Passa ai contenuti principali

Congresso PD 8. Che farà Matteo Renzi?

Non vorrei apparire il classico Pierino Guastafeste, ma Matteo Renzi non lo vedo affatto bene. Rischia di vincere il congresso ma di perdere il PD.

“Non sarò la vostra foglia di fico. Con voi dietro, mi fate perdere” aveva detto appena una settimana prima. Ma a Genova, davanti alla folla (in effetti, 5 volte quella di Letta e di Epifani) si è fatto prendere dall'entusiasmo: “Basta con le correnti. Sarò il segretario di un PD unito!”. Senza però chiarire se aveva in mente l'unità dei capicorrente o quella del popolo di sinistra che intende riprendersi un partito davvero democratico, aperto, dinamico, che non tradisca gli elettori rinunciando a battersi per le proposte su cui aveva chiesto il voto.
Lasciando questa ambiguità irrisolta, ha consentito ai capicorrente più “agili” di scegliere rapidamente l'interpretazione per loro più conveniente: “saremo uniti dietro di te”. E ora che farà?

Si farà convincere dai più baldanzosi che lo esortano ad accettare la sfida perché danno per scontato che avrà gioco facile nello smarcarsi, relegando ai margini i sostenitori più “imbarazzanti”? O darà ascolto agli umori di quelli che intravedono in queste mosse di avvicinamento i segnali di un ritorno di Matteo Renzi nei ranghi? Della rinuncia a qualunque idea di ricambio radicale del gruppo dirigente (e della cultura del compromesso che lo caratterizza)?
Certo, quegli umori potrebbero restare comunque nell'alveo se fossero incanalati verso l'opposizione che Pippo Civati rappresenterà in congresso (quanto a Gianni Cuperlo, ci tiene molto a smarcarsi da Renzi ma non sembra imbarazzato più di tanto dall'appoggio degli altri capicorrenti orientati a dare vita a una sorta di squadra B, all'interno dello stesso schema di gioco). Ma è evidente che gli argomenti con cui Civati controbatte a chi lo accusa di ingenuità, perché non intende rinunciare a condurre la sua battaglia dentro il PD, perderebbero molto della loro forza.

E non dimentichiamo che all'orizzonte si profila l'insidia di un Super-porcellum, in via di concepimento ad opera del duo Violante – Quagliariello, con la previsione di una sfida finale tra le due migliori coalizioni “non vincenti”. Coalizioni di partiti. Con un PD che ha gettato alle ortiche quel tanto di coalizione a cui aveva dato vita con “Italia Bene Comune”. Davvero potrebbe farcela, da solo, il front-man Renzi, con la sua capacità comunicativa, a rigenerare l'immagine del PD partito o non sarebbe reale il rischio di rimanere fuori dai play off?


Davvero un groviglio in cui non è facile districarsi. E non è tutto.
Le convulsioni del PdL, ossessionato dall'idea di rimanere orfano di Berlusconi e stressato dalle convulsioni ancora più violente di un Berlusconi a fine carriera, potrebbero riservarci una crisi di governo a breve. Che porterebbero l'attuale leadership del PD, ci si può giurare, a dare per scontato il rinvio del congresso. Il canto delle sirene potrebbe suonare soave alle orecchie di Matteo Renzi: “se non sai uscire dal groviglio, rinvia, rinvia, rinvia...” Dove sta scritto che un pisano sia più furbo di un fiorentino nella tattica del rinvio?

Ulisse si fece tappare le orecchie per resistere al canto delle sirene. A Matteo Renzi nemmeno basterebbe tapparsi le orecchie. Dovrebbe anche trovare una soluzione alternativa. Cioè, battersi contro il rinvio del congresso. E dare un dispiacere mortale ai suoi sponsor imbarazzanti. E scoprire forse, alla fine della fiera, che fare opposizione può essere molto difficile ma, se la si sa fare, anche esaltante.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…