quasi nove volte i votanti della fase riservata agli iscritti.

Sarà il caso dunque di riservare, ai militanti PD della provincia di Isernia (escluso Venafro) che hanno prodotto questo risultato di partecipazione, le lodi che si meritano. Hanno svolto un buon lavoro, ponendo la provincia di Isernia (escluso Venafro) saldamente nella media (a livello nazionale si è passati da 300.000 votanti della fase riservata agli iscritti a 2.800.000 delle primarie).
Sarebbe davvero ingeneroso confonderli in un unico calderone provinciale. Anche perché

2) la provincia nel suo insieme (compreso cioè Venafro) scende invece attorno al 50% della media nazionale.

3) Questo insuccesso si deve tutto e soltanto al circolo di Venafro, dove i votanti delle primarie sono appena il doppio di quelli della fase riservata agli iscritti.

Gli elettori sono stati tenuti lontani? Si, è successo anche questo, se è vero che perfino al Presidente della Regione, capolista per una delle mozioni in lizza, è stato impedito l'accesso al seggio. Un diritto per chiunque, a maggior ragione per un candidato.
Ma poteva bastare questa politica dei respingimenti (devono averla imparata da Bossi e da Fini) per tenere così basso il numero? Certo che no. 
Sappiamo che la verità è un'altra e l'abbiamo già raccontata. Se alle tessere non corrispondevano iscritti ma fantasmi, allora i conti potrebbero anche tornare.
I vertici del PD, come sapete, si sono indignati per il nostro "errore". Continuano tuttavia a non volerci fornire le prove dell'errore. 
Qualcuno racconta che dopo la chiusura del tesseramento, molto dopo, quando ormai il nostro ricorso aveva sollevato lo scandalo, sia arrivato un elenco di nomi e cognomi: tutto da verificare, con scrupolo e rigore. Sta di fatto che gli elettori di Isernia hanno preferito darci credito: 

4) I voti per la mozione Civati sono aumentati di trentacinque volte (si, 3500%) rispetto alla fase riservata agli iscritti.

Ne avevamo avuto sentore all'inizio dell'ultima settimana di campagna elettorale quando in tanti (dieci volte i votanti tra gli iscritti) erano stati ad aspettare più di un'ora, in una sala di Isernia gremita, Pippo Civati in viaggio da Termoli sotto il diluvio universale.

Sul risultato delle primarie siamo tutti chiamati a una profonda riflessione. In cui troverà posto anche questo tema. 
Chi aveva in mano le leve del potere nel partito (molisano così come nazionale) avrà di che riflettere. 
E chi ha vinto promettendo il cambiamento sarà atteso al varco anche su questo piano. "Non ci sostituiremo per giocare la stessa partita con le stesse regole" ha promesso Renzi nel discorso del ringraziamento. Appunto. Perciò, se qualcuno, qua o là, dovesse cascarci, il "capitano" non ci penserà un momento a metterlo fuori rosa, o no? Mica gli si raccomanderà di non farsene accorgere, o no?

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…