Passa ai contenuti principali

Perché non provare a ribaltare il copione?

Ancora una volta il PD discute se dire si o no a Berlusconi. E' possibile dichiararlo ineleggibile in base alla legge del 1957?
Non arrivo a capire: non si può rovesciare il tavolo e far votare le proposte del PD su conflitto di interessi e  incompatibilità, legge elettorale (maggioritario a doppio turno di collegio), corruzione e reati finanziari, per le quali esiste, almeno sulla carta, un'ampia maggioranza in Parlamento? Il problema dell'ineleggibilità sarebbe risolto solo a partire dalla prossima legislatura. Ma non si darebbe una soluzione anche ai problemi di quella in corso? 

So di andare controcorrente, magari dico una sciocchezza, ma non mi scandalizza l'idea che si voti a favore dell'eleggibilità di Berlusconi. 
Penso però che un partito che si rispetti, tanto più se alla guida c'è uno che dovrebbe avere dimestichezza con la contrattazione, dovrebbe “inquadrare” questa scelta in una trattativa con cui far avanzare le sue posizioni. Traendo vantaggio dalla disponibilità concessa sul voto per B.

Un passo preliminare potrebbe consistere nella richiesta di un rinvio della votazione sul presidente e sulla convocazione della Giunta. Non sarebbe una concessione: al contrario, se si raggiunge l'accordo, bene, altrimenti ci si regola diversamente.

Dopo di che, quali provvedimenti si dovrebbero reclamare, annunciandoli alla delegazione PDL e al popolo italiano? Ecco un possibile elenco:
  • Ineleggibilità e conflitto di interessi. Sembra che ci stia lavorando Massimo Mucchetti. Se l'argomento a favore di Berlusconi è che la vecchia legge del 1957 non appare applicabile con chiarezza al suo caso, una nuova legge deve essere a prova di qualunque equivoco. Quanto alla natura delle concessioni e delle attività connesse all'informazione, quanto a controllo e proprietà di pacchetti azionari e quanto a gradi di parentela. Si farebbe fuori Berlusconi? Nossignori, lo si inviterebbe, per continuare a proporsi come leader della destra italiana, a privarsi delle proprietà dirette o indirette di Mediaset, Mondadori, Il Giornale e di costringere figli e fratelli a fare altrettanto. Pensate quanto bene potrebbe fare davvero al Paese reinvestendo una fortuna ragguardevole in attività imprenditoriali che non rientrerebbero nella casistica di legge, magari rilevando aziende in difficoltà. Dalle calzature alla componentistica per auto, dall'alluminio all'agricoltura biologica, dal wellness alla cantieristica (non nomino la grande distribuzione organizzata visto che il settore non gli ha portato fortuna), l'elenco sarebbe infinito.
  • Legge elettorale. Maggioritario a doppio turno di collegio. E' la posizione ufficiale del PD (se non vado errato lo è tuttora), non c'è bisogno di dire altro. Il minimo sindacale è dato dal ritorno al Mattarellum (con i correttivi essenziali sullo scorporo e sulle preferenze di genere), su cui ha già presentato una proposta Anna Finocchiaro. Tempestiva, ci mancherebbe.
  • Corruzione (procedere dove si era “interruptus” il governo Monti), concussione (cancellare il regalino della Severino), falso in bilancio (tornare a una legislazione in linea con i parametri internazionali).

Naturalmente il PDL obietterebbe che le priorità per il Paese sono altre. Ma è un argomento debolissimo: adottare questi provvedimenti non impedirebbe di fare pressioni sull'Europa per rivedere la politica dell'austerità o di correggere il disastro sugli esodati e i pasticci della “riforma” Fornero o di saldare i debiti della PA verso le imprese.
Si dirà: il PDL potrebbe a buon diritto minacciare la caduta del governo in quanto sarebbero approvati con una maggioranza diversa da quella che lo appoggia. Attenzione: a parte il fatto che non c'è nessun vincolo di questo genere (ci sarebbe solo se la coalizione poggiasse su un accordo politico generale), se c'è una maggioranza per votare i provvedimenti che ho elencato, la stessa maggioranza potrebbe decidere di non andare al voto in caso di caduta del governo.

Certo, il ragionamento svolto fin qui non vale se quella parte del PD che ha impedito l'elezione di Prodi (un po' più larga dei 101 che sono diventati emblematici con la loro astensione) non considera in realtà il governo Letta frutto di un accordo “di emergenza”, o di servizio, quanto piuttosto espressione di una coalizione politica di legislatura. In quel caso non si darebbe trattativa alcuna, mancando la fonte del conflitto. Se si va d'amore e d'accordo non si contratta ma ci si sposa.

Ma, sia chiaro, il dubbio lo espongo solo come pura ipotesi di scuola.  

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…

Sistema elettorale e crisi della democrazia

La discussione sulla nuova legge elettorale è ferma in attesa del risultato delle primarie del PD (scontato, conterà solo l'affluenza), ma è convinzione generale che l'esito si discosterà di poco da quello disegnato dalla Consulta con la sua sentenza sull'Italicum. Un sistema proporzionale. Soglie, premio (al partito o alla coalizione), capilista bloccati: queste le sole incognite. Poi si dovrà trovare il modo di applicarla al Senato e disegnare i collegi. Pochi si aspettano sorprese.

Elettori alle urne: per decidere cosa? La domanda che si pone, così stando le cose, è la seguente: a quale scelta politica di fondo saranno chiamati gli elettori? Tra quali alternative di governo realisticamente possibili eserciteranno il loro diritto/dovere di scelta? e (se non è utopia) tra quali programmi alternativi? Stando ai sondaggi degli ultimi mesi, la risposta, secca, è che non solo non ci saranno alternative possibili tra cui scegliere ma non ci sarà nessun vincitore. C'è di pi…