Passa ai contenuti principali

No, il Porcellinum no!!!


A leggere i giornali stamattina, il PD sembra colto da un sussulto. Autorevolissimi dirigenti dichiarano indigeribile il Porcellinum che dovrebbe sostituire il Porcellum.

Ci ritroveremmo con un proporzionale puro (o quasi) a liste bloccate. 
Mentre presentiamo una legge di attuazione del dettato costituzionale per quello che riguarda lo statuto dei partiti, andremmo a confezionare una legge ad uso e consumo dei partiti piramidali a struttura proprietaria.
Mentre chiediamo a gran voce che finalmente l'elettorato possa scegliere nella chiarezza la proposta politica che meglio lo rappresenta, gli offriremmo un sistema elettorale che ha come esito obbligato la grande coalizione, la confusione e lo stallo.
Parliamo di “messa in sicurezza” per poter votare in caso di caduta del governo Letta senza doverci ritrovare nella stessa situazione (che definiamo “di emergenza”) in cui ci siamo trovati dopo il voto con il Porcellum però saremmo capaci di inventare un meccanismo che renderebbe questa situazione immodificabile.
La differenza starebbe tutta in un solo dettaglio: la guida del Paese tornerebbe a Berlusconi. Ovviamente, in coalizione, visto che due terzi dell'elettorato non ne vogliono più sapere di lui.

A rischio il governo Letta se si va oltre il “lifting” descritto da Brunetta, obietta qualcuno. Stiamo scherzando? Quel Porcellinum, sì, segnerebbe la fine del governo Letta. Istigazione a staccare la spina.
In questo Parlamento un'ampia maggioranza (almeno sulla carta, questo bisogna ammetterlo dopo la notte dei 101) è favorevole al ritorno al Mattarellum (intanto una proposta l'ha presentata Anna Finocchiaro), anche con le correzioni suggerite dall'esperienza (come l'abolizione dello scorporo). E' perfino probabile che siano già mature le condizioni per passare direttamente al maggioritario a doppio turno di collegio che, fino a nuovo deliberato, è anche la posizione ufficiale del PD.
Dunque un'altra strada è possibile. E mi sentirei di aggiungere qualcosa in più. In questa ipotesi credo di poter dire, con una certa sicurezza, che Berlusconi sarebbe assalito dal forte timore che in caso di caduta del governo Letta possa consolidarsi sul piano politico generale la stessa maggioranza sperimentata attorno alla legge elettorale. E che questo solo timore lo porterebbe a evitare qualunque tentazione di far cadere il governo Letta.
Ma poi, mi ripeto rispetto al post precedente, se anche dovesse cadere il governo Letta - a maggior ragione se il motivo fosse il formarsi di una maggioranza PD–M5S su un provvedimento come la legge elettorale - perché mai si dovrebbero sciogliere le Camere e andare a votare? Non si verificherebbero piuttosto le condizioni, che a marzo non si erano create, per sottoporre a Napolitano l'ipotesi di una diversa maggioranza?
I grillini non ci starebbero? Ma non sarebbe un'occasione ghiotta anche per loro quella di rendere Berlusconi, che lo si consideri o meno eleggibile, ininfluente, cioè emarginabile? Davvero non hanno fatto i conti con l'orrido film del confronto col PD in streaming? O davvero sono lì solo per alimentare la popolarità (e qualcos'altro) del duo Grillo - Casaleggio?
E i 101? So che il problema potrebbe essere quello. Ma, direbbero i legulei, “ne bis in idem”. Non ci azzecca? Ci azzecca, ci azzecca ...

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

Uscire dal guazzabuglio, fare chiarezza

Avevo appena pubblicato un post pieno di dubbi e di sospetti sulle ombre che avvolgono le vicende politiche di questi giorni, quando il “governo del cambiamento”, che sembrava destinato a rientrare tra le stramberie della storia, è tornato in auge, redivivo. Il voto del popolo sovrano è tornato a contare, ma un’informazione chiara e veritiera sull’accaduto continua ad essere negata. Mentre il consenso informato, come insegnano i classici, è uno dei pilastri della democrazia. Nel post sostenevo che, nel velo di oscurità, un primo elemento di verità sulle forze in campo e i rispettivi obiettivi ce lo avrebbe fornito Salvini una volta che il nuovo governo si fosse presentato alle Camere. Perché sarebbe stato costretto a pronunciarsi sulla data delle elezioni (da cui derivava anche la possibilità teorica di cambiare legge elettorale) e sulla coalizione in cui si sarebbe schierato.

Dietro i colpi di scena, la politica resta nell'ombra
Il premier di quel momento, Cottarelli, non si è pre…

C’ È ANCORA UN FUTURO PER I PARTITI?

Il progetto di dare vita a un partito di sinistra alternativo ai tre poli e alle politiche liberiste, stando al risultato del 4 marzo, non ha convinto l’elettorato. Il calo sensibile del PD non ha prodotto un travaso di voti verso la sinistra, che ha invece seguito, fatte le debite proporzioni, la stessa sorte.
Riletta in questa luce, l’ipotesi su cui era partito il “percorso del Brancaccio” potrebbe sembrare avvalorata. L’appello agli esclusi, ai senza voce e ai senza rappresentanza, basato su una presa di distanza radicale dalle politiche che hanno ampliato le diseguaglianze e alimentato l’esclusione, può essere vista come l’unica strada da tentare per restituire a quel popolo la sinistra di cui avrebbe bisogno e alla sinistra politica il popolo che ha perduto. Sarebbe però un’ingenuità. Come lo sarebbe pensare di cavarsela attribuendo tutta la responsabilità dell’insuccesso all’autoreferenzialità o alla miopia dei gruppi dirigenti che hanno dato vita alle due operazioni uscite sconf…

Che (bruttissimo) tempo che fa

Se il PD fosse il partito che prometteva di essere alla fondazione, “non autosufficiente ma maggioritario, non la pura conclusione di un cammino ma una forza del cambiamento”[1] la Direzione che si riunisce, per la prima volta dal 4 marzo[2], per valutare la strada da intraprendere non avrebbe all’o.d.g. la decisione di aprire o meno il confronto con i Cinquestelle per formare il nuovo governo ma un tema di respiro decisamente più ampio. Se fosse quel partito, il suo gruppo dirigente sarebbe chiamato a dibattere sulla situazione sociale e politica del paese quale emerge del voto e, su queste basi, a formulare una proposta, come partito, per il futuro del paese. Da rivolgere agli elettori e alle forze politiche con cui deve misurarsi.

Ma quel partito non è mai nato. E il partito che è nato ha concluso la sua storia. Dopo anni convulsi, in cui ha cambiato cinque segretari in sei anni e tagliato le gambe, al momento della scelta del nuovo Presidente della Repubblica nel 2013, al suo candi…