Passa ai contenuti principali

Assemblea nazionale PD. Spigolature. 2. Come si eleggerà (per la 2a volta) il successore di Napolitano?


Rimuovere il tema dei 101, come molti autorevoli dirigenti hanno fatto all'assemblea del PD, non è solo una riprovevole dimenticanza che alimenta il sospetto di una connivenza. E' un errore che può essere fatale più ancora di quello commesso con quell'atto.


Gli anonimi “traditori” (che hanno imposto la loro linea a tutto il PD) hanno sceelto di non affrontare la discussione sulla scelta del Presidente della Repubblica per evitare un confronto sulla linea politica che, temevano, li avrebbe visti largamente perdenti.
Ma quella discussione non si può evitare. Né la si può rinviare all'infinito.
Si comprende facilmente che l'acume tattico dei leader di quella corrente del PD (che per comodità chiamerò "P101") punta a un rinvio fino a dopo il congresso così da poter insediare un gruppo dirigente “controllabile”, senza affrontare la verifica del consenso. Scelta rischiosa, corsa contro il tempo (in contraddizione con l'esigenza di prendere tempo per lasciar “sbollire gli ardori” della base in rivolta).
Si dà infatti il caso che Napolitano abbia accettato la riconferma ponendo una precisa condizione: che non avrebbe in nessun caso sciolto le Camere. Se dovesse cadere il governo Letta, dunque, rassegnerà le dimissioni.
Gli strateghi della P101 possono immaginare di portarlo ancora una volta al compromesso. Ma la propensione per le larghe intese di Napolitano trova un limite invalicabile nella salvaguardia dell'immagine di sé che consegnerà alla storia. Se sciogliesse le Camere in una situazione in cui è più che probabile una vittoria elettorale (pur di stretta misura) di Berlusconi, che lo metterebbe in condizioni di riprendere le redini del governo per poi salire al Colle senza il minimo sforzo, gli sarebbe imputata definitivamente la responsabilità di un dominio di Berlusconi e del berlusconismo sull'Italia. Che significherebbe, con ogni probabilità, la fine del progetto dell'Unione Europea, oltre ai lutti che comporterebbe per il nostro martoriato Paese. Questo esito Napolitano non intende consentirlo.
Dunque, se mai si verificasse un incidente di percorso prima del Congresso (nel senso di un ennesimo incidente, del genere di quelli che stiamo vivendo già quotidianamente, che non si riuscisse tuttavia a comporre decentemente) si porrebbe una questione semplice semplice. Quale sarebbe il candidato del PD e con quali forze si cercherebbe, di nuovo, un'intesa?
Anche alla P101, che pensa che l'eventualità non si verifichi, la domanda va posta. Perché sappiano che non potranno dormire tra due guanciali.
La combinazione di un assist formidabile come quello che Grillo ha fornito ai fautori del governissimo e di un'incredibile sequenza di errori madornali come quelli che hanno costellato la gestione PD della vicenda al primo ciak, è destinata, per puro calcolo statistico, a non più ripetersi.
“Andiamo anche noi”, un partito allo sbando, per vedere l'effetto che fa? “No, tu no”. Perché? Perché non si può assistere al suicidio della sinistra stando con le mani in mano. Non avverrà. Non prevarranno.

p.s. A proposito di P101. Codice etico PD, art. 3 (Responsabilità personale e autonomia della politica):
1 Le donne e gli uomini del Partito Democratico si impegnano, in particolare, a:
...
  1. non appartenere ad associazioni che comportino un vincolo di segretezza o comunque a carattere riservato”.
A maggior ragione se si tratta di associazioni all'interno stesso del partito! Lo segnalo a chi teme il proliferare di correnti (che almeno sono alla luce del sole).

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…