Passa ai contenuti principali

Il PD verso il congresso. 2. Si comincia discutendo del nulla

PARLARE DI RENZI PER NON PARLARE DI POLITICA
A giudicare da quello di cui si sta discutendo in questi giorni, e da quello di cui si tace, il congresso del PD comincia sotto pessimi auspici.
Si discute molto del ruolo di Renzi. Per scoprire, come se fosse una novità, che nutre l’ambizione di guidare il governo del Paese. O per avanzare il sospetto che, dopo aver fatto fuoco e fiamme per contrapporsi al segretario del partito, con tanto di deroga allo statuto, nelle primarie di coalizione, ora pensi di tornare alla figura unica.
La questione che pone Renzi è diversa. La pone attraverso la stampa tedesca e evita di argomentarla, come è nel suo stile. Ma i suoi interlocutori si guardano bene dall’affrontarla nel merito. Si tratta di questo: l’incarico di segretario sarà incompatibile con la candidatura a premier?

IL TRIONFO DELL'OVVIO
Non si pensi che sia una fantasia di mezza estate del sindaco di Firenze. Non la pone perché ha preso un colpo di sole ma perché ci sono varie correnti (non tutte “di pensiero”) che hanno preso a sostenere questa tesi, con un ribaltamento radicale di impostazione rispetto a quella originaria su cui è stato fondato il PD. Non c’è nulla di scandaloso. E’ però un bruttissimo segnale che non si confrontino argomenti seri attorno a questo tema ma ci si limiti a piantare bandierine o, peggio, a tirar fuori battute e baggianate. Come quelle di chi insinua che sarebbe il segno di un’ambizione sfrenata (paragonabile, per capirci meglio e senza offesa per nessuno, a quella di un Veltroni o di un Bersani). O di chi argomenta che il partito è così mal ridotto che serve qualcuno che ci si dedichi a tempo pieno (come se Veltroni, Franceschini e Bersani lo avessero fatto a tempo perso).
In effetti, se si tratta di questo, e di questi argomenti, basta e avanza il puro e semplice buon senso, il richiamo all'ovvio in cui è maestro D'Alema, non a caso pronto a dire la sua. Senza togliere a un iscritto al PD, che avesse i numeri per farlo, la possibilità di candidarsi alla guida della coalizione anche se non è il segretario, apparirebbe perfino bizzarro fissare per statuto una norma che faccia divieto al segretario nazionale, unico tra tutti i tesserati, di candidarsi alle primarie di coalizione per la presidenza del consiglio.
Insomma, una discussione attorno al niente, utile solo a evitare che si discuta in modo aperto della durata di questo governo e del come superarlo (visto che non è quello che il suo stesso premier vorrebbe …), dei tempi del congresso (in funzione del rilancio e della ricostruzione del partito o delle esigenze del governo) e, perché no, del dualismo Letta-Renzi.

FABRIZIO BARCA, CHI ERA COSTUI?
Quella su cui si dovrebbe discutere è un’altra questione, di primaria importanza, che Fabrizio Barca ha il merito di aver sollevato con dovizia di argomenti nel suo documento sul “Partito nuovo” (per il buon governo). Una questione su cui si è preferito sorridere per il termine usato per definirla, un pochino desueto (“catoblepismo”). Che però riguarda un tema cruciale, il rapporto tra partito e istituzioni e la necessità di stabilire una chiara divisione di ruoli. E che richiama l’attenzione su una doppia degenerazione, quella dell’occupazione delle istituzioni, fin negli apparati amministrativi che ne dipendono, da parte dei partiti e quella della riduzione del ruolo dei partiti a pure “infrastrutture di servizio” delle istituzioni.

Ma, ormai si è capito, per tutto ciò che odora di politica gli ordini di scuderia sono chiari: “alla larga!”

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…