Passa ai contenuti principali

Perché non provare a ribaltare il copione?

Ancora una volta il PD discute se dire si o no a Berlusconi. E' possibile dichiararlo ineleggibile in base alla legge del 1957?
Non arrivo a capire: non si può rovesciare il tavolo e far votare le proposte del PD su conflitto di interessi e  incompatibilità, legge elettorale (maggioritario a doppio turno di collegio), corruzione e reati finanziari, per le quali esiste, almeno sulla carta, un'ampia maggioranza in Parlamento? Il problema dell'ineleggibilità sarebbe risolto solo a partire dalla prossima legislatura. Ma non si darebbe una soluzione anche ai problemi di quella in corso? 

So di andare controcorrente, magari dico una sciocchezza, ma non mi scandalizza l'idea che si voti a favore dell'eleggibilità di Berlusconi. 
Penso però che un partito che si rispetti, tanto più se alla guida c'è uno che dovrebbe avere dimestichezza con la contrattazione, dovrebbe “inquadrare” questa scelta in una trattativa con cui far avanzare le sue posizioni. Traendo vantaggio dalla disponibilità concessa sul voto per B.

Un passo preliminare potrebbe consistere nella richiesta di un rinvio della votazione sul presidente e sulla convocazione della Giunta. Non sarebbe una concessione: al contrario, se si raggiunge l'accordo, bene, altrimenti ci si regola diversamente.

Dopo di che, quali provvedimenti si dovrebbero reclamare, annunciandoli alla delegazione PDL e al popolo italiano? Ecco un possibile elenco:
  • Ineleggibilità e conflitto di interessi. Sembra che ci stia lavorando Massimo Mucchetti. Se l'argomento a favore di Berlusconi è che la vecchia legge del 1957 non appare applicabile con chiarezza al suo caso, una nuova legge deve essere a prova di qualunque equivoco. Quanto alla natura delle concessioni e delle attività connesse all'informazione, quanto a controllo e proprietà di pacchetti azionari e quanto a gradi di parentela. Si farebbe fuori Berlusconi? Nossignori, lo si inviterebbe, per continuare a proporsi come leader della destra italiana, a privarsi delle proprietà dirette o indirette di Mediaset, Mondadori, Il Giornale e di costringere figli e fratelli a fare altrettanto. Pensate quanto bene potrebbe fare davvero al Paese reinvestendo una fortuna ragguardevole in attività imprenditoriali che non rientrerebbero nella casistica di legge, magari rilevando aziende in difficoltà. Dalle calzature alla componentistica per auto, dall'alluminio all'agricoltura biologica, dal wellness alla cantieristica (non nomino la grande distribuzione organizzata visto che il settore non gli ha portato fortuna), l'elenco sarebbe infinito.
  • Legge elettorale. Maggioritario a doppio turno di collegio. E' la posizione ufficiale del PD (se non vado errato lo è tuttora), non c'è bisogno di dire altro. Il minimo sindacale è dato dal ritorno al Mattarellum (con i correttivi essenziali sullo scorporo e sulle preferenze di genere), su cui ha già presentato una proposta Anna Finocchiaro. Tempestiva, ci mancherebbe.
  • Corruzione (procedere dove si era “interruptus” il governo Monti), concussione (cancellare il regalino della Severino), falso in bilancio (tornare a una legislazione in linea con i parametri internazionali).

Naturalmente il PDL obietterebbe che le priorità per il Paese sono altre. Ma è un argomento debolissimo: adottare questi provvedimenti non impedirebbe di fare pressioni sull'Europa per rivedere la politica dell'austerità o di correggere il disastro sugli esodati e i pasticci della “riforma” Fornero o di saldare i debiti della PA verso le imprese.
Si dirà: il PDL potrebbe a buon diritto minacciare la caduta del governo in quanto sarebbero approvati con una maggioranza diversa da quella che lo appoggia. Attenzione: a parte il fatto che non c'è nessun vincolo di questo genere (ci sarebbe solo se la coalizione poggiasse su un accordo politico generale), se c'è una maggioranza per votare i provvedimenti che ho elencato, la stessa maggioranza potrebbe decidere di non andare al voto in caso di caduta del governo.

Certo, il ragionamento svolto fin qui non vale se quella parte del PD che ha impedito l'elezione di Prodi (un po' più larga dei 101 che sono diventati emblematici con la loro astensione) non considera in realtà il governo Letta frutto di un accordo “di emergenza”, o di servizio, quanto piuttosto espressione di una coalizione politica di legislatura. In quel caso non si darebbe trattativa alcuna, mancando la fonte del conflitto. Se si va d'amore e d'accordo non si contratta ma ci si sposa.

Ma, sia chiaro, il dubbio lo espongo solo come pura ipotesi di scuola.  

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…