Passa ai contenuti principali

Congresso PD 9. Un incontro istruttivo

Mi affaccio a curiosare ad un incontro pre-congressuale per costituire in un circolo PD l'associazione per Renzi (Adesso QuestoPosto). Ospite un parlamentare molto visto in TV, molto vicino a Renzi.
E' diretto, assertivo: “Dobbiamo uscire da questa situazione bloccata. Il partito deve dettare la sua agenda, non subire i ricatti del PDL. Renzi può farlo.” Così cadrà Letta? “No, se saprà fare, sulla spinta del partito, il bene del Paese. Finché lo farà, il PD di Renzi lo appoggerà.

Un militante di lungo corso, molto critico sul PD attuale, interroga: “Il Parlamento è diviso in tre. E lo sarebbe anche dopo eventuali elezioni. Vuol dire che il PD di Renzi, per attuare la sua agenda, andrebbe a cercare i voti in Parlamento e se non avesse l'appoggio del PDL lo chiederebbe all'altra parte?
La risposta del parlamentare, lunga e articolata, ruota attorno al concetto che le elezioni si possono vincere. La voce dalla platea insiste: “Ma se non si vota? E se non avremo la maggioranza assoluta nelle due Camere?”. Il Parlamentare si scusa di dover abbandonare la riunione per tornare ai suoi doveri, la seduta si scioglie.

Non vuol dire niente, obietterà qualcuno. Per me vuol dire molto.
Se il Congresso non dà questo tipo di risposte ai militanti, come potrà fugare i dubbi, le diffidenze, le disaffezioni dei cittadini, che saranno (prima o poi) chiamati a votare?
Facciamo qualche esempio: rimodulazione dell'IMU (anziché abolizione anche per le alte rendite). Aliquote più alte per i più ricchi e tasse più leggere per i redditi da lavoro e per quelli più bassi. Salario di cittadinanza per chi cerca lavoro (non solo per chi lo ha perso). Taglio delle spese militari (F35). Legge elettorale (doppio turno di collegio, o almeno Mattarellum). Taglio dei costi della politica, abolizione delle Province. Riduzione della forbice degli stipendi... E' difficile fermarsi, è un lungo elenco di proposte che si trovano nei documenti del PD e, a lume di naso, godono del favore della maggioranza degli elettori. Ideali, per un'agenda di governo! Invece sono escluse dal programma delle larghe intese perché non condivise dal PDL. E' di questa agenda che parliamo? Sennò, di che parliamo?


Ma se parliamo di questo, la domanda rivolta al dirigente vicino a Renzi (“renziano” non si può più dire) è la domanda a cui per primo deve rispondere, non solo Renzi ma chiunque si candidi a guidare il PD. Dovrà dire se cercherà o no l'accordo con la parte del Parlamento che su quella agenda può convergere (gli ex alleati di SEL e i 5S). Con o senza elezioni. Dovrà condannare chi ha scelto in base a una logica di schieramento (moderato?!) anziché in base a un'agenda e così facendo ha tradito gli elettori.
E dovrà essere credibile.

Quanto a Renzi, ho la netta impressione che voglia sfuggire alla domanda proprio come ha fatto il suo amico nel circolo PD.

Temo che la domanda possa imbarazzarlo per almeno due motivi: 1) perché dovrà avere la forza di spiegare perché si è lasciato tentare dall'idea (che, come sanno anche le pietre, non è stata bocciata da Berlusconi ma da Napolitano) che a guidare le larghe intese fosse lui anziché Letta; 2) perché dovrà scrollarsi di dosso il peso ingombrante dell'appoggio di alcuni dei principali protagonisti della notte dei 101 e della supplica a Napolitano, quindi delle larghe intese. Potrà far finta di non conoscerli ma quelli non sono tipi da amore platonico, mirano al sodo e vogliono “consumare”.

Quanto a Cuperlo, la domanda non gli viene posta neppure: questioni che non lo riguardano, l'importante è che il partito torni ad avere un profilo culturale più alto, a governare ci pensi chi ha lo stomaco per farlo. Ce ne sono, tra i suoi sponsor: niente di meno che D'Alema e Bersani, uniti da amore fraterno.



Sarò pronto a ricredermi nel momento in cui le risposte arriveranno. Fino a quel momento continuerò a non avere alcun dubbio nell'appoggiare il solo che le risposte a queste domande le ha messe al centro della sua azione politica. Per chi non lo sapesse, Giuseppe (Pippo) Civati.


Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…